Erboristeria Arcobaleno

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


Linea Fitoseptic

ERBAVITA

Se usati male, gli antibiotici possono nuocere alla nostra salute. Per ridurre gli effetti negativi di queste sostanze ci sono gli antibiotici naturali, efficaci e sicuri al 100%.
Pochi farmaci sono stati in grado di rivoluzionare la medicina come gli antibiotici. Ma qualche tempo dopo la rivoluzionaria scoperta firmata Fleming, apparve evidente che i microrganismi contro cui il nuovo tipo di farmaci era così efficace avrebbero ben presto imparato a reagire. È l'inizio di quello che oggi è conosciuto come il fenomeno dell'antibiotico-resistenza.

Un altro aspetto per così dire negativo degli antibiotici di sintesi è la loro azione distruttiva non solo sui batteri cattivi, responsabili cioè delle malattie, ma anche su quelli benefici (i cosiddetti batteri saprofiti), che vivono all'interno del nostro corpo e da cui trae vantaggio il nostro sistema immunitario.

Un utilizzo improprio degli antibiotici causa uno squilibrio tra queste due diverse popolazioni batteriche, che a sua volta scatena una serie di danni nell'organismo: disturbi digestivi, infezioni, micosi diffuse, eccetera. Inoltre, gli antibiotici abbassano le difese generali dell'organismo e lo rendono facile bersaglio di nuove infezioni e ricadute.

Antibiotico-resistenza, effetti collaterali e abbassamento delle difese immunitarie: abbiamo la possibilità di modificare questo quadro negativo conseguente a un uso scorretto degli antibiotici (che, lo ricordiamo, se prescritti e assunti correttamente sono strumenti fondamentali per debellare infezioni anche molto pericolose) riscoprendo e sfruttando alcune sostanze naturali ad azione antibiotica.

Gli antibiotici naturali nascono come sostanze messe a punto dalle piante nel corso dell'evoluzione per difendersi dalle aggressioni di batteri, funghi e virus.

Non presentano alcun effetto collaterale se assunti per un periodo limitato di tempo e possono essere impiegati per curare, ma anche per prevenire, malattie infettive di entità lieve o moderata: dalle malattie della pelle come l'acne, la dermatite e le verruche a quelle respiratorie come le bronchiti, le sinusiti e le otiti medie, dalle infezioni intime come vaginiti e cistiti ai disturbi gastrici e intestinali e così via.

Non sostituiscono gli antibiotici originali in quanto hanno principi e meccanismi d'azione completamente diversi Il termine antibiotico infatti deriva dal greco antibiosi, letteralmente contro la vita, e ha azione battericida, cioè uccide i batteri; gli antibiotici naturali invece non uccidono né inibiscono i batteri, ma rinforzano il sistema immunitario, favoriscono la cicatrizzazione, la rigenerazione dei tessuti, la disintossicazione del tessuto connettivo e migliorano la funzionalità dei vari organi.

Inoltre queste sostanze forniscono all'organismo del malato minerali, oligoelementi, vitamine, ormoni e altre sostanze vitali, ed è il complessivo miglioramento dello stato di salute a ricreare la capacità di autodifesa contro i batteri patogeni.

Stimolando il sistema immunitario, in caso di infezione (raffreddori, tonsilliti, cistiti ecc.) queste sostanze sono in grado di organizzare un'efficace controffensiva e, al successivo incontro con lo stesso agente patogeno, l'intero organismo sarà più forte.

L'elenco delle sostanze naturali ad azione antibiotica è davvero lungo. Le principali sono:
aloe vera, estratto di semi di pompelmo, aglio e cipolla, propoli, olio di melaleuca, timo, bergamotto, lavanda, origano, chiodi di garofano, santoreggia, ginepro, cannella, limone, rafano (o barbaforte), senape, crescione, calendula e corteccia di lapacho.

"Probabilmente una delle più importanti conquiste della medicina moderna è rappresentata dalla scoperta della Penicillina, scoperta che valse a Fleming il Premio Nobel, nel 1945. Di vera conquista si è trattato, dal momento che la penicillina ha consentito di sconfiggere patologie serie, quali la polmonite, il tifo, la tubercolosi o la meningite, malattie all'epoca spesso con decorso mortale. E da quella scoperta si sono aperte le porte ad un ampio campo di ricerca, che ha portato alla scoperta di numerosi antibiotici naturali, prima, ed alla produzione di varianti di sintesi poi, fino ai giorni nostri.

Il motivo di tanta ricerca? L'indubbia utilità di queste sostanze è stata in parte offuscata, pur essendo 'antibiotico il rimedio di elezione in caso di infezioni, dalla loro sempre minore efficacia, dovuta alla nascita di ceppi batterici divenuti resistenti.

Ma cosa è un antibiotico?
Gli antibiotici sono sostanze derivate da organismi viventi, come le muffe ad esempio, che, a contatto con microrganismi ad essi sensibili, li distruggono o li disattivano: il meccanismo della loro azione può essere battericida, nel senso che effettivamente uccidono i batteri con cui vengono in contatto, o batteriostatica, in quanto interferiscono con i meccanismi aggressivi dei batteri, o con la loro capacità riproduttiva, neutralizzandoli. La loro azione è piuttosto specifica, in quanto è legata a caratteristiche proprie della cellula batterica, per cui possono agire a livello della membrana cellulare, o del DNA, o sulla sintesi delle proteine, ma questo senza alcuna selettività: in parole povere, il meccanismo di azione di un antibiotico non seleziona, non fa distinzione tra batteri patogeni e i batteri innocui e/o utili che compongono la flora batterica.
Nel momento in cui assumiamo un antibiotico, dunque, non eliminiamo solo la causa della patologia, ma rischiamo di eliminare anche elementi della flora batterica, che siano al farmaco sensibili: la patologia è risolta ma indeboliamo il nostro corpo.

La conseguenza di questo è che oltretutto rischiamo di dare spazio ad altri agenti, batteri o miceti, che opportunisticamente possono prendere il sopravvento determinando altre patologie, come succede per esempio con la candida. Ma questo problema in fondo trova facile soluzione se, insieme con il farmaco, vengono somministrati integratori che riequilibrino la flora batterica, come ad esempio i fermenti lattici.

Il problema più importante, al di la di eventuali effetti collaterali, è l’insorgenza del
fenomeno della resistenza: fenomeno non molto facile da spiegare, ma intuitivamente facile da comprendere.

Evitando dissertazioni squisitamente scientifiche, che sarebbero di difficile comprensione, basta dire che i batteri, duplicandosi rapidamente, vanno facilmente e velocemente incontro a modificazione del loro patrimonio genetico: quando insorge una mutazione che li rende inattaccabili, e quindi resistenti ad un antibiotico, è ovvio che questi continuino a crescere e moltiplicarsi, ed a diventare “maggioranza” a dispetto di quelli che non avendo subito simili modifiche soccombono sotto trattamento antibiotico. Conseguenza di questo fenomeno, aggravato dal fatto che spesso i batteri che sviluppano questa capacità sono in grado di trasmetterla a colonie di batteri vicine, è che un antibiotico perde di efficacia, diventando addirittura dannoso, in quanto rischia di eliminare quei batteri propri della nostra flora batterica che, diventando meno numerosi, non riescono a contrastare lo sviluppo di quelli resistenti, che prendono il sopravvento e continuano la loro azione patogena indisturbati.

La giusta difesa contro i pericoli dell’uso degli antibiotici, non è il rifiuto a priori del farmaco, ma un uso più razionale, consapevole, responsabile. Possono esserci casi in cui il paziente presenta incompatibilità con un dato antibiotico, o spesso l’antibiotico viene utilizzato anche in caso di infezioni virali (ed in tal caso non solo inutile ma potenzialmente dannoso), o contro il batterio sbagliato: spesso si usano antibiotici ad ampio spettro non avendo identificato il preciso agente patogeno, e spesso vengono somministrati in dosaggi eccessivi o al contrario insufficienti, per periodi troppo lunghi o al contrario troppo brevi…

Per evitare tutto ciò, li dove possibile, ricorrere ad alternative naturali che non diano analoghe conseguenze.

Un opera di prevenzione atta a rinforzare il sistema immunitario e tutelare la barriera naturale rappresentata dalla flora batterica intestinale è un approccio fondamentale, ma, chiaramente, è un passaggio che precede la patologia: in caso di malattia, allora, la risposta più adeguata sono i “semi di pompelmo”.

L’estratto di semi di pompelmo, infatti, ha una azione selettiva che lo rende una sorta di “spazzino” del tratto digerente, favorendo lo sviluppo della flora batterica e incrementando di conseguenza le naturali difese dell’organismo: ideale è l’associazione di questo estratto con i fermenti lattici, per potenziare questa funzione di “barriera” allo sviluppo dei patogeni, ed una associazione anche con estratto di Echinacea, per rinforzare il sistema immunitario.

Ma perché i Semi di Pompelmo?

Perché sono antibiotici naturali… A differenza di altri rimedi naturali che hanno azione antibatterica, i semi di pompelmo hanno una vera e propria azione antibiotica.


L’estratto è ricavato dai semi e dalla polpa disidratata o dalle membrane del frutto: non è una semplice estrazione, ma una serie di processi che portano alla formazione di nuovi legami chimici. In particolare i bioflavonoidi vengono trasformati in legami quaternari: questi sono i responsabili dell’attività antibiotica di questo estratto, in quanto agiscono limitando la proliferazione di quasi tutti i batteri, oltre che di lieviti e muffe.

Il loro meccanismo di azione è di tipo “battericida”:
in pratica questi Sali che si formano dai nuovi legami che si vengono a creare, agiscono sulla membrana cellulare dei batteri, denaturandone le proteine. La membrana ne risulta disorganizzata, distrutta, e la cellula batterica, a causa di questo squilibrio, non riesce ad assorbire principi nutritivi e muore. Si tratta di una azione piuttosto simile a quella delle penicilline e delle cefalosporine, senza però mostrare analoga tossicità.


Il motivo per cui è importante questo estratto consiste non solo nella sua bassa tossicità, ma anche nel fatto che mostra una notevole specificità: è attivo su circa 800 ceppi di batteri, tra cui Salmonella, Escherichia coli, il vibrione del colera, stafilococchi e streptococchi, oltre che su più di un centinaio tra virus, funghi e parassiti.

Il fatto poi che non sia risultata alcuna forma di resistenza ai sali attivi dei bioflavonoidi ne aumenta notevolmente l’utilità: da una parte i semi di pompelmo non attaccano la flora batterica, primo filtro a qualsiasi infezione, dall’altra non danno luogo a ceppi più forti e resistenti!

Ovviamente, data la specificità dei semi di pompelmo è il caso di utilizzarli in particolare nei casi in cui risultano particolarmente attivi, e quindi in caso di infezioni da salmonella, Escherichia coli, Stafilococchi, Streptococchi, Listeria, o Clamidia, o in caso di Colera, o di dissenteria da Shigella, così come nelle affezioni intestinali causate da Entoameba hystolitica, e Giardia.
Molto utile nelle infezioni vaginali croniche causate dalla Candida, nelle malattie da raffreddamento, nell’influenza, o nei disturbi gastrointestinali causati dagli agenti patogeni su elencati.

In associazione con fermenti lattici come il Lactobacyllus acidophylus o il Bifidobacterium è utile per affrontare gli squilibri della flora intestinale.
In generale è importante associare ad un trattamento con semi di pompelmo la somministrazione di prodotti che stimolino il sistema immunitario, come ad esempio l’Echinacea: insieme i due estratti aiutano il corpo ad affrontare e superare le infezioni.

Riguardo la potenziale tossicità dei semi di pompelmo, a differenza di quanto avviene per gli antibiotici che hanno manifestato anche una certa tossicità intrinseca, è stato dimostrato che si incorre nel pericolo di una intossicazione con un dosaggio superiore alla norma di 4000 volte: in pratica, bisognerebbe ingerirne litri!

E’ comunque il caso di avere una cautela: i soggetti allergici agli agrumi potrebbero essere sensibili anche all’estratto di semi di pompelmo. Inoltre potrebbe dare problemi in quei soggetti che non tollerano l’acidità propria del pompelmo, per cui in questi casi in particolare, ma sarebbe comunque buona norma generale, è consigliabile assumere l’estratto a stomaco pieno e partendo da un dosaggio minimo per aumentarlo gradualmente".

Dott.ssa Maria Genovese
Prodotto consigliato "Fitoseptic" di Erbavita


Vedi anche la pagina LEI
Infezioni Urinarie
Candida
GSE semi di pompelmo




Fitotree capsule 60
Flacone 60 caspule
Prezzo € 20.00


Utili all'organismo per combattere le aggressioni esterne.
Coadiuvante nei disturbi associati alla stagione fredda o a repentini cambi di temperatura
Protettivo naturale
Lenitivo sulle mucose
Pratico all'uso e insapore

Modo d'uso:
Si consiglia di assumere da 2 a 4 capsule al giorno con abbondante acqua.
Ingredienti: Estratto secco di Semi di Pompelmo, olio essenziale di Tea Tree, estratto secco di Rosmarino.




Vedi anche gli altri prodotti ERBAVITA

Le informazioni riportate in questa pagina sono solo a scopo informativo, tratte da un'ampia sitografia presente in internet. L'unica finalità è quella di mantenere il valore e la natura della rete: la facile reperibilità di informazione.
Le informazioni sui principi attivi dei singoli componenti dei prodotti e sui prodotti stessi, desunte tutte da un'ampia sitografia presente in rete, e dai siti delle ditte fornitrici, non intendono trattare, curare alcuna malattia o patologia. Queste potrebbero, inoltre, riportare errori e/o omissioni. Pertanto ogni utilizzo improprio è a proprio rischio e pericolo. Si ricorda, altresì, che gli integratori alimentari non sono prodotti curativi e pertanto non possono vantare alcuna proprietà terapeutica. Le indicazioni, presenti sul sito, fanno riferimento all'impiego per il sostegno dell'organismo in periodi particolarmente difficili.


Home Page | INFORMATIVA | Condìzioni di VENDITA | Novità | PROMOZIONI | Idee REGALO | Curiosità | Contatti | Dove siamo | Dicono di noi | | | Acqua | Acqua e Sale | Acqua e Sapone | Alcalinizzanti | Alimentari | Alga KLAMATH | Alghe marine | Allergie | Aloe | Aminoacidi e Proteine | Animali | Antidolore | Antiossidanti | Antinfluenza | Antizanzare | Ansia e stress | AntiAge | Arcobaleno BIMBI | Argan olio | Argento Oro... Colloidi | Aromaterapia | Articolazioni | Attivatori energetici | Auricoloterapia | Ayurveda | Baobab | Bevanda Biologica CHI | Biopan e Vitapan | BIOTTA succhi | CAISSE formula | Calcolosi renale | Canapa | Candida | Capelli CURA | Capelli Professional | CAPELLI RICRESCITA | CELLFOOD | Cerotti LIFEWAVE | Colesterolo | Colostro | Cosmeceutica | Cura del corpo | Cristalloterapia | Depurazione | Digest | DIETA ZERO | Dolcificanti naturali | Erbario | Essenze DONNA | Essenze UOMO | Estratti SPAGIRICI | Fibromialgia | Floriterapia | FitoDETERSIVI | Fitoterapici | Fosfatidilcolina | Glicemia | Guam | Gruppi sanguigni | Helix | Incensi | Infertilità | Infrared | Infiammazione | Integratori Salini | Ipertensione | Lei | Lei cellulite | Lei cistite | Lei cura della pelle | Lei gambe | Lei menopausa | Lei Sex | Lei SPM | Lui e Lei | Lui | Magnetoterapia | MELATONINA | Memoria | Micoplasmi | Micoterapia | MICROIDRINA | NONI | Nutraceutica | Oggettistica | OLI vegetali | Oligoelementi | Olivo | Omega 3-6-9 | PAPAYA | Propoli | Saponi Aleppocolors | Saponi Dr. Bronners | Semi di Pompelmo GSE | Solari | Sovrappeso e obesità | Stitichezza | Supporto oncologico | TEA TREE oil | Tè accessori | Tè e Infusi | Tè MACTHA | Tè TULSI | Termoterapia | Tiroide | Vitamine e Minerali | Zeolite | | | DITTE E PRODOTTI | AVD | ALEPPO COLORS | ANTICHE FRAGRANZE | BIOLOERBE | BIOS LINE | DERBE | DENPAS | Dott.WOLZ | ELICINA | EOS | ERBAVITA | ERBOLARIO | FARMADERBE | FITOMEDICAL | FGM04 | FREELAND | GUAM | JAMIESON | INNERLIFE | Laboratorio Di LEO | LEPO | MAGENTINA | MONTHERM | NATURAL POINT | NATURE'S | NATURVITAE | NEW MERCURY | NONIFORLIVE | NUTRIGEA | NUTRIVA | PRODECO | RE.NA.CO. | SOLGAR | SOLIME' | SPECCHIASOL | STAR BENE | VIVIDUS | ZUCCARI | | | ACMOS | ENERGIA sottile | Diagnosi dal volto | Ritmi Circadiani | Intimo HITECH | Test della ballerina | Dr. Filippo Ongaro | Link Amici | Pubblicità | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu