Erboristeria Arcobaleno

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


Prodotti disponibili LINEA TEDESCA

Micoterapia

LINEA TEDESCA (fungo in toto)

Controllate sempre la provenienza dei funghi terapici. I funghi sono catalizzatori di tossine ed anticrittogamici. Perció i funghi di bosco o funghi che crescono spontanei sul territorio non possono essere utilizzati come terapici perché sono giá caricati con tossine dal fondo dove crescono e dall´inquinamento.

Certificazioni dei prodotti proposti




I funghi medicinali sono stati utilizzati per millenni nella Medicina Tradizionale Cinese e in generale per il mantenimento di un buono stato di salute. Gli standard terapeutici della medicina orientale non sono condivisi dalla medicina occidentale, tuttavia negli ultimi 10-20 anni la ricerca scientifica ha fornito una grande quantitá di informazioni sui composti bioattivi contenuti nei funghi medicinali e sui loro meccanismi di azione evidenziando il potenziale beneficio da essi offerto.

II regno dei funghi, che comprende in realtá anche le muffe e i lieviti, vanta milioni di esemplari,ma di questi solo una parte è stata finora studiata per comprenderne le caratteristiche e le proprietá. E' un mondo affascinante, che gli scienziati indagano non solo a scopi conoscitivi: alcune delle sostanze prodotte dal metabolismo secondario dei funghi hanno infatti proprietá medicinali, soprattutto antibiotiche (es. penicillina) molto usate dalla medicina occidentale, altre potranno forse essere impiegate nella lotta ai tumori (es. la spirolaxina con attivitá antiangiogenetica).

Attualmente l'evidenza degli effetti positivi dei funghi nel
trattamento delle malattie degenerative trova sempre maggiori conferme anche da parte della medicina occidentale e sempre piú composti da essi isolati si dimostrano promettenti. In questo contesto si inserisce l'iniziativa di un gruppo di professionisti: medici, biologi, farmacisti e veterinari che hanno recentemente costituito l'Associazione Scientifica Internazionale senza fini di lucro chiamata International Mycotherapy Institute.

(L'immagine è tratta dal libro: Ivo Bianchi, MICOTERAPIA, i funghi medicinali nella pratica clinica, Palermo, Nuova Ipsa Editore, 2008)



PRODOTTI FORNITI DA FREELAND SRL specializzata nell´importazione di funghi interi, micelio e spore. FREELAND si affida a partner professionali europei certificati ISO 9001:2000 che effettuano produzione rigorosamente biologica e seguono standard GMP. I funghi FREELAND, sia micelio che frutto intero, sono coltivati biologicamente e i criteri di lavorazione seguono gli standard GMP europei. Le preparazioni di fungo intero sono costituite da 100 % di corpo fruttifero essiccato e incapsulato secondo procedure standard altamente controllate, quelle di micelio contengono 100% micelio e primordia e sono lavorate secondo un processo che assicura una polvere di biomassa uniforme e con un elevatissimo grado di purezza negli standard 0.F.A. (Organic Food Act).

PER AUMENTARE LA BIODISPONIBILITA' NELL'ASSUNZIONE DEI FUNGHI SI SUGGERISCE DI ASSUMERE CONTEMPORANEAMENTE ASCORBATO DI POTASSIO ( MICO-COMPLEX)


LINEA TEDESCA


UTILIZZO: FASE ACUTA e SUBACUTA

FORMULAZIONE: FUNGHI IN TOTO

Linea molto efficace, sicura e bilanciata (con effetto sinergico dovuto all´utilizzo di tutte le parti del fungo).
Per l´utilizzo delle formulazioni Mix si consiglia l´uso in abbinato ad altri funghi.

Fungo intero
Gli effetti benefici si ottengono soprattutto con l’utilizzo del fungo intero grazie alla sinergia di sostanze in esso presenti che lavorano insieme alle giuste concentrazioni e senza effetti collaterali.
Il nostro sistema immunitario è costituito da cellule di diverso tipo con funzioni diverse; il numero e l’attività di queste cellule sono importantissimi e devono essere in equilibrio per ottenere un buon funzionamento. Uno squilibrio o un indebolimento delle difese può portare all' evoluzione di malattie anche degenerative e per questo la modulazione del sistema immunitario diventa particolarmente importante.

Come funzionano i funghi
Un organismo sovraccarico di tossine ambientali e alimentari, stressato e affaticato avrà un sistema immunitario più lento e meno efficace. Studi scientifici su pazienti oncologici hanno dimostrato che l’utilizzo del fungo intero permette la riattivazione cellulare e il potenziamento del sistema immunitario e stimola la reazione dell’organismo nei confronti della malattia. La modulazione del sistema immunitario da parte dei funghi avviene quando c’è squilibrio, mentre un sistema immunitario perfettamente funzionante non viene stimolato. L'attività del fungo e dei suoi componenti è quindi un’attività adattogena e di regolazione e non uno stimolo aspecifico. Le proprietà chelanti dei funghi permettono di legare le sostanze tossiche presenti nei tessuti e di eliminarle potenziando ulteriormente l’organismo e conseguentemente anche il sistema immunitario.

Errori nei singoli approcci
I funghi contengono numerosissime molecole bioattive; la scienza ne conosce solo una minima parte e tende ad isolarle e a studiarle separatamente. Se anche dal punto di vista scientifico questo tipo di approccio serve a spiegarne i meccanismi d’azione, si perde la sinergia di tutte le sostanze in essi contenute che si completano e si potenziano osi modulano reciprocamente.
Se anche gli estratti oi singoli composti isolati dal fungo sono risultati efficaci nel trattamento di alcune patologie e sono utilizzati in numerosi studi scientifici, il loro utilizzo ha spesso portato alla comparsa di effetti collaterali, cosa che non succede con l’utilizzo del fungo intero. L’utilizzo del fungo intero è sicuro: dosi fino a I5g per somministrazione non hanno evidenziato effetti collaterali.

L’azione adattogena e detossificante è ottenuta solo con l’utilizzo del fungo intero
Gli estratti contengono solo una piccola parte delle molteplici sostanze contenunte nel corpo fruttifero del fungo. Per questo motivo gli estratti non hanno un effetto adattogeno. Quando il nostro sistema immunitario è sbilanciato il fungo intero agisce riequilibrandolo. Lutilizzo degli estratti può in qualche caso aggravare lo squilibrio. Inoltre gli estratti, a differenza del fungo intero, non svolgono una vera e propria funzione detossificante e non prowedono. dunque, alla naturale eliminazione della tossicità.

Fungo intero e micelio contengono una diversa sinergia di sostanze bioattive
Nel micelio manca quella parte di sostanze nutritive che viene prodotta nelle lamelle del corpo fruttifero e che va a formare le spore, ossia tutta la parte rigenerativa del fungo. La parte rigenerativa in particolare del Reishi contiene la maggior parte delle sostanze antiinfiammatorie (triterpeni). Gli estratti e il micelio non contengono queste sostanze. D’altra parte il micelio contiene invece molti enzimi e sostanze antiossidanti e il suo utilizzo sarà diverso da quello del fungo intero. Inoltre la produzione del micelio viene effettuata su cereali per cui circa il 50% della polvere è costituita da cereali. Per questo motivo il dosaggio utilizzato per il micelio deve essere superiore a quello previsto per il fungo intero e la sua azione è relativamente più lenta.
Fungo intero e micelio sono in generale da preferire rispetto all’utilizzo degli estratti, ma la loro destinazione d’uso deve essere comunque diversa.

PER AUMENTARE LA BIODISPONIBILITA' NELL'ASSUNZIONE DEI FUNGHI SI SUGGERISCE DI ASSUMERE CONTEMPORANEAMENTE ASCORBATO DI POTASSIO (MICO-COMPLEX)




ASKORBATO K- HdT 90 compresse

Askorbato di Potassio Powered d’estratti d’Ulivo titolato in oleuropeina e Vite titolata in polifenoli e OPC
Prezzo: € 22,00


Ingredienti per 1cpr 400mg:
Acido ascorbico 180mg
Potassio bicarbonato 102mg
Olea europaea L. folia (Ulivo) tit 6% oleuropeina 55mg
Vitis vinifera L. (Semi d'acini d'Uva) estratto secco purificato tit 80% polifenoli e 55% OPC 40mg
Eccipienti: stearato di magnesio, gommalacca, glicerina e talco.

Produzione e lavorazione spagnola


L’ascorbato di potassio è il sale potassico dell’acido ascorbico, meglio conosciuto come Vitamina C. L’acido ascorbico, che deve essere giornalmente assunto con la dieta, in quanto il nostro organismo non è in grado di produrlo, è un importante antiossidante ed è indispensabile per la sintesi del collagene e dei tessuti connettivi.

Aumenta l’assorbimento del ferro, contribuisce all’accrescimento delle ossa, migliora la resistenza alle infezioni e potenzia il sistema immunitario.
La sua carenza provoca lo scorbuto.

Il potassio funziona da normalizzatore cardiaco, e come regolatore del bilanciamento delle scorie del corpo, esercita azione alcalinizzante dei fluidi corporei e aiuta a ridurre la pressione sanguigna. Esso è considerato il
catione guida dei processi metabolici intracellulari.

Un organismo sano si contraddistingue, tra le altre cose, anche per il corretto funzionamento della pompa di membrana sodio-potassio. La perdita di potassio intracellulare determina uno sbilanciamento elettrolitico a causa dell’alterato funzionamento della pompa sodiopotassio, con elevati livelli di sodio e ridotti livelli di potassio intracellulare; questa situazione è spesso riscontrabile nei processi degenerativi cellulari. Questo evento, che completa una catena di processi biochimico-fisici complessi, ha infatti un peso importante nel controllo della proliferazione cellulare. In questo contesto l’acido ascorbico si comporta come “veicolo trasportatore” per il potassio, e contribuisce a riportare la sua concentrazione intracellulare ai valori corretti.


L’ascorbato di potassio, grazie alla sua struttura molecolare ciclica, è in grado di ripristinare le corrette concentrazioni intracellulari di sodio e potassio e quindi un corretto funzionamento cellulare
.

Già nel 1932 Moravel e Kishi misero in evidenza l’alta concentrazione di potassio nella cellula sana a differenza della cellula neoplastica, nella quale notarono valori drasticamente inferiori a seconda del livello di malignità
(cellula sana 290 mg/100ml; tessuto neoplastico in via di sviluppo 50mg/100ml; tessuto neoplastico sviluppato 25mg/100ml; tessuto neoplastico in fase terminale 5mg/100ml).


Nel 1969 Dean Burk del National Cancer Institute (NCI) affermò: “il grande vantaggio che gli ascorbati possiedono come potenziali agenti antitumorali è che essi sono particolarmente non tossici per i normali tessuti del corpo e possono essere somministrati senza effetti collaterali degni di nota anche a dosi estremamente alte (fino a 5g/kg o più)”.

Il biochimico Gianfranco Valsè Pantellini della New York Academy of Science notò già negli anni ottanta l’attività dell’ascorbato di potassio nelle malattie degenerative.

L’Askorbato di Potassio Powered nasce dall’esigenza di creare un potente antiossidante da usare da solo o in sinergia con i funghi medicinali per aumentare la loro biodisponibilità.

E’ il primo prodotto della linea Mico-Complement, sigla che indicherà tutta una serie di composti studiati per divenire, tra le altre loro funzioni, anche complementari alla Micoterapia.

L’Askorbato di Potassio Powered, particolarmente ricco di Vitamina C e antiossidanti grazie agli OPC di Vitis vinifera ed all’oleuropeina, è essenziale con i funghi terapici in quanto la Vitamina C crea un processo di osmosi inversa nell’intestino liberando liquidi a livello intestinale ed aumentando così la viscosità dei beta-glucani (polisaccaridi idrosolubili) e il loro assorbimento. La sinergia tra Vitamina C, Potassio, OPC ed oleuropeina rende questo prodotto un importante antiossidante, anche a dosaggi minimi che assicura una elevata biodisponibilità dei polisaccaridi dei funghi.


Dosaggio consigliato

1-6 cps/die suddivise nella giornata corrispondente a 300-1800 mg di ascorbato di potassio
Controindicazioni
L’alto dosaggio di ascorbato di potassio può portare ad iperkaliemia, se si raggiungono i 18.000 mg al giorno.
Nota: l’utilizzo di questo prodotto non è da considerarsi una alternativa ai protocolli terapeutici convenzionali. Questo composto interviene sui meccanismi metabolici di base a livello cellulare, e pertanto non interagisce negativamente con i programmi terapeutici convenzionali.

ASKORBATO K- HdT è indicato in tutti i casi in cui vi sia un elevato stress ossidativo dell’organismo, come ad esempio in presenza di:

  • vita o lavoro in ambienti inquinati
  • alimentazione non equilibrata e ricca di cibi raffinati
  • elevato consumo di alcool e caffè
  • abitudine al fumo
  • eccessiva esposizione a radiazioni solari
  • intensa pratica sportiva
  • intensa attività mentale
  • condizioni di stress psico-fisico


E’ inoltre indicato in tutti i casi in cui l’organismo presenti una diminuita capacità di inattivazione dei radicali liberi come, ad esempio, in corso di terapie farmacologiche o di situazioni infiammatorie croniche, oppure in caso di invecchiamento precoce.

L’Askorbato di Potassio Powered nasce dall’esigenza di creare un potente antiossidante da usare da solo o in sinergia con i funghi medicinali per aumentare la loro biodisponibilità. E’ il primo prodotto della linea Micocomplex, sigla che indicherà tutta una serie di composti studiati per divenire, tra le altre loro funzioni, anche complementari alla Micoterapia.

La sinergia tra Vitamina C, Potassio, OPC ed Oleuropeina rende questo prodotto un importante antiossidante, anche a dosaggi minimi che assicura una elevata biodisponibilità dei polisaccaridi dei funghi.


L’estratto di Vitis vinifera (acini d’uva) è uno dei più potenti antiossidanti conosciuti grazie alla presenza di polifenoli e proantocianidine (OPC) tra cui il resveratrolo. L’attività antiossidante di queste molecole è notevolmente superiore a quella della vitamina C e della vitamina E; esse agiscono sull’inibizione dei radicali liberi dell’ossigeno e della perossidazione lipidica.

La sua azione è particolarmente importante a livello circolatorio:
le OPC esercitano una potente azione vasoprotettiva attraverso la stabilizzazione della struttura (collagene ed elastina) dei vasi capillari ed una conseguente riduzione della permeabilità vasale. Studi scientifici hanno dimostrato, per questi composti, un’attività di protezione cardiovascolare ed effetti benefici nei confronti di insufficienza venosa periferica, retinopatia diabetica e degenerazione maculare della retina.

Le proantocianidine hanno mostrato in vitro di essere in grado di inibire la perossidazione lipidica e l’aggregazione piastrinica, e di influenzare vari sistemi enzimatici come la fosfolipasi A2, la cicloossigenasi e la lipossigenasi.

Grazie alla loro affinità con le proteine, i polifenoli e le proantocianidine si legano a molti enzimi, inibendoli.

L’inibizione della ciclossigenasi (COX) e della lipossigenasi (LOX) potrebbe essere alla base della loro
attività antinfiammatoria. Altri enzimi per i quali è stata notata inibizione sono: la xantina ossidasi, la GMP ciclico fosfodiesterasi, I’AMP ciclico fosfodiesterasi e l’aromatasi.

La loro struttura li rende capaci di penetrare la membrana cellulare.


L’impiego tradizionale dell’Ulivo risale all’antichità d’Egitto e della Grecia ed è documentato nella Bibbia e nelle scritture sacre diffuse nell’area mediterranea. A differenza dei frutti dell’Ulivo, i quali offrono acidi grassi monoinsaturi e vitamine conosciute per il valore nutrizionale, le foglie d’Ulivo sono ricche di gommaresina e offrono sostanze antiossidanti che svolgono la funzione vitale di proteggere l’albero dagli attacchi fungini, batterici, parassitici e di molti insetti. Le foglie d’Ulivo essiccate contengono oleuropeina, idrossitirosolo, tirosolo, tocoferolo, acido elenolico (circa 5%), acido caffeico, flavonoidi (apigenina, luteolina, diosmetina, rutina). Il principio attivo maggiore è l’oleuropeina, una sostanza amara di struttura b-glucosidica. L’estratto di foglie d’Ulivo essiccate contenuto nell’Askorbato K è titolato al 6% (equivalente a 60mg/g) di oleuropeina. La sinergia delle componenti fitochimiche dell’estratto è più antiossidante e antimicrobico della vitamina E e della vitamina C.


In vitro e in vivo, l’estratto è s tato dimostrato efficace contro infezioni fungine, batteriche, virali e il micoplasma (Knipping et al 2012; Omar 2010; Nash 1997). Nell’estratto di foglie d’Ulivo, le azioni antinfettive e antiossidanti sono sinergistiche con quelle dell’ascorbato di potassio e dell’estratto di semi d’acini d’uva nel proteggere le mucose gastrointestinali da lesioni microbiche, incluse quelle causate da candidosi trascurate che colpiscono la maggioranza.

L’attività dell’estratto di foglie d’Ulivo è, dunque, antimicotica, antispasmodica, ipotensiva, ipoglicemica, ipouricemica e ipolipidemica e la letteratura scientifica è ricca di studi recenti in vitro e in vivo, i quali suggeriscono la sua utilità per abbassare la pressione sanguigna, il colesterolo totale e i glucidi, migliorando il funzionamento del metabolismo.

In vitro, il polifenolo principale, l’oleuropeina prolunga la sopravvivenza delle cellule beta pancreatiche, tramite il meccanismo che sopprime le caspasi 3-7, allungandone la capacità di secernere insulina e regolare la glicemia.

L’oleuropeina
riduce il danno dei radicali liberi, induce l’espressione dell’enzima ossido nitrico sintetasi, aumenta la disponibilità di ossido nitrico (NO), fattore di protezione cardiovascolare. La diminuzione di prodotti di glicosilazione avanzata abbassa l’infiammazione dei tessuti vasali e connettivi e offre effetti ipotensivi, elasticizzanti, radioprotettivi dei raggi UVB e antitumorali dermatologici. Il complesso degli estratti di foglie d’Ulivo, ascorbato di potassio e semi d’acini d’uva favorisce la formazione del collagene, migliora la funzione respiratoria mitocondriale all’interno della cellula con effetti di rallentamento della degenerazione dei tessuti vasali, neurologici e connettivi osteoarticolari, muscolari e tegumentari, i quali sono considerati anti-ageing su tutto l’organismo umano.


PER AUMENTARE LA BIODISPONIBILITA' NELL'ASSUNZIONE DEI FUNGHI SI SUGGERISCE DI ASSUMERE CONTEMPORANEAMENTE ASCORBATO DI POTASSIO



Shitake (Lentinus edodes ) 500 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato.
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00

Fungo dall’estremo Oriente, già diffuso nell’antica Cina prima ancora dello sviluppo della coltivazione del riso e da centinaia di anni parte integrante defla dieta in Giappone. li nome deriva dall’ unione delle due parole giapponesi “Shir querciaj e, “Take” (fungo), perché cresce spontaneamente sui tronchi di questi alberi.

Ha un ottimo sapore ed è quindi un fungo prelibato nell’ alimentazione.Cresce su tronchi morti di querce, castagni e faggi. In oriente è detto "il re dei funghi”, è usato per prevenire e curare l’ipertensione arteriosa, per l’ipercolesterolemia, come tonico di fegato e reni e il polisaccaride lentinano è utilizzato come antitumorale.

Assieme al Reishi
è il fungo maggiormente attivo nella prevenzione dei depositi di colesterolo sulla parete dei vasi sanguigni e nell’inibizione della formazione della placca ateromasica.

Ha quindi, indirettamente un effetto di prevenzione dell’aterosclerosi e delle patologie cardiovascolari. Svolge un’azione di regolarizzazione della pressione sanguigna ed è utile nell’iperuricemia e nella gotta. È un ottimo sostegno del sistema immunitario, rinforza le difese in caso di influenza e raffreddore. Si è dimostrato utile anche nei casi di emicranie, epatite B, reumatismi e tinnito ed ha evidenziato un effetto di regolazione del metabolismo della tiroide.

Consente di ottenere ottimi risultati nel trattamento di supporto dell’ipercolesterolemia, riducendo la colesterolemia totale ed innalzando i valori di HDL, grazie alla presenza di colina e di eritadenina che regola il livello di grassi nel sangue e apportando un miglioramento della circolazione sanguigna (agisce sulla resistenza periferica, regola la frequenza e la potenza cardiaca).
Agisce nella prevenzione dell’aterosclerosi, contribuendo a
ripulire le pareti dei vasi dai sedimenti concausa della formazione di placche ateromasiche. La vitamina D favorisce il metabolismo del calcio e contribuisce all’allontanamento di eventuali depositi di calcio dalle pareti arteriose. Ha effetto alcalinizzante ed è efficace nel trattamento dell’iperuricemia e nella gotta.

Il
Lentinan, polisaccaride ad alto peso molecolare contenuto sia nel fungo che nel micelio, attiva i linfociti e i macrofagi ed aiuta l’organismo a produrre Interferoni.

È’ un
immunomodulante utilizzato molto nei bambini e nei giovani in caso di indebolimento del sistema immunitario per malattie virali, allergie, infezioni ed infiammazioni bronchiali ed articolari.

Componenti:
ß-D-glucani, polisaccaridi idrosolubili.
Eritadenina, un polisaccaride che ha dimostrato di essere in grado di limitare l’aggregazione piastrinica e di regolare la pressione sanguigna.

Altri componenti: vitamine: ricco di B12, lipidi (acido linoleico), ergosterolo, amminoacidi (lisina, arginina, metionina, e fenilalanina), minerali ed elettroliti (potassio, calcio, magnesio, manganese, ferro, rame e zinco).

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA "I funghi medicinali nella pratica clinica" del Dott. Ivo Bianchi - Shiitake Lentinula edodes-

  • Ipercolesterolemia
  • Gotta
  • Arteriosclerosi
  • Ipertensione
  • Artrosi
  • Carie dentali
  • Placca dentale
  • Eczema
  • Cancro (prevenzione e trattamento) - Polmonare, al seno, leucemia, prostata e sarcoma.



ABM (Agaricus Blazei Murril) 400 mg
100% fungo intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00

Fungo proveniente dalle regioni montagnose della Mata Atlantica do sul dello stato di So Paulo, nella città di Piedade (Colauto et al., 2002). Negli anni 60, epidemiologi giapponesi studiando la popolazione nativa di Piedade, notarono che il tasso di malattie in questa regione era estremamente basso e lo correlarono al consumo regolare, nella dieta, di questo fungo identificato appunto nel 1972 come Agaricus blazei Murrill.
Esperimenti di seguito condotti in Giappone sul topo verificarono che questo fungo determinava una attivazione significativa del sistema immunitario superiore a quella attribuita a Shiitake, Maitake, Reishi ed altri funghi “medicinali”.


A questo fungo sono state attribuite attività di prevenzione delle malattie neoplastiche, diabete, iperlipidemia, aterosclerosi, epatite cronica, Diabete tipo i e 2.

Agaricus Blazei Murrill si comporta come una spugna,
nel tratto intestinale assorbe elementi patogeni e cellule di scarto che elimina dal corpo per mezzo delle feci. Questo comportamento come specie di coltivazione biologica è di vitale importanza per l’alta capacità di agire come bioaccumulatore di tossine e di metalli pesanti e quindi diventa molto utile nelle terapie chelanti.

Componenti:
Gli enzimi in esso contenuti tra cui il superossidodismutasi (SOD), Glutatione per ossidasi e catalasi, contribuiscono ad aumentare l’energia, a combattere l’infiammazione e a potenziare l’effetto antiossidante. L’Agaricus Blazei Murrill ha dimostrato di possedere "
un’attività antimutagenica, battericida e antiangiogenica, e di essere un potente stimolante del sistema immunitario nel promuovere i meccanfsmi di difesa naturale per combattere un’ampia gamma di agenti contagiosi” (Dr. Takashi Mizuno).

I ß-D-glucani, polisaccaridi idrosolubili, intervengono nella stimolazione del sistema immunitario.

Vitamine: è ricco di vitamine dei gruppi B; B1, B2 ed ergosterolo (provitamina D) che partecipano a numerosi processi metabolici, specialmente in quelli connessi al metabolismo dei carboidrati e dei grassi.
Amminoacidi liberi: presenta una grande quantità di glutammina, alanina, treonina, acido aspartico, valina, lisina ed arginina.
Acidi organici: possiede un’alta concentrazione di acido malico e concentrazioni minori di acido piroglutammico, acido fumalico e acido succinico.
Altri componenti: lectina ed enzimi (cellulosa, emicellulosa, chitina, amilasi, pectinasi, fenol ossidasi, lactasi, tirosinasi e perossidasi) dei quali si sfrutta il carattere ossidante con fini germicidi e battericidi.
Composti antiangiogenici (piroglutammato di sodio A-1 e A-2).

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA "I funghi medicinali nella pratica clinica" del Dott. Ivo Bianchi - Agaricus blazei Murrill, ABM-

  • Deficit immunoloqico
  • Autoimmunità
  • Supporto Oncoloqico per tumori solidi e Ascite
  • Diabeti di tipo l e ll
  • Invecchiamento prematuro o fisiologico
  • Intossicazioni da metalli pesanti
  • Allergia pollini
  • Danni cancerogeni e mutageni



Maitake (Grifola frondosa) 650 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato interamente
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00

Il Maitake o Grifola frondosa, è un fungo commestibile originario delle regioni settentrionali del Giappone e delle regioni orientali del Nord America.

E' reperibile da agosto a novembre come parassita e saprofita, specialmente sul castagno e su alberi morti o morenti a legno duro, ma anche su altre latifoglie.
Può raggiungere la grandezza di una testa di lattuga.

Lo sviluppo di questo fungo è favorito da calore e umidità: spunta dopo i primi temporali in estate e fruttifica fino ad inizio autunno.

Maitake corrisponde a due parole giapponesi:
Mai, che significa danza, e Take, che significa fungo.

Il nome è forse riferito al particolare valore attribuito da sempre a questo fungo, che, anticamente in Giappone, veniva venduto a peso d'argento, per la sua prelibatezza e per le sue proprietà medicinali. Chi lo trovava, danzava di gioia. Un'altra spiegazione del nome è che i vari componenti del corpo fruttifero si interfacciano tra di loro come farfalle danzanti. A parte queste considerazioni sul nome, il Maitake è da sempre stato utilizzato nella medicina tradizionale giapponese ed è anche oggi ritenuto un prezioso ed efficace tonico ed adattogeno, utile per la sua azione a livello immunitario e metabolico in particolare.

Da circa venti anni, il Maitake è oggetto di attenti studi da parte della comunità scientifica. Il suo alto contenuto in beta glucani giustifica i suoi importanti effetti immunologici. Esso infatti è uno dei funghi più usati nella terapia delle neoplasie sia per le sue proprietà di stimolo diretto sulla funzione dei macrofagi, che per la sua azione citotossica specifica nei confronti delle cellule neoplastiche, oltre che per la straordinaria assorbibilità dei sui principi attivi.

Il fungo è ampiamente usato anche in funzione preventiva per il suo effetto anti metastatico ed esercita comunque una intensa attività antineoplastica legata tra l'altro, all'inibizione della glicosilazione, un enzima detossificante vitale per la cellula.

Il blocco di questo enzima porta all'accumulo di Metylglyoxal che agisce come tossico letale sulle cellule neoplastiche.

Il Maitake contiene:

- ergosterolo sotto forma di pro Vitamina D2;
- varie vitamine del gruppo B;
- magnesio;
- calcio;
- potassio;
- acidi grassi insaturi;
- fosfatidilserina;
- vari Fosfolipidi;
- aminoacidi;

Il Maitake non contiene Vitamina A e C.

Quest'ultima vitamina è utilmente associata nelle terapie a base di questo fungo, perché ne aumenta assorbibilità ed attività terapeutica.

I ricercatori hanno estratto varie frazioni farmacologicamente attive da questo fungo. Si tratta in particolare di molecole denominate:

1.
frazione D, rappresentata dal polisaccaride beta-1.6-glucano, ad azione specificatamente anti tumorale;
2.
frazione SX, anch'essa un beta glucano, ad azione specificatamente anti diabetica o meglio di regolazione dei livelli glicemici;
3.
frazione ES, ad azione anti ipertensiva.

Alcuni ricercatori americani si sono concentrati sullo studio degli effetti del Maitake sulla Sindrome Metabolica ed i risultati clinici sono ad oggi incoraggianti.
Queste ricerche sono particolarmente importanti perché la Sindrome Metabolica, un'entità patologica da poco individuata, è oggetto attualmente di grande attenzione da parte della comunità scientifica.
Essa è presente in quasi la metà degli individui sopra i 55 anni ed inoltre dati recenti dimostrano che la prevalenza di tale situazione patologica sta aumentando e colpisce soggetti sempre più giovani.
Questa sindrome, nelle società più avanzate, rappresenta quindi già oggi una vera e propria emergenza sanitaria: essa è infatti la premessa delle più gravi patologie degenerative che colpiscono la nostra popolazione, dal diabete al cancro, dalla demenza all'aterosclerosi. Sinteticamente, la sindrome metabolica è caratterizzata da:

- dislipidemia;
- ipertensione arteriosa;
- insulinoresistenza/intolleranza al glucosio/iperglicemia;
- adiposità androide, viscerale;
- iperuricemia.

Questa situazione clinica, raramente si manifesta nella sua forma completa, ad esempio obesità ed ipeuricemia sono meno frequenti, rispetto agli altri aspetti della sindrome. Andrà quindi valutato il singolo paziente ed organizzata una strategia terapeutica articolata in relazione alle manifestazioni cliniche ed alle evidenze laboratoristiche. La diagnosi può essere confermata quando esista il superamento di almeno 3 di questi parametri:

- circonferenza vita: = 102 cm nei maschi, = 88 cm nelle femmine;
- glicemia a digiuno: >110 mg/dl;
- ipertensione arteriosa: = 130/85 mm Hg;
- ipertrigliceridemia: = 150 mg/dl;
- ridotto colesterolo HDL: = 40 mg/dl nei maschi; = 50 mg/dl nelle femmine.

AZIONE IPOLIPEMIZZANTE ED ANTI OBESITA'
La somministrazione di Maitake, stando a recenti lavori scientifici soprattutto giapponesi e statunitensi, antagonizza l'incremento della lipemia in risposta agli eccessi dietetici e contrasta l'accumulo di lipidi a livello epatico in particolare e viscerale in generale.
L'effetto del fungo persiste a lungo e porta ad una stabilizzazione in particolare dei livelli di HDL che normalmente tendono a decrescere in caso di dieta ricca di grassi. Anche i livelli di trigliceridi vengono favorevolmente influenzati dall'assunzione del fungo. Gli studi sull'animale ma anche sui pazienti, attribuiscono al Maitake la capacità di contrastare l'aumento di peso e l'accumulo di grasso corporeo.

AZIONE SU LIVELLI GLICEMICI IN GENERALE E SUL DIABETE SENILE IN PARTICOLARE
Per quanto riguarda un altro degli aspetti della Sindrome Metabolica, almeno due importanti studi scientifici confermano anche l'uso già tradizionale del fungo Maitake nel diabete senile. Il meccanismo d'azione della frazione X del fungo è quello di attivare i recettori cellulari per l'insulina, contrastando quindi quella iposensibilità all'ormone pancreatico che condiziona l'espressione del diabete senile stesso.Sono recentemente emerse delle ulteriori interessanti proprietà del fungo che sembra utile anche in pazienti sofferenti di ipoglicemia e stanchezza. L'assunzione di Maitake è stata correla, in questi pazienti, con aumento di energia e diminuzione del desiderio di dolci. Il fungo ha quindi un effetto di stabilizzazione generale sul metabolismo glucidico.

AZIONE ANTI IPERTENSIVA
Tutta una serie di studi sull'animale da esperimento suggeriscono un importante effetto anti ipertensivo da parte del Maitake, attribuibile alla sua frazione ES. In particolare una dieta supplementata con questo fungo ha effetto di prevenire lo sviluppo di ipertensione arteriosa nell'animale predisposto.
L'azione del fungo si manifesta anche nell'animale già affetto dalla patologia ed antagonizza gli effetti degenerativi, istologicamente documentabili, quali la necrosi della muscolatura vasale. Dati sperimentali parrebbero dimostrare un'influenza del fungo sul sistema Renina-Angiotensina.

CONCLUSIONI
Il Maitake o Grifola frondosa è indubbiamente uno dei più interessanti, studiati ed efficaci funghi terapeutici, tramandatoci dalla millenaria tradizione della medicina giapponese ma verificato, nella sua efficacia, con rigore e scientificità moderni. Si è molto, in questi anni, focalizzata l'attenzione sugli effetti anti neoplastici, anti metastatici ed anti virali, di questo fungo, forse non evidenziando sufficientemente le sue straordinarie proprietà in ambito metabolico. E' ormai appurato che questo fungo terapeutico può favorevolmente influenzare almeno quattro parametri clinici importanti per la prevenzione cardiovascolare, tutti coinvolti anche nella genesi della correlata sindrome metabolica. Tali parametri sono: il livello glicemico, il tasso di colesterolo, il peso corporeo e la pressione sistolica.

La modalità di impiego più pratica ed efficace del fungo, nella sindrome metaboliche e nelle patologie ad essa correlate, è quella delle capsule contenenti la polvere del
fungo intero, ovvero della sostanza naturale contenente tutte le frazioni biochimiche farmacologicamente attive. Il dosaggio usuale è di 300mg, ovvero 1 capsula, durante ognuno dei 3 pasti, nei casi di sindrome metabolica conclamata.

Per constatare effetti sui parametri laboratoristici, il fungo deve essere assunto per almeno tre mesi. La posologia deve essere almeno raddoppiata in caso di patologie neoplastiche e ridotta ad 1 capsula durante i pasti principali, nella prevenzione degli effetti di eccessi di libagioni (fonte: Dott. Ivo Bianchi in naturopatia.it).

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA "I funghi medicinali nella pratica clinica" del Dott. Ivo Bianchi - Maitake, Grifola frondosa -

  • Sindrome metabolica
  • Diabete Tipo 2
  • Obesità
  • Ipertensione Arteriosa
  • Ipertrigliceridemia
  • Supporto Oncologico con Tendenza metastatica epatica ossea
  • Osteoporosi
  • Cistiti ricorrenti



Hericium (Hericium erinaceus) 600 mg
100% frutto intero

accuratamente seccato e macinato interamente
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00


Gastrite, reflusso gastroesofageo, ulcera gastrica e duodenale, allergie ed intolleranze alimentari, rettocolite ulcerosa;

Fungo raro e da considerarsi commestibile anche se risulta un po’ coriaceo. Compare in autunno nelle fenditure e spaccature di vecchi alberi di quercia ancora vivi, oppure su faggio, noce, platani e altre latifoglie. È un fungo parassita che cresce sul tronco ad una altezza di circa 3-4 metri e può raggiungere i 2 Kg di peso. L’ambiente preferito è prettamente mediterraneo.

Si consiglia l'assunzione di 1 capsula x 3/6 die.

Il fungo
riduce il bruciore di stomaco, il reflusso e diminuisce la gastrite. Utilizzato in Medicina Tradizionale Cinese per problematiche gastriche divario genere e per prevenire i tumori del tratto gastroenterico. Hericium rinforza le mucose dello stomaco e dell’intestino che rivestono un ruolo fondamentale nella difesa del nostro organismo. Risulta quindi particolarmente utile nelle gastriti, nel reflusso gastroesofageo, nell’acidità gastrica e nei bruciori di stomaco.

Il suo effetto di ricostruzione e rinforzo della mucosa risulta utile nel supporto terapeutico al trattamento dei tumori dell’ esofago, dello stomaco e dell’intestino, ma anche nelle ulcere gastriche e duodenali, nella colite ulcerosa e nel morbo di Chron.

In generale
contribuisce al ripristino della flora intestinale, calma le infiammazioni del tratto gastroenterico e regolarizza la digestione. È molto utile per il riequilibrio intestinale dopo trattamenti antibiotici. La sua azione a livello gastrointestinale lo rende utile anche nel trattamento delle intolleranze alimentari e delle allergie soprattutto di natura alimentare, nelle dermatiti e neurodermatiti di origine principalmente alimentare.

Recenti studi scientifici hanno dimostrato che componenti di questo fungo stimolano la produzione dì Nerve Growth Factor e la resintesi di mielina da parte delle cellule del sistema nervoso. E stato utilizzato con risultati incoraggianti nel
Morbo di Alzheimer nella Sclerosi Multipla. L’azione sul sistema nervoso è molto articolata e per questo il suo utilizzo risulta utile anche nell’ansia, nello stress, nei deficit mnemonici, nell’inquietudine e nell’insonnia.

"Chi soffre di bruciori di stomaco continui sa come mi sono sempre sentito. La continua assunzione di antiacidi e farmaci inibitori di pompa protonica mi aveva danneggiato lo stomaco. Ho cominciato ad assumere Hericium, Già dopo breve tempo di assunzione la mia acidità ed i miei bruciori erano notevolmente diminuiti, mi sentivo molto meglio. Attualmente i sintomi sono completamente scomparsi". KB.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA "I funghi medicinali nella pratica clinica" del Dott. Ivo Bianchi - Hericium erinaceus -

  • Gastrite
  • Riflusso gastroesofageo
  • Difficoltà digestiva
  • Ulcera gastrica o duodenale
  • Colite ulcerosa
  • Malattia di Crohn
  • Intolleranze alimetari
  • Supporto Oncologico Stomaco colon-rettale esofago
  • Sclerosi Multipla
  • Malattia di Alzheimer, danni ai neuroni
  • Aumenta la memoria in pazienti con deficit di apprendimento.
  • Attività cito-tossica specialmente in zona polmonare (Borchers AT, et al 1999. Mushroons, tumors, and immunity. Proc Soc Exp Biol Med 221 (4): 281 - 93).



Polyporus (Polyporus umbellatus) 650 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00


Edemi, ritenzione di liquidi, ipertensione, drenaggio linfatico, metastasi linfonodali, cancro, leucemia;

Fungo commestibile che cresce in Europa ed Asia su terreni boschivi costituiti da querce e faggi. in ammassi anche di oltre 20 chili. Il colore è marrone chiaro, e le dimensioni del fungo singolo sono circa 2-5 cm

Si consiglia l'assunzione di 1 capsula x 3/6 die.


In Medicina Tradizionale Cinese il Polyporus è molto utilizzato come
diuretico naturale. Tali sue proprietà sono state confermate dalla ricerca medica moderna. In particolare stimola l’escrezione urinaria di sodio e cloro, senza però perdita di potassio. Viene utilizzato anche per l’acne e per altre malattie cutanee in quanto migliora e rinforza la pelle.

Grazie alla sua funzione drenante, migliora la stasi linfatica ed aumenta l’eliminazione dei liquidi attraverso le urine. In questo modo contribuisce anche a ridurre la pressione arteriosa.
E' molto utile nei casi di ritenzione idrica, in presenza di edemi, di gonfiori a livello articolare ed in generale nella detossificazione del sistema linfatico. Effettua un forte drenaggio linfatico anche della tossicità in corso di chemioterapia riducendone gli effetti collaterali.

Aiuta il ripristino della circolazione linfatica in seguito a svuotamenti linfonodali dopo chirurgia.

Studi scientifici ne hanno dimostrato efficacia nella terapia di
supporto dei tumori polmonari e vescicali e nelle malattie ematologiche quali linfomi e leucemie. Il rafforzamento cutaneo di Polyporus riduce la sintomatologia nelle dermatiti da contatto.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA "I funghi medicinali nella pratica clinica" del Dott. Ivo Bianchi - Polyporus umbellatus-

  • Ritenzione dei Liquidi
  • Edemi
  • lpertensione arteriosa (minima alta da ristagno linfatico)
  • Polmoniti
  • Supporto oncologico polmonare-Leucemia-Linfoma
  • Drenaggio Chemioterapico per via Linfatica
  • Drenaggio Cortisonico per via Linfatica
  • Dermatiti da contatto
  • Calcoli Renali




Coriolus (Coriolus versicolor) 500 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00

Fungo legnoso, non commestibile, cresce per tutto Fanno, su tronchi e ceppi morti o vivi. E' molto comune in Europa e in tutto il resto del mondo. Sessile, coriaceo, solitamente raggruppato in vari individui a mensole sovrapposte.

Il suo colore è variabile, e dipende dal substrato e dalla luce; è concentricamente zonato.

Si consiglia l'assunzione di 1 capsula x 3/6 die.


Coadiuivante nella Chemioterapia, riduce moltissimo gli effetti collaterali da Chemio e Radioterapia, migliorando le funzioni dell’organismo e la qualità della vita.

Coriolus versicolor ha un effetto di potenziamento del sistema immunitario (aumenta le difese cellulari di 1° livello (
Th1), che sono la linea difensiva più importante contro i batteri, composto da globuli bianchi, linfociti naturali killer, macrofagi; aumenta le difese anticorpali, di 2° livello (Th2), la linea difensiva che interviene, per potenziare l’azione immunitaria in generale o quando serve l’intervento degli anticorpi).

Stimola le difese dell'ospite soprattutto nei confronti di malattie oncologiche e infezioni virali. Questo fungo è un componente fondamentale dell’armamentario della medicina tradizionale asiatica. Negli anni 80 il governo Giapponese ha approvato l'uso di estratti di questo fungo (
PSK e PSP) come supporto al trattamento di varie forme tumorali.

Il PSK è attualmente uno dei “farmaci antineoplastici” più venduti in Giappone e viene utilizzato in associazionea chirurgia, chemio e radioterapia.


È
particolarmente efficace nel supporto al trattamento di tumori ormono-dipendenti (carcinoma mammario e prostatico ormono-dipendente) e di tumori indotti da virus (carcinoma nasofaringeo, carcinoma della cervice uterina...). Molti studi scientifici ne hanno valutato l’azione su carcinomi dello stomaco, del fegato, in tumori cerebrali e leucemie. In tutti ha portato ad un aumento della sopravvivenza e ad un miglioramento della qualità della vita.

La sua assunzione permette una migliore gestione degli effetti collaterali di chemio e radioterapia. Esercita un importante effetto di protezione delle cellule sane dai danni da radiazioni, ma nel contempo ne aumenta l’efficacia nelle cellule malate.
E’ stata osservata un’azione antibatterica e antimicotica soprattutto nei confronti di E.Coli, Streptococco e Candida.

Questo fungo esercita un
potente effetto antivirale, e numerosi studi hanno dimostrato la sua efficacia nei confronti di molte patologie virali. Studi su pazienti HIV hanno evidenziato una notevole riduzione della carica virale ed un miglioramento della qualità della vita.
È efficace nel trattamento delle infezioni della cervice uterina da
HPV, dell’Herpes zoster, del Citomegalovirus e dell’epatite virale.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA "I funghi medicinali nella pratica clinica" del Dott. Ivo Bianchi -Coriolus Versicolor-

  • Infezioni virali
  • Influenza
  • Herpes
  • Epatite C
  • HIV
  • Patologie virali croniche
  • Sindrome da aftaticamento cronico
  • Candida
  • Toxoplasmosi
  • Patologie batteriche
  • Cirrosi biliare primaria
  • Supporto Oncologico: Carcinoma dell’esofago, gastrico, nasofaringeo, polmonare (no cellule piccole), della mammella ormone-dipendente, prostatico, colonrettale, ovarìco, cervicale, vescicolare, linfoma
  • Limita gli effetti collaterali della radioterapia.




Auricularia (Auricularia polytricha) 600 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00



Un importante ambito d’azione dell’Auricularia è quello della
prevenzione e cura delle patologie cardiovascolari, sia perché i suoi componenti, in particolare l’adenosina, favoriscono la circolazione sanguigna e prevengono trombosi e ostruzioni vasali, sia perché il fungo agisce sul metabolismo, riducendo l’assorbimento enterico di grassi e zuccheri, permettendo di conseguenza un abbassamento dei livelli di glucosio, colesterolo e trigliceridi.

Coltivazione biologica, produzione e lavorazione tedesca.

L’Auricularia è un
antiaggregante piastrinico naturale, migliora la fluidità del sangue e quindi previene i progressi iii arteriosclerosi e trombosi, ma contemporaneamente non aggredisce la struttura delle pareti arteriose e venose e quini non induce nè emorragie né danni a carico del collagene vasale.

Il fungo ha anche un effetto vasodilatatore ed è indiiato nell’insufficienza venosa peniferica, perché rinforza i canali samguigni e stimola la circolazione, migliorando la sintomatologia dolorosa
.

La leggenda racconta che dall’albero a cui si impiccò Giuda Iscariota dopo aver tradito Cristo, cominciarono a sorgere questi strani organismi. Per questo il fungo viene chiamato orecchietta di Giuda o orer chio d’albero. È un fungo provvisto di un brevissimo gambo concavo, ha un cappello pendente, la cui superficie interna, rivolta verso il basso, è ricoperta dall’imenio, cioè la parte fertile.

È un fungo con proprietà anticoagulanti. Auricularia aumenta la fluidità del sangue. Previene la formazione di emboli e trombi e migliora la circolazione. Questo fungo può essere impiegato come anticoagulante naturale.

Esercita un’
azione di protezione cardiovascolare molto complessa e particolare: previene trombosi ed ostruzioni vasali con effetto ipolipemizzante ed antiaggregante piastrinico (Adenosina) senza indurre emorragie e soprattutto senza danneggiare il collagene. In questo modo esercita indirettamente un’azione terapeutica sull’aterosclerosi.

Auricularia agisce sull’insufficienza venosa periferica rinforzando i vasi sanguigni, inducendo vasodilatazione e stimolando la circolazione. Migliora in questi casi la sintomatologia dolorosa, prevenendo problematiche di occlusione dei vasi periferici.
La sua azione di rinforzo del collagene vasale
previene il rischio di emorragie interne. La sua azione sulla circolazione agisce positivamente anche su emicranie e tinnito.

È un fungo utilizzato in Medicina Tradizionale Cinese per le
emorroidi, reccessivo sanguinamento uterino e come umettante delle mucose. Auricularia ha azione umettante e rinforzante delle mucose quindi è utile nel trattamento di: tosse secca, faringite. sinusite e colite cronica con stipsi. E' utile anche nelle infiammazioni e nelle infezioni vescicali.

Ha
proprietà antidiabetiche, ipocolesterolemizzanti e ipolipidemizzanti grazie alla riduzione dell’assorbimento enterico di grassi e zuccheri.

Ha azione antiossidante che esercita attraverso l’attivazione del SOD (CU-Zn) a livello epaticoecerebrale.

Non ne è consigliabile l’utilizzo nella ricerca di una gravidanza in quanto ostacola l’impianto dell’embrione.



Coprinus (Agaricus chiomato) 550 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00


Dimensioni. 3-6 cm, di forma ovale su un gambo alto e slanciato. Comune fungo commestibile che cresce a gruppi nei giardini, prati e boschi. Inizialmente bianco e successivamente più scuro: dal bordo si arrotola come una campana.


Il diabete tipo 2 o dell’adulto: Coprinus è il rimedio naturale principale, che può ridurre la glicemia alta e stabilizzarla.


Si consiglia l'assunzione di 1 capsula x 3/6 die.



È ricco in Vanadio, un minerale con effetto antidiabetico. L’effetto antidiabetico del fungo intero si esplica a più livelli: sensibilizzazione delle cellule all’azione dell’insulina, effetto ipoglicemizzante e protezione e rivitalizzazione delle cellule B-pancreatiche parte del corpo umano. Per questo motivo può essere utile sia nel diabete di tipo I che nel diabete di tipo II.

Agisce come un vero e proprio antidiabetico orale, senza gli effetti collaterali degli ipoglicemizzanti farmacologici. In Medicina Tradizionale Cinese è stato ed è utilizzato per favorire la digestione e nel trattamento delle emorroidi. È utile anche nella stipsi e nel trattamento delle infezioni intestinali e nella gestione dello stress.

È ricco in vitamine e minerali, contiene tutti gli aminoacidi essenziali ed una elevata percentuale di proteine. Studi in vitro hanno evidenziato attività citotossica nei confronti di carcinomi e sarcomi.

Nel diabete a insorgenza nell’adulto (di tipo 2, non insulino- dipendente) il problema non è la scarsità di insulina, ma l’incapacità delle cellule di rispondervi. Perciò viene chiamato anche diabete insulino-resistente.
In questo caso il problema sorge con la tendenza di molte persone, invecchiando, a ingrassare (comunque sia, se non si ingrassa con l’avanzare degli anni non si riscontra un accresciuto rischio di questo tipo di diabete.

Le cellule adipose diventano meno “ricettive” all’insulina, che cerca di favorire altro immagazzinamento di grasso, e assorbono meno glucosio.” Queste cellule stracolme possono persino rilasciare ormoni che spingono altre cellule adipose e i muscoli a diventare anch’essi resistenti all’insulina.

Il corpo si mette nei guai per via di tutto quel glucosio e di quegli acidi grassi in circolo che danneggiano i vasi sanguigni. Ancora una volta, la mobilitazione costante di glucosio e acidi grassi nel sangue aumenta l’aterosclerosi. Nel 1990, circa il 15% degli statunitensi sopra i sessantacinque anni aveva questo tipo di diabete, percentuale all’epoca considerata una catastrofe sanitaria. Un decennio dopo si è verificato un ulteriore aumento del 33%, anche tra gli adulti di mezza età.
Questa malattia che una volta non esisteva ora colpisce all’incirca 300 milioni di persone in tutto il mondo, e l’anno scorso ha ucciso 200.000 statunitensi.


Reishi (Ganoderma lucidum) 500 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00


Lo splendido poliporo laccato (Ganoderma lucidum) cresce spontaneamente anche in Germania. In Cina è chiamato Ling Zhi e in Giappone Reishi. La storia di questo affascinante fungo risale a circa 4.000 anni fa!
Sono soprattutto 2 gruppi di sostanze presenti nel reishi che lo rendono così straordinariamente interessante. Si tratta di polisaccaridi, come il
triterpene, per i quali sono stati riscontrati numerosissimi meccanismi d’effetto estremamente positivi. Inoltre, nel reishi vi è anche una densità di sostanze bioattive elevata e ottimale per l’organismo umano: calcio, zinco, manganese, ferro, rame e germanio sono presenti in abbondanti quantità!

E’ considerato una tra le 10 sostanze dal punto di vista terapeutico tra le più efficaci, in oriente viene considerato il Fungo dell’immortalità, il suo uso è antichissimo in oriente, è un grande stimolante e valido antinvecchiamento.

Viene coltivato e poi utilizzato in polvere, in capsule, in estratti, decotti e agisce come regolatore dell’organismo, previene patologie epatiche, ipertensione, problemi vascolari, trombosi, allergie e molto altro.

Le proprietà curative del fungo sono collegate alla presenza di polisaccaridi e glicoproteine che hanno un’importante azione immunomodulante, ed alla prevenzione messa in atto da enzimi che combattono lo stress ossidativo e la detossicazione cellulare (SOD, laccasi).

Efficace, con risultati di guarigione in 2 settimane, sul 90 % di pazienti affetti da bronchite cronica. Risolve rapidamente sintomatologie allergiche grazie alla sua azione mediatrice sulla produzione di istamina ed alla modulazione del sistema immunitario.
Ha un’azione antiipertensiva grazie all’attivazione di un meccanismo ACE inibitore che, peraltro, non ha gli effetti collaterali dei farmaci chimici.

Esplica una
fortissima attività epatoprotettrice che lo rende adatto ad associare la chemioterapia come supporto disintossicante.
La sua azione diviene importante per curare:
Stanchezza, Invecchiamento precoce, Problemi cardiovascolari, Allergie, Problemi del sistema respiratorio, Statosi epatica, Tossicosi, ecc.

Proprietà medicinali:
Antiinfiammatoria, antitumorale, antivirale (es. anti-HIV), antibatterica, regolatore della pressione sanguigna, cardiotonico, immunomodulatore, antidiabetico, tonico per i reni, neurotonico, epatoprottettore, efficace nella cura della bronchite cronica e nell’insonnia.
Per secoli questo fungo è stato riportato da libri di medicina cinese e giapponese come fungo che rinvigorisce la salute e aumenta la longevità. Le guide dell’ Himalaia utilizzavano questo fungo per combattere la sindrome dell’ altitudine e gli indiani Maya preparavano gli infusi di corpo fruttifero di questo fungo per combattere le malattie infettive.

RIASSUNTO DELE POSSIBILI INDICAZIONI CLINICHE secondo la MICOTERAPIA "I funghi medicinali nella pratica clinica" del Dott. Ivo Bianchi - Reishi, Ganoderma Lucidum -

  • Potente Sostegno Immunomodulante
  • Iperuricemia
  • Riequilibratore Organico
  • Affezioni respiratorie in genere
  • Bronchiti
  • Aritmie cardiache
  • Asma
  • Artrosi
  • Artrite reumatoide
  • Autoimmunità
  • Allergie
  • Tiroiditi
  • Supporto oncoloqico Carcinoma Prostatico -Polmonare - Leucemia mieloide acuta
  • Lupus eritametoso sistemico
  • Insonnia
  • Stanchezza
  • Invecchiamento prematuro
  • Mononucleosi infettiva
  • Vertigini
  • Epatite A,B
  • Fibromalgie



Pleurotus ( Pleurotus ostreatus) 500 mg
100% frutto intero
accuratamente seccato e macinato
Confezione da 100 capsule
Prezzo: € 65,00


Si tratta di un fungo commestibile dalla carne bianca, incorporato in un corpo bianco, grigio o marrone, senza piedi e con una forma che ricorda un ostrica e può raggiungere i 25 cm di diametro.

La sua carne è molto apprezzata sia per il suo gusto sia per la sua fragranza, in Occidente come in Oriente .
Nutrizionalmente, oltre al suo contenuto proteico, si evidenzia per la relativa abbondanza
di vitamine del gruppo B, vitamina D e zinco.


Ampiamente impiegato in Cina come rilassante muscolare e soprattutto contro contratture e tendiniti. È anche usato per il mal di schiena e dolori muscolari in generale.

E 'considerato come un elemento che agisce contro il freddo eccessivo e i blocchi energetici derivanti da questo eccesso.

Oltre a vari polisaccaridi e proteoglicani, contiene
lovastatina (al 2,8 %), ostreolisina, laccasi, lectina e altri peptidi e acidi grassi.

La
lovostatina è un composto chimico di formula C24H36O5, isolato da Aspergillus terreus e Pleurotus ostreatus, e prodotto anche per via sintetica nel corso degli anni 1980. Polvere bianca, insolubile in acqua, poco solubile in etanolo e metanolo. È stato il primo farmaco della famiglia delle statine a essere estesamente usato nel trattamento dell’ipercolesterolemia. Agisce inibendo la 3-idrossi-3- metilglutaril-coenzima A (HMGCo-A) reduttasi, l’enzima che catalizza la conversione della HMGCo-A a mevalonato, prima tappa della sintesi endogena del colesterolo (fonte: Enciclopedia Treccani).

Proprietà Caratteristiche (fonte: Dott. Ardigò) :

  • ipocolesterolemica
  • antiarteriosclerosi
  • epatoprotettore antiossidante
  • antiinfiammatoria
  • antiaggregante piastrinica
  • effetti sul sistema immunitario


PROPRIETÀ BIOLOGICHE

Attività ipocolesterolemica

Altri due studi (Bobek et al.) su ratti hanno dimostrato che il Pleurotus era in grado di ridurre del 46% i livelli di colesterolo nel sangue, del 51 % l’accumulo di colesterolo del fegato e 32% l’accumulo di trigliceridi del fegato. Il dr Bobek ha anche osservato l’aumento del Colesterolo buono “HDL”.
La caratteristica più importante di questo fungo è l’attività ipocolesterolemizzante.

Esso possiede notevoli quantità di Lovastatina: la Lovastatina naturale ha la stessa efficacia anticolesterolo, senza dare effetti collaterali. Questo perché la lovastatina naturale non agisce solo riducendo la produzione di Colesterolo, bloccando l’attività dell’enzima , l’enzima necessario alla produzione del Colesterolo(HMG-CoA), ma soprattutto ne elimina l’accumulo nel fegato, versando il Colesterolo in eccesso nella bile, che attraversa l’intestino e lo scarica all’esterno.
Inoltre la presenza di altre sostanze presenti nel fungo, che lavorano in sinergia, danno altri effetti che diminuiscono anche l’assorbimento del Colesterolo ed aumentano la distruzione del colesterolo in eccesso.

Questa caratteristica di favorire la eliminazione del Colesterolo é presente anche in altri funghi come, lo Shiitake, il Reishi ed il Maitake ad esempio, perchè i funghi sono cibi ipocalorici, perchè non contengono grassi e quindi si spiega come mai spazzano via facilmente il Colesterolo, nel fegato o nelle pareti arteriose dove i funghi passano. Sono tra i cibi più ipocalorici del pianeta come le carote il sedano.

Il Pleurotus Ostreatus, rispetto agli altri funghi ha un’azione nettamente più spiccata nell’eliminare il Colesterolo, senza dare nessun effetto collaterale, nè interazioni con farmaci.


Attività antiossidante

Poiché era stato ipotizzato un effetto antiossidante di Pleurotus ostreatus, esso è stato studiato in ratti nei quali era stata indotta epatotòssicità con CCl4 in­traperitoneale (2 mg/kg) per 4 giorni con conseguente alterazione della funzionalità epatica e riduzione degli enzimi antiossidanti. Il trattamento con Pleurotus ha ripristinato una corretta funzionalità epatica ed ha determinato un aumento del livello di enzimi antiossidanti, confermando sia la sua attività antiossidante che epatoprotetti­va.

Attività antiinfiammatoria
L’attività antiinfiammatoria si è dimostrata molto efficace nell’infiammazione acuta indotta da carragenina e da formalina con effetti paragonabili a quelli del diclofenac.

Attività antiaggregante piastrinica
L’attività antiaggregante è legata alla presenza di Adenosina 5' -difosfato (ADP); l’estratto di Pleurotus inibisce l’aggregazione piastrinica dall’88% al 95%. Entrambe le proprietà ne suggeriscono un potenziale utilizzo nelle malattie cardiovascolari.

Effetti sul sistema immunitario
Su Pleurotus ostreatus sono stati effettuati numerosi studi che gli hanno attribuito effetti immunomodulanti, attività antineoplastica, antivirale, antibatterica, antibioti­ca, antiinfiammatoria.
I ricercatori in due studi condotti in laboratoirio hanno scoperto due sostanze, che hanno hanno dimostrato interessanti proprietà citotossiche su cellule tumorali :

  • una proteina citolitica chiamata ostreolisina si è rivelata citotossica su cellule tumorali di mammifero
  • una lectina dimerica (40 e 4lkD) ha evidenziato potente attività antitumorale in topi affetti da sarcoma 180 e da epatoma H22. Il gruppo trattato con lectina dimerica del Pleurotus ostreatus ha avuto un notevole aumento della sopravvivenza globale, rispetto al gruppo di confronto non protetto dalla lectina dimerica del Pleurotus ostreatus.


Ricercatori hanno poi approfondito ed osservato che Pleurotus si è rivelato quello con maggiore
attività citotossica su cellule di carcinoma prostatico, rispetto ad altri 20 funghi con proprietà terapeutiche presi in esame.

I ricercatori hanno osservato che Pleurotus ha dimostrato un interessante effetto nella prevenzione di tumore, che si ottiene in laboratorio somministrando la dimetilidrazina (DMH), che è un potente cancerogeno.
I ricercatori hanno osservato nel gruppo Pleurotus un numero di carcinomi molto inferiore rispetto al gruppo di controllo non Pleurotus.

Da Pleurotus ostreatus sono state isolati i seguenti composti bioattivi principali:

  • Beta glucani e glicoproteine
  • Lovastatina
  • Ostreolisina
  • Laccasi
  • Lectine dimeri
  • Acido palmitico e linoleico



Le informazioni riportate in questa pagina sono solo a scopo informativo. L'unica finalità è quella di mantenere il valore e la natura della rete: la facile reperibilità di informazione.
Le informazioni sui principi attivi dei singoli componenti dei prodotti e sui prodotti stessi, desunte tutte da un'ampia sitografia presente in rete, e dai siti delle ditte fornitrici, non intendono trattare, curare alcuna malattia o patologia. Queste potrebbero, inoltre, riportare errori e/o omissioni. Pertanto ogni utilizzo improprio è a proprio rischio e pericolo. Si ricorda, altresì, che gli integratori alimentari non sono prodotti curativi e pertanto non possono vantare alcuna proprietà terapeutica. Le indicazioni, presenti sul sito, fanno riferimento all'impiego per il sostegno dell'organismo in periodi particolarmente difficili.

Tutte le informazioni sull'utilizzo dei funghi sono tratte dal libro del Dott. Ivo Bianchi, MICOTERAPIA, i funghi medicinali nella pratica clinica, Palermo, Nuova Ipsa Editore, 2008, e dal sito dell' IMI (Istituto Micoterapico Internazionale), sia italiano che spagnolo: www.imispain.com


Il contenuto della sezione MICOTERAPIA, come pure tutti i contenuti presenti sul sito dell'erboristeria arcobaleno sono solo scopo informativo e non sono da utilizzare come mezzo per curare malattie. Sia l´editore che l´autore si astengono dal dispensare consigli medici, direttamente o indirettamente, nonchè dal prescrivere qualsiasi cura e non si assumono alcuna responsabilità nei confronti di coloro che scelgono di curarsi da soli senza il consenso del proprio medico.

Home Page | INFORMATIVA | Condìzioni di VENDITA | Novità | PROMOZIONI | Idee REGALO | Curiosità | Contatti | Dove siamo | Dicono di noi | | | Acqua | Acqua e Sale | Acqua e Sapone | ACNE e Impurità | Alcalinizzanti | Alimentari | Alga KLAMATH | Alghe marine | Allergie | Aloe | Aminoacidi e Proteine | Animali | Antidolore | ANTIOSSIDANTI | Antinfluenza | Antizanzare | Ansia e Stress | AntiAge | Antirughe | Arcobaleno BIMBI | Argan olio | Argento Oro... Colloidi | Aromaterapia | Articolazioni | Attivatori energetici | Auricoloterapia | Ayurveda | Baobab | Biopan e Vitapan | BIOTTA succhi | CAISSE formula | Calcolosi renale | Canapa | Candida | Capelli CURA | Capelli Professional | CAPELLI RICRESCITA | CELLFOOD | Cellulite | Cerotti LIFEWAVE | Cistite | Colesterolo | Colostro | Cosmeceutica | Cura del corpo | Depurazione | Digest | Dieta ZERO | Dolcificanti naturali | Enzimi | Erbario | Essenze DONNA | Essenze UOMO | Estratti SPAGIRICI | Fibromialgia | Floriterapia | FitoDETERSIVI | Fosfatidilcolina | Gambe | Glicemia | GUAM Anticellulite | Gruppi sanguigni | Helix | Incensi | Infertilità | Infrared | Infiammazione | Integratori Salini | Karite' | Ipertensione | Lei Sex | Lei SPM | LUI e LEI | Lui | Make-Up | MELATONINA | Memoria | Menopausa | Meristemo-Terapia | Metabolomici | Micoplasmi | Micoterapia | MICROIDRINA | NONI | Nutraceutica | Oggettistica | OLI vegetali | Oligoelementi | Olivo | Omega 3-6-9 | PAPAYA | Prodotti DI LEO | Prodotti RE.NA.CO. | Propoli | Saponi Aleppocolors | Saponi Dr. Bronners | Semi di Pompelmo GSE | SOLARI | Sovrappeso e obesità | Stitichezza | Supporto oncologico | TEA TREE oil | Tè accessori | Tè e Infusi | Tè MACTHA | Tè TULSI | Termoterapia | Tiroide | Tisane TMG | Vitamine e Minerali | ZEOLITE | | | ACMOS | TAOPATCH | CLARK zapper | ENERGIA sottile | PIETRE e CRISTALLI | Diagnosi dal volto | Ritmi Circadiani | Intimo HITECH | Test della ballerina | Dr. Filippo Ongaro | Link Amici | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu