Erboristeria Arcobaleno

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


integratori salini

AFFATICAMENTO
CRAMPI MUSCOLARI
IRRITABILITÀ, NERVOSISMO
PROBLEMI CIRCOLATORI

Integrazione idrica... ma non solo!

Durante l'attività fisica quotidiana o durante la pratica sportiva i muscoli sviluppano energia e calore che aumentano la temperatura corporea, La quantità di calore dipende sia dall'intensità dello sforzo fisico, sia dalle condizioni climatiche. Il nostro organismo per disperdere calore produce il sudore.

Sudare fa bene
perché il sudore regola la temperatura interna dell'organismo che funziona in maniera ottimale a 37°C, e contribuisce ad eliminare le scorie dell'organismo con azione detossinante. Ogni litro di sudore evaporato disperde circa 600 Kca Ouesto calo non è dimagrimento, ma è disidratazione che deve essere compensata bevendo. L'acqua costituisce il 60-70% dell'organismo, ma il sudore non è composto di sola acqua, contiene anche sali minerali in diversa concentrazione: principalmerte Sodio, Cloro, Potassio e Magnesio.

Non tulle le acque minerali contengono un adeguato apporto quali-quantitativo di sali disciolti ed, inoltre, bere solo acqua può non essere sufficiente ad una fisiologica integrazione. Da qui la necessità di rivolgersi agli integratori salmi, in particolare per il reintegro di Potassio e di Magnesio.

Il Sodio ed il Cloro (cloruro di sodio sale da cucina) vengono infatti, di norma, parzialmente compensati dall'alimentazione quotidiana. Tuttavia, in particolari situazioni come in presenza di intensa attività fisica e/o sportiva con notevole dispersione di sali mineraii attraverso la sudorazione, si rende necessaria l'integrazione anche di Sodio e Cloro.

Quando fa molto caldo, soprattutto quando coesiste un'alta umidità ambientale, una persona sedentaria può arrivare a produrre fino a 4 litri di sudore in un giorno, mentre in alcuni atleti sono state registrate perdite di liquidi fino a 6 litri dopo una sola prestazione.

Quando i liquidi dispersi attraverso la sudorazione superano 112% del peso corporeo l'assunzione di acqua semplice non è più sufficiente a compensare le perdite idriche, ma è indispensabile reintegrare anche le perdite di sali minerali.

Se questa reintegrazione non avvenisse, l'organismo sarebbe obbligato ad attingere liquidi dalle riserve idriche interne, più precisamente preleverebbe acqua dai liquidi extracellulari e dalle cellule, che si disidraterebbero, e dal plasma sanguigno con grave pericolo di insorgenza di problemi circolatori, cardiaci e muscolari anche gravi.

Sonnolenza, irritabilità, affaticamento, crampi muscolari e cali di tonicità sono talvolta i primi segnali di una pericolosa disidratazione che può essere causata anche da situazioni fisio-patologiche particolari come diarrea, vomito ed iperidrosi emotiva.

Inoltre, negli sportivi l'energia, la forza e la capacità di concentrazione sono requisiti fondamentali per favorire non solo le migliori performances, ma anche per prevenire le lesioni ed i traumi da esercizio. Ecco perché diventa importante, durante o subito dopo la performance sportiva, una specifica integrazione salma-energetica, dalla valenza nutrizionale-antiossidante e vitaminico-specifica, nonché tonificante, utile per reintegrare i sali minerali persi con la sudorazione, mantenere una fisiologica contrazione muscolare e disporre di una pronta energia fisica.

Un minerale essenziale non solo per le ossa: il calcio

Il Calcio è presente nell'organismo in quantità superiore a qualsiasi altro minerale. Insieme al fosforo è fondamentale nella formazione e nel consolidamento di ossa e denti, mentre con il Magnesio contribuisce al buon funzionamento dell'apparato cardiovascolare.

Infatti mantiene regolare il battito cardiaco e agisce sul sistema nervoso favorendo la trasmissione degli impulsi lungo i nervi. La sua carenza può causare rachitismo, fragilità ossea, osteoporosi e danni irreversibili alla struttura dentale.

In letteratura, inoltre, vengono segnalati, in seguito a carenza di calcio, aumento del rischio di ipertensione, aritmie cardiache, crampi, dolori alle giunture, dolori mestruali, insonnia, rallentamento della crescita, eccessiva irritabilità di nervi, crampi muscolari, unghie fragili, eczema e intorpidimento di braccia e gambe.


Quando il calcio non viene adeguatamente introdotto con la dieta o nelle situazioni in cui non sia ottimamente assorbito (malassorbimento intestinale, uso continuato di antiacidi, cortisone, fibre...) è necessario prevedere una sua integrazione.


Insieme al calcio dovrebbe essere integrata anche la vitamina D, detta "calciofissatrice" perché è indispensabile affinché il calcio si fissi nelle ossa.


La sinergia d'azione delle erbe officinali e di specifici ingredienti funzionali

POTASSIO

Il Potassio è il principale elettrolita intracellulare. lI 95% del Potassio si trova infatti nei liquidi intracellulari ed è responsabile dell'idratazione e del buon funzionamento della cellula.

La perdita di Potassio e di Magnesio con la sudorazione riduce l'efficienza dei muscoli, in particolare la carenza di Potassio determina una progressiva riduzione della concentrazione di questo sale anche all'interno della cellula muscolare. Tale riduzione provoca una progressiva incapacità del muscolo di rispondere agli stimoli nervosi e una progressiva insorgenza di fatica.

Infatti è direttamente coinvolto nella contrazione muscolare e nella trasmissione degli impulsi nervosi e con il Sodio regola gli scambi controllati dalla pompa sodio-potassio.

Una tonte naturale ricca di Potassio è la Banana. Oltre al Potassio, il succo ottenuto dalla polpa di questo frutto contiene anche calcio, fosforo e ferro, vitamina A, vitamine B, B2 e 86, vitamina C, vitamina PP e vitamina E.

Grazie al suo apporto in zuccheri semplici e carboidrati, la Banana fornisce energia prontamente utilizzabile. È infatti consigliabile consumare banane 40-50 minuti dopo la conclusione di uno sforzo fisico poiché apporta energia ai muscoli.

Anche l'Albicocca è un frutto (drupa) ricco di minerali e vitamine, altamente digeribile. Il succo ottenuto dalla polpa di questo frutto ha un buon apporto naturale di Potassio e Carotene, ma contiene anche vitamina A, 9,, 9,, 8,, 0 e PR Calcio, Magnesio e Fosforo.


MAGNESIO
All'interno del nostro organismo il 60% del Magnesio si trova a livello di tessuto osseo, il restante 40% è distribuito negli altri tessuti, ma prevalentemente nei liquidi intracellulari. Assieme a Calcio, Fosforo e vitamina D influenza il metabolismo delle ossa, ma regola anche il metabolismo dei carboidrati, delle proteine e degli acidi nucleici.

È cofattore di tutti gli enzimi che utilizzano ATP
o altri nucleotidi trifosfati nel trasferimento del gruppo fosfato, è quindi in grado di attivare gli enzimi che intervengono nel metabolismo energetico. È indispensabile per la sua azione catalitica. E' coinvolto in numerosi processi che consentono di ottenere energia dagli alimenti: favorisce l'assorbimento dei carboidrati e la produzione delle proteine e dei grassi da parte dell'organismo.

Le importanti perdite di Magnesio con la sudorazione contribuiscono all'insorgere della fatica perché è responsabile del corretto funzionamento dei meccanismi a pompa che mantengono inalterata la concentrazione del potassio all'interno della cellula.

La sua somministrazione risulta utile in tutti i casi di astenia. È fondamentale per il buon funzionamento del sistema nervoso: facilita, infatti, la trasmissione degli impulsi nervosi tra una cellula e l'altra e rende quindi più pronto e attivo l'intero sistema nervoso.
I suoi effetti si ripercuotono su vari apparati e organi ed anche sulla memoria e sull'umore.
Riequilibra le alterazioni nei neurotrasmettitori cerebrali
(collegate alle alterazioni ormonali) che si verificano in caso di sindrome premestruale. Insieme al calcio, il Magnesio è necessario all'attività muscolare, in quanto è coinvolto nei processi di contrazione dei muscoli.



SODIO

Il Sodio è presente in forma ionica principalmente nei liquidi extracellulari e, assieme al Potassio, è responsabile della regolazione della pressione osmotica, dell'equilibrio acido-base e dell'eccitabilità neuromuscolare.

Esso si oppone alla diffusione passiva degli ioni mantenendo il potenziale di membrana. La pompa sodio-potassio è infatti responsabile del mantenimento di una concentrazione intracellulare elevata di Potassio e bassa di Sodio, regola infatti scambi di Sodio e Potassio contro gradiente di concentrazione.

Interviene anche nella
trasmissione dell'impulso nervoso.

Un litro di sudore contiene 2-3 g di cloruro di sodio ed è proprio per questo motivo che il sudore ne ha il sapore caratteristico.





CLORO (Cloruro di Sodio)


La principale fonte di
Cloro è il cloruro di sodio, essenziale per la vita; il sodio (Na*) e il cloruro (Cl-) sono infatti i principali ioni del liquido extracellulare, che comprende il plasma sanguigno. Il sodio ed il cloruro sono elettroliti che contribuiscono al mantenimento della concentrazione e alle differenze di carica attraverso le membrane cellulari.

Il Cloruro è pertanto uno ione molto importante in quanto partecipa al mantenimento della pressione osmotica,
contribuisce alla regolazione dell'equilibrio acido-base, contribuisce al mantenimento dell'equilibrio idrico ed è il costituente del succo gastrico (HCl).

Il controllo del potenziale di membrana cellulare è di fondamentale importanza per la corretta trasmissione degli impulsi nervosi, per la contrazione muscolare e per la funzionalità cardiaca.




ZINCO




Lo
Zinco è un minerale importante in quanto tiene sotto controllo la contrattilità dei muscoli, presiede al regolare ricambio delle cellule e favorisce la prontezza di riflessi.

La maggior parte dello Zinco presente negli alimenti viene perduta durante le varie fasi di trasformazione; se consideriamo anche il fatto che una sudorazione dovuta ad attività fisica ne determina una perdita fino a 3 mg al giorno, risulta evidente l'
importanza dell'integrazione anche di questo minerale.






EQUISETO pianta officinale dal prezioso contenuto minerale.

Denominazione botanica: Equisetum arvense L.
Sinonimi: Coda cavallina.
Famiglia: Equisetaceae.
Parti utilizzate: fusti sterili,
Principi funzionali: 15-20% sostanze minerali (acido silicico; Sali di potassio, calcio, magnesio, zinco), flavonoidi, acido ascorbicd, acidi cinnamici, acidi dicaffeiltartrici.


Proprietà ed impieghi: trova impiego principalmente per le sue proprietà remineralizzanti, soprattutto per il tessuto osseo.
La moderna fitoterapia utilizza gli estratti standardizzati in silicio della coda cavallina nella prevenzione e nel trattamento dell'osteoporosi, delle fratture e delle forme reumatiche.
L'Equiseto, contenendo
potassio ed acido ascorbico, si presta ottimamente ad una reintegrazione minerale in seguito ad eccessiva sudorazione.



L'importanza della vitamina C nella sudorazione
In un'integrazione idrica e salina è molto importante anche l'apporto di vitamine, in particolare la vitamina C.

Quando si suda, infatti, la reazione dell'organismo al caldo viene stimolata dagli ormoni prodotti dalle ghiandole surrenali le quali contengono una elevatissima quantità di vitamina C.

Infatti quest'ultima viene usata dalla ghiandola surrenale in momenti di stress, e qualsiasi situazione di stress grave e prolungato provoca una sua diminuzione, che può essere compensata.

Se la vitamina C viene assunta in quantità insufficiente, le ghiandole surrenali funzionano in maniera ridotta e non sono più in grado di assicurare il controllo della temperatura corporea e di scongiurare il rischio di malori da caldo.

Inoltre, la vitamina C esplica un'importante azione
antiossidante contrastando i radicali liberi che si producono in maggior quantità in particolari situazioni come ad esempio quando si è sottoposti ad attività tisica.
Ricche fonti naturali di vitamina C sono l'estratto di Acerola
ed il succo d'Arancia.


Le vitamine del gruppo B: una fabbrica di energia.



Le vitamine rappresentano gli elementi indispensabili alla vita dell'organismo. Vengono introdotte nell'organismo attraverso gli alimenti: carne, uova, latte, formaggi, cereali, pesce, legumi, frutta e verdura.

Non producono direttamente energia, ma partecipano alle reazioni principali per la sua produzione.

Come componenti degli enzimi, agiscono nel metabolismo energetico facilitando l'utilizzo delle fonti di energia.

Per esempio le vitamine
B6 e B12 operano sul metabolismo delle proteine; la vitamina B1, su quello dei carboidrati; la B2 e la E sul metabolismo dei grassi; la C, la B12 e l'Acido folico facilitano l'assorbimento del ferro e favoriscono l'ossigenazione dei tessuti; la vitamina PP accresce l'energia dell'organismo attraverso una opportuna utilizzazione del cibo.

La Biotina ha un'attività sinergica cioè di potenziamento reciproco con le vitamine B2, B6 e PP; il Pantotenato di calcio è essenziale per la conversione dei grassi e degli zuccheri in energia.





ELEUTEROCOCCO: la pianta adattogena che sostiene l'organismo

Denominazione botanica: Eleuterococcus senticosus Maxim.
Sinonimi: Ginseng siberiano.
Famiglia: Araliaceae.
Origine: Siberia.
Parti utilizzate: radice.
Principi funzionali: eleuterosidi, cumarine, olio essenziale, polisaccaridi.

Proprietà ed impieghi: è una pianta usata nella medicina tradizionale cinese come stimolante, tonico, adattogeno per aumentare la resistenza alle malattie in caso di stress. Sostiene l'organismo negli stati di affaticamento grazie alle sue proprietà antistress.

La letteratura scientifica riferisce come la somministrazione di un estratto di Eleuterococco ad atleti migliori le performances e favorisca le prestazioni sportive.

Infatti a livello del metabolismo glucidico si osservano modificazioni significative che interessano soprattutto gli individui sottoposti a sforzi o a stress psicofisici.

In questi casi si può valutare la riduzione del consumo di riserve energetiche glucidiche. Gli estratti di Eleuterococco tendono a normalizzare la concentrazione di glucosio nel sangue e prevengono lo sviluppo di ipoglicemia.

Inoltre, è stato clinicamente dimostrato come gli estratti di Eleuterococco siano in grado di stimolare le normali
difese dell'organismo, potenziando la risposta anticorpale e stimolando le funzioni fagocitarie. Questo è particolarmente utile agli sportivi che si impegnano in condizioni climatiche rigide (sport invernali) o avverse con gare, match, partite che si svolgono in situazioni di pioggia, freddo o rigore invernale.


GUARANÀ: caffeina a lento rilascio per un'azione tonico-stimolante

Denominazione botanica: Paullinia cupana Kunth.
Sinonimi: Paullinia sorbilis L.
Famiglia: Sapindaceae.
Origine: Amazzonia.
Parti utilizzate: semi.
Principi funzionali: metilxantine, polifenoli, amidi e oli essenziali in tracce.

Proprietà ed impieghi: è una pianta particolarmente utile per combattere le astenie. I suoi frutti hanno un colore rosso vivo, ma la parte della pianta utilizzata per le sue eccezionali proprietà toniche sono i semi.

I ricercatori francesi, tra cui il chimico Vereg, studiano da molto tempo questa pianta considerata tradizionalmente dalle popolazioni brasiliane come un ottimo stimolante e tonificante dell'organismo, giungendo alla conclusione che il guaranà è la pianta che possiede il più elevato tenore in caffeina.

Tuttavia chi assume il guaranà non accusa insonnia o accentuati stati di agitazioni. Gli studi compiuti spiegano il fatto considerando che l'assorbimento della caffeina contenuta nel guaranà avviene con grande lentezza da parte dell'organismo.

Il guaranà migliora e capacità di concentrazione e ottimizza la prontezza di riflessi.



Per lo sportivo, non solo minerali: anche carboidrati e amminoacidi



CARBOIDRATI: una rapida fonte di energia
I carboidrati costituiscono il gruppo più importante, in termini quantitativi, degli alimenti di cui necessita il corpo umano. Essi infatti rappresentano una rapida tonte di energia e vengono digeriti, assimilati e quindi immagazzinati all'interno dell'organismo sottoforma di glicogeno a livello dei muscoli e del fegato.

Il
glicogeno depositato nel fegato serve a regolare la quantità di glucosio presente nel sangue. Durante l'esercizio tisico il muscolo ricava parte dell'energia dagli zuccheri presenti nel fegato, ma la porzione maggiore la attinge da quello contenuto nella muscolatura.

Risulta pertanto chiara l'importanza di una alimentazione ricca di carboidrati per aumentare e mantenere costante il livello di glicogeno nei muscoli. L'integrazione di carboidrati aumenta la resistenza allo sforzo fisico in quanto contribuisce a mantenere inalterata la concentrazione di glucosio nel sangue.

Le Maltodestrine, il Fruttosio ed il Destrosio sono carboidrati a rapido assorbimento, quindi facilmente metabolizzati dall'organismo, particolarmente indicati per l'integrazione energetica dello sportivo.


L-ARGININA: aminoacido che depura dalla fatica

L'Arginina è un aminoacido essenziale nei bambini in quanto non sono in grado di sintetizzarlo. Negli adulti viene prodotto a livello renale ed epatico.

Essa ricopre un ruolo fondamentale nel mantenimento dell'omeostasi e delle funzioni dell'organismo.

L'Arginina è un precursore della creatina e ne aumenta la velocità di sintesi, interviene nella sintesi di altri aminoacidi e del glucosio; essa può inoltre essere catabolizzata per produrre energia quando le scorte di glucosio cominciano ad essere insufficienti. Interviene nella sintesi di ossido nitrico, sostanza in grado di indurre vasodilatazione e quindi maggior apporto di sangue ai tessuti con conseguente migliore ossigenazione.

L'arginina è inoltre un prodotto intermedio del ciclo dell'urea e come tale contribuisce a detossificare l'organsimo. Questa sua proprietà è particolarmente utile durante l'esercizio fisico, quando cioè si assiste ad un accumulo di ammoniaca, causa di fatica.

E' utile soprattutto negli sport caratterizzati da prolungato e costante sforzo fisico (corsa, ciclismo, sci di fondo...) in quanto permette la produzione di creatina e fosfocreatina necessarie per la contrazione muscolare, e combatte la fatica.

CARNITlNA: energia per l'attività aerobica

La Carnitina è un aminoacido concentrato soprattutto a livello muscolare (95%) che l'organismo sintetizza principalmente nel fegato e a livello renale a partire da metionina e lisina, in presenza di vitamina B6, C e ferro.

Viene utilizzata per la conversione dei grassi in energia; essa infatti facilita l'ingresso degli acidi grassi a lunga catena all'interno dei mitocondri dove vengono ossidati per produrre energia.


La carnitina è contenuta soprattutto negli alimenti di origine animale come la carne ed i prodotti caseari e la sua integrazione è pertanto consigliabile alle persone che seguono una dieta vegana e/o vegetariana, oltre che negli sportivi soprattutto quando si pratica principalmente esercizio fisico aerobico.

Questo aminoacido è disponibile in diverse forme tuttavia quella biologicamente attiva e quindi più indicata per integrazione alimentare è la L-carnitina.

Negli sportivi, in particolare nelle situazioni in cui c'è bisogno di risparmiare il glicogeno ed ossidare prevalentemente i grassi come per esempio nella maratona, nel ciclismo di lunga durata, ecc...
la carnitina migliora le performances sportive, aumenta la resistenza alla fatica ed aumenta la vasodilatazione periferica migliorando il flusso e la distribuzione dell'ossigeno.


CREATINA: energia per i muscoli

La Creatina è un composto intermedio del metabolismo energetico sintetizzato principalmente dal fegato e dai reni a partire da tre aminoacidi (arginina, metionina e glicina) ed utilizzato nei muscoli per la contrazione muscolare.

Trasformata dall'organismo in creatina fosfato, permette la formazione di ATP (adenosina trifosfato) a partire dall' ADP (adenosina difostato), fornendo pertanto energia all'organismo.

Il fabbisogno giornaliero di creatina è mediamente pari a 2 g: circa 1 g deriva dalla sintesi endogena, il restante dall'alimentazione (principalmente dalla carne).

Tuttavia in presenza di sforzo muscolare, soprattutto di elevata intensità e di breve durata, il fabbisogno di creatina aumenta ed è pertanto consigliabile una sua integrazione che si è dimostrata migliorare le prestazioni atletiche (soprattutto anaerobiche) in termini di forza e potenza muscolare, diminuzione dei tempi di recupero, permettendo di aumentare l'intensità dell'esercizio fisico.


ACIDO L-ASPARTICO: maggiore energia e resistenza alla fatica.

Si tratta di un aminoacido non essenziale che interviene nella formazione degli acidi nucleici (DNA ed RNA) e nel rafforzamento del sistema immunitario in quanto partecipa alla produzione di anticorpi ed immunoglobuline. Durante l'attività fisica interviene nella formazione energetica dei glucidi ed aumenta la resistenza alla fatica; dopo l'attività fisica contribuisce all'eliminazione dell'ammoniaca prodotta dall'organismo. L'acido L-aspartico viene impiegato in presenza di stati di stress ed affaticamento fisico.


COENZIMA Q10: l'antiossidante dei mitocondri

Il CoQ10 o è un ubiquinone liposolubile che ricopre un ruolo importantissimo all'interno della cellula nella produzione di energia in quanto funge da trasportatore di idrogeno nelle catene di ossidoriduzione a livello mitocondriale.

Favorisce la produzione di ATP in presenza di ossigeno ed è pertanto essenziale per mantenere una buona efficienza fisica; negli sportivi il fabbisogno di C0Q1O è superiore ed aumenta in funzione dello sforzo fisico svolto.
Ha spiccate proprietà antiossidanti.



Natural Point Magnesio Supremo
Confezione in polvere 150 gr.
Ptrezzo: € 15,70



FONTI NATURALI, CARATTERISTICHE e COMPOSIZIONE
:
Il magnesio (Mg) è ampiamente diffuso negli alimenti, in particolare nei vegetali (ortaggi a foglia verde, germe di grano, soja, semi di girasole), nella frutta secca (mandorle, noci), nei pesci di mare (aringa, merluzzo, ipoglosso ecc.) e d’acqua dolce (carpa).

Un’alimentazione bilanciata apporta normalmente una quota sufficiente di tale elemento. Vi sono tuttavia situazioni o periodi della vita in cui vengono perdute o consumate notevoli quantità di magnesio: situazioni di stress prolungato tipiche della frenetica vita moderna, eccessiva sudorazione (soprattutto se legata a intensa attività fisica), gravi ustioni o lesioni, diarree e vomiti prolungati, malattie debilitanti.
Il magnesio viene impiegato spesso sotto forma di ossido (magnesio ossido) e aminoacidochelato.

Il Magnesio ossido contiene un elevatissimo contenuto di magnesio e si trova in natura come minerale Periclasi. Il Magnesio aminoacidochelato, essendo legato appunto ad aminoacidi, viene assorbito molto facilmente a livello intestinale (vedi Istruzioni per l’uso).

PROPRIETA':

1) TRASMETTE gli IMPULSI NERVOSI e STIMOLA la FUNZIONE NERVOSA: il magnesio è un minerale essenziale per le cellule viventi. Coopera nel trasporto di sodio e potassio attraverso la membrana cellulare e influenza i livelli di calcio all’interno delle cellule. Il magnesio intracellulare attiva l’esochinasi, enzima che converte il glucosio in glucosio-6-fosfato, primo gradino della glicolisi (processo attraverso il quale gli zuccheri vengono “bruciati” per produrre energia) necessaria per fornire energia a tutte le cellule, in particolare quelle nervose e muscolari che ne consumano una grande quantità.

Lo stress tende ad esaurire le riserve di magnesio dell’organismo. Una carenza di magnesio produce nervosismo, ansietà, tic nervosi e insonnia di tipo II, caratterizzata da addormentamento regolare ma da frequenti risvegli notturni, per cui il soggetto si sveglia stanco anche dopo diverse ore di sonno.

(L’insonnia di tipo, caratterizzata da difficoltà all’addormentarsi è invece legata ad una carenza di calcio).

2) STIMOLA le FUNZIONI MUSCOLARI e NORMALIZZA il RITMO CARDIACO:
una carenza di magnesio produce tensione muscolare e crampi muscolari diurni, dopo l’esercizio fisico, in particolare alle mani e ai piedi (i crampi notturni ai polpacci, durante il riposo, sono invece dovuti a carenza di calcio). L’ipomagnesemia può produrre ipertensione arteriosa e sembrerebbe inoltre favorire l’insorgenza di aterosclerosi, soprattutto in caso di dieta ricca di colesterolo. Anche il singhiozzo frequente è associato a carenza di magnesio.

3) PROMUOVE le NORMALI FUNZIONI METABOLICHE: Il magnesio interviene in oltre 300 diversi processi metabolici (in particolare sul metabolismo delle proteine e degli acidi nucleici) ed è indispensabile per promuovere la funzionalità di numerosi sistemi enzimatici. Anche nelle donne che soffrono di sindrome dolorosa premestruale è stata riscontrata una carenza di magnesio, unitamente ad un eccesso di calcio. Altro sintomo carenziale di magnesio è rappresentato da una traspirazione eccessiva e da cattivo odore corporeo generalizzato (il cattivo odore dei piedi è invece caratteristico di una carenza di zinco).

4) COOPERA alla CRESCITA delle OSSA e RINFORZA lo SMALTO dei DENTI
: insieme al calcio e al fosforo partecipa alla costituzione dello scheletro, infatti circa il 70% del magnesio dell’organismo si trova nelle ossa.

INDICAZIONI per una INTEGRAZIONE di MAGNESIO:
Persone soggette a stress prolungati o malattie croniche debilitanti, tipicamente con nervosismo e ansietà; Lavoratori o atleti sottoposti a pesanti attività fisiche, soprattutto se prolungate, comportanti fra l’altro eccessiva sudorazione; Persone anziane.

ISTRUZIONI per L'USO:
225-450 mg di magnesio (corrispondenti generalmente a 1-2 compresse) al giorno, durante i pasti con un bicchiere colmo di acqua leggermente calda.
NdR: una punta di coltello di magnesio -ossido- in un bicchiere d'acqua calda al mattino(meglio se si riesce ad usare un'acqua con un basso contenuto di residuo fisso, sotto i 50 mg/litro - in questa forma, il magnesio viene assimilato velocemente dall'organismo, producendo un cambiamento quasi istantaneo), stare sul fianco destro mezz'ora prima di alzarsi da letto.
N.B.: 1 grammo di magnesio ossido apporta 602 mg di magnesio.
1 grammo di magnesio aminoacidochelato apporta 200 mg di magnesio.


Approfondimento: Equilibrio magnesio/calcio nello stress




Magnesio Completo 200 gr polvere
4 fonti: Pidolato, Carbonato, Marino e Citrato
Prezzo: € 18,00

Magnesio Completo è un integratore di Magnesio Pidolato, Carbonato, Marino e Citrato che può essere utile in caso di stanchezza generalizzata, tensione emotiva e irritabilità. Favorisce inoltre le funzioni muscolari e del sistema nervoso.
È un supplemento utile per favorire le funzioni del sistema nervoso, la fisiologica funzione muscolare e il normale metabolismo energetico, riducendo la sensazione di fatica e stanchezza.
Versare un cucchiaino da caffè di polvere in un bicchiere d’acqua, meglio se tiepida. Mescolare bene e bere. Si consiglia da uno a due cucchiaini nell’arco della giornata, lontano dai pasti.

Magnesio Marino (estratto dall’acqua del mare con un processo di evaporazione): ossido, idrossido, solfato, carbonato, cloruro; Magnesio Pidolato, Carbonato e Citrato, Frutto-oligosaccaridi.
Note Senza glutine. Aroma agrumi.



Magnesio marino 1000 mg
Confezione 90 tavolette
Prezzo: € 17,00

Magnesio marino è un integratore di magnesio che può essere utile per colmare le carenze o gli aumentati fabbisogni di questo minerale.

Contiene Magnesio pidolato, citrato e marino; quest’ultimo estratto dall’acqua del mare con un processo di evaporazione. Il magnesio può risultare utile per la fisiologica trasmissione degli stimoli nervosi.

Come usarlo
Da 1 a 4 tavolette al giorno, prese durante o dopo i pasti con un po’ d’acqua o altro liquido.


Al Dipartimento di Alimentazione e Nutrizione sperimentale della facoltà di scienze farmaceutiche dell’Università di San Paolo del Brasile hanno scoperto come la carenza di magnesio associata ad un’alimentazione ricca di grassi sia in grado di favorire la resistenza insulinica.

Sembrerebbe poca cosa ad una prima lettura, se non fosse che
il magnesio è, insieme alla vitamina D, una delle sostanze più carenti nella popolazione mondiale, e che il consumo di alimenti grassi (ma soprattutto strapieni di zuccheri), rappresenta una delle abitudini più malsane e, purtroppo sempre più diffuse.

Nel corso dello studio è stato osservato come la carenza di magnesio sia in grado di aggravare la resistenza insulinica che sappiamo essere un presupposto fondamentale non solo nell’insorgenza del diabete, ma altresì nel sovrappeso, in alcune malattie tumorali e piu’ in generale nello scatenamento dei processi infiammatori.

Si tratta solo dell’ultima evidenza. In realtà il magnesio è un minerale fondamentale per permettere la sopravvivenza di un essere vivente, perché è coinvolte in circa 300 reazioni enzimatiche, proteggere il cuore e l’intero apparato cardiovascolare, ha un’azione ansiolitica e antidepressiva, e che gioca un ruolo di primo piano nelle malattie mitocondriali (come per esempio alcune malattie nervose e muscolari).

Ricordiamo che il magnesio si trova in elevate quantità nei vegetali, nei semi oleosi, nel cioccolato e nei cereali integrali, e che condizioni di stress continuo ne favoriscono l’eliminazione, costrigendo l’organismo ad un continuo rifornimento per non ammalarsi.
Un motivo in piu’ per tornare ad un’alimentazione integrale e abbandonare le cattive abitudini alimentari, magari ricordando che, essendo le mandorle una buona fonte di questo prezioso minerale, potremmo a colazione integrare dei semi oleosi tutti i giorni per ottimizzare la nostra nutrizione.

Fonte: www.scienzanatura.it


Con la vitamina C e il lievito di birra è l’integratore più venduto.il magnesio è un minerale essenziale che rappresenta circa lo 0,05% del peso corporeo umano. Più o meno il 70% si trova nelle ossa unitamente al calcio e al fosforo, mentre il restante 30% è localizzato nei tessuti molli e nei fluidi organici.


Nonostante il magnesio rivesta un compito così importante nella nostra vita, la sua carenza è molto diffusa a causa dell’assunzione di cibi demineralizzati e di una cattiva educazione igienico-alimentare.

Inoltre, i ritmi frenetici che sosteniamo e lo stress che inevitabilmente è entrato a far parte della nostra vita e che brucia le nostre riserve di magnesio ci portano a sviluppare dei segnali specifici, che denunciano la carenza di magnesio quali:

  • crampi,
  • agitazione,
  • ansia,
  • insonnia,
  • stati depressivi,
  • stitichezza,
  • sindrome pre-mestruale,
  • tic nervosi,
  • stanchezza immotivata,
  • battiti cardiaci irregolari,
  • mal di testa,
  • sbalzi di umore,
  • gastriti,
  • dolori vertebrali,
  • fragilità ossea,
  • irrigidimenti e dolori muscolari,
  • calcoli renali e tanti altri.

L’assunzione di magnesio in polvere, diluito in acqua calda, è la formula ideale, per la sua biodisponibilità adatta a tutti, dai bambini alle persone anziane.



La carenza di magnesio, proprio per la sua importanza in numerose funzioni cellulari, può svolgere un ruolo importante nella patogenesi dell'emicrania, favorendo la riduzione della trasmissione corticale, l'alterazione del rilascio dei neurotrasmettitori e l'iperaggregazione piastrinica.
Grazie a questo ruolo multifattoriale, l'utilizzo del magnesio, sia in fase acuta che come trattamento dell'emicrania, è da tempo considerata un'opzione potenzialmente semplice, economica, sicura e ben tollerata.

Numerosi studi hanno mostrato l'efficacia di questo minerale in eclampsia e preeclampsia, aritmia, asma e depressione. Altre aree che hanno mostrato risultati promettenti includono rischio della sindrome metabolica, miglioramento del metabolismo del glucosio e dell'insulina.

In un recente studio in doppio cieco randomizzato placebo controllo, è stato valutato l'effetto profilattico della somministrazione orale di 600 mg/die di magnesio in 3 mesi di trattamento in 30 pazienti con emicrania senza aura (20-55enni con 2-5 attacchi al mese), comparandolo con quello di 10 pazienti con la medesima sindrome, a cui fu somministrato un trattamento placebo.

La frequenza degli attacchi, la gravità e l'esame dell'ampiezza dei potenziali evocati (P1) diminuirono dopo il trattamento con magnesio rispetto ai valori precedenti al trattamento.

Comparando gli effetti ottenuti nel gruppo trattato con magnesio con quelli del placebo, i rapporti post/pre-trattamento di attacchi, frequenza, gravità e ampiezza del P1 furono trovati molto più bassi nel gruppo che aveva assunto magnesio, rispetto a quello placebo.

Il flusso sanguigno corticale nelle regioni infero-laterale frontale, infero-laterale temporale e insulare aumentò in maniera rilevante dopo la somministrazione di magnesio, rispetto al periodo del pretrattamento, mentre tutti questi significativi cambiamenti non furono osservati nel gruppo placebo.

Gli Autori dello studio giungono alla conclusione che il magnesio possa essere un agente benefico nella profilassi dell'emicrania senza aura e che potrebbe funzionare con meccanismi sia vascolari che neurogenici.

Il magnesio viene diffusamente utilizzato poiché determina la riduzione dell'ipereccitabilità neuronale (deprimendo la sintesi di ossido nitrico e modulando la genesi dei neurotrasmettitori) che si riscontra negli attacchi di emicrania. Studi clinici consigliano una posologia compresa tra 1.5-4.5 g/die.

Grazie alla efficacia dimostrata e all'ottima tollerabilità, il magnesio viene consigliato anche per evitare o ridurre la terapia farmacologica in soggetti sensibili (bambini, anziani).

Alcuni medici canadesi hanno affermato che chi non ottiene abbastanza magnesio dalla propria dieta, dovrebbe considerare l'ipotesi di prendere integratori.

Il dr. Rhian Toyuz dell'Università di Montreal, nel "Journal of Hypertension" scrive che
"recenti studi dimostrano che diete ricche di magnesio possono favorire la riduzione della pressione sanguigna, specialmente fra gli anziani.
Il dr. Toyuz ha inoltre affermato che sarebbero utili maggiori ricerche sul
ruolo del magnesio nelle malattie cardiache.

Il magnesio
aiuta le cellule muscolari a rilassarsi, incluse quelle del cuore. Una carenza di magnesio é stata collegata a malattie cardiache, battito irregolare e palpitazioni. Alcuni studi hanno esaminato il suo ruolo nella prevenzione di queste malattie.

La dose giornaliera raccomandata di magnesio é 600 milligrammi.
Ma sembra che dal 50 al 90% dei cittadini del Nord America non ne consumino a sufficienza.

"Uno dei motivi di questa carenza é dovuto alle conseguenze di una dieta ricca di amidi che consumano molto magnesio, come confermato da alcuni nutrizionisti. Inoltre, quando siamo sottoposti a situazioni di forte stress il nostro bisogno di magnesio aumenta considerevolmente.

Le fonti alimentari di magnesio comprendono broccoli, spinaci, farina d'avena, noci e dal mare: tonno (anche in scatola), gamberetti e passere.

Molti medici stanno prescrivendo integrazioni con magnesio per un ampio numero di problemi di salute: dai crampi muscolari all'ipertensione.


La dr.ssa Linda Rapson aggiunge magnesio alla dieta dei suoi pazienti con dolori diffusi. "Praticamente tutti hanno un miglioramento quando gli somministriamo magnesio" ha detto la dr. Rapson che conduce una clinica del dolore a Toronto.
"Il magnesio aiuta anche le persone con fibromialgia, crampi muscolari, emicrania e costipazione."
Uno dei pazienti ha testimoniato che i crampi alle gambe sono scomparsi dopo aver iniziato a prendere magnesio. Dopo aver sopportato notti insonni per cinque anni, questo paziente ha raccontato che i sintomi sono scomparsi dopo che gli sono stati prescritti 600 mg di magnesio al giorno. "Due settimane dopo aver iniziato l'integrazione, i crampi sono spariti. Ciò ha cambiato la mia vita."

MEGLIO utilizzare il Bicarbonato o Carbonato di Magnesio: una punta di cuchiaino da caffe' a digiuno al mattino e nel tardo pomeriggio (meglio a stomaco vuoto).
Magnesio - (ossido aminoacidochelato) - i
n Medicina Naturale consigliamo di usare il Magnesio Supremo e/o il Cloruro di Magnesio
Sinonimi: Mg, Magnesium o Magnesio (come ossido e aminoacidochelato)
Nomi stranieri: ingl. - Magnesium oxide (Magnesia, Magnesia usta) + Magnesium Amino Acid Chelate

FONTI NATURALI, CARATTERISTICHE e COMPOSIZIONE:
Il magnesio (Mg) è ampiamente diffuso negli alimenti, in particolare nei vegetali (ortaggi a foglia verde, germe di grano, soja, semi di girasole), nella frutta secca (mandorle, noci), nei pesci di mare (aringa, merluzzo, ipoglosso ecc.) e d'acqua dolce (carpa).
Un'alimentazione bilanciata apporta normalmente una quota sufficiente di tale elemento. Vi sono tuttavia situazioni o periodi della vita in cui vengono perdute o consumate notevoli quantità di magnesio: situazioni di stress prolungato tipiche della frenetica vita moderna, eccessiva sudorazione (soprattutto se legata a intensa attività fisica), gravi ustioni o lesioni, diarree e vomiti prolungati, malattie debilitanti.
Il magnesio viene impiegato spesso sotto forma di ossido (magnesio ossido) e aminoacidochelato.

Il Magnesio ossido contiene un elevatissimo contenuto di magnesio e si trova in natura come minerale Periclasi.
Il Magnesio aminoacidochelato, essendo legato appunto ad aminoacidi, viene assorbito molto facilmente a livello intestinale (vedi Istruzioni per l'uso).



PROPRIETA':
1) TRASMETTE gli IMPULSI NERVOSI e STIMOLA la FUNZIONE NERVOSA: il magnesio è un minerale essenziale per le cellule viventi. Coopera nel trasporto di sodio e potassio attraverso la membrana cellulare e influenza i livelli di calcio all'interno delle cellule. Il magnesio intracellulare attiva l'esochinasi, enzima che converte il glucosio in glucosio-6-fosfato, primo gradino della glicolisi (processo attraverso il quale gli zuccheri vengono "bruciati" per produrre energia) necessaria per fornire energia a tutte le cellule, in particolare quelle nervose e muscolari che ne consumano una grande quantità.
Lo stress tende ad esaurire le riserve di magnesio dell'organismo. Una carenza di magnesio produce nervosismo, ansietà, tic nervosi e insonnia di tipo II, caratterizzata da addormentamento regolare ma da frequenti risvegli notturni, per cui il soggetto si sveglia stanco anche dopo diverse ore di sonno.
(L'insonnia di tipo, caratterizzata da difficoltà all'addormentarsi è invece legata ad una carenza di calcio).

2) STIMOLA le FUNZIONI MUSCOLARI e NORMALIZZA il RITMO CARDIACO: una carenza di magnesio produce tensione muscolare e crampi muscolari diurni, dopo l'esercizio fisico, in particolare alle mani e ai piedi (i crampi notturni ai polpacci, durante il riposo, sono invece dovuti a carenza di calcio). L'ipomagnesemia può produrre ipertensione arteriosa e sembrerebbe inoltre favorire l'insorgenza di aterosclerosi, soprattutto in caso di dieta ricca di colesterolo. Anche il singhiozzo frequente è associato a carenza di magnesio.

3) PROMUOVE le NORMALI FUNZIONI METABOLICHE: Il magnesio interviene in oltre 300 diversi processi metabolici (in particolare sul metabolismo delle proteine e degli acidi nucleici) ed è indispensabile per promuovere la funzionalità di numerosi sistemi enzimatici. Anche nelle donne che soffrono di sindrome dolorosa premestruale è stata riscontrata una carenza di magnesio, unitamente ad un eccesso di calcio. Altro sintomo carenziale di magnesio è rappresentato da una traspirazione eccessiva e da cattivo odore corporeo generalizzato (il cattivo odore dei piedi è invece caratteristico di una carenza di zinco).

4) COOPERA alla CRESCITA delle OSSA e RINFORZA lo SMALTO dei DENTI: insieme al calcio e al fosforo partecipa alla costituzione dello scheletro, infatti circa il 70% del magnesio dell'organismo si trova nelle ossa.

INDICAZIONI per una INTEGRAZIONE di MAGNESIO:
Persone soggette a stress prolungati o malattie croniche debilitanti, tipicamente con nervosismo e ansietà; Lavoratori o atleti sottoposti a pesanti attività fisiche, soprattutto se prolungate, comportanti fra l'altro eccessiva sudorazione; Persone anziane.

ISTRUZIONI per L'USO:
225-450 mg di magnesio (corrispondenti generalmente a 1-2 compresse) al giorno, durante i pasti con un bicchiere colmo di acqua leggermente calda.
NdR: una punta di coltello di magnesio -ossido- in un bicchiere d'acqua calda al mattino (meglio se si riesce ad usare un'acqua con un
basso contenuto di residuo fisso, sotto i 50 mg/litro - in questa forma, il magnesio viene assimilato velocemente dall'organismo, producendo un cambiamento quasi istantaneo), stare sul fianco destro mezz'ora prima di alzarsi da letto.
N.B.: 1 grammo di magnesio ossido apporta 602 mg di magnesio.
1 grammo di magnesio aminoacidochelato apporta 200 mg di magnesio.

STUDI TOSSICOLOGICI:
Le ricerche tossicologiche confermano che il Magnesio
non presenta tossicità e possiede una notevole sicurezza d'uso. In caso di sovradosaggio possono verificarsi nausea e vomito, ipotensione (abbassamento della pressione sanguigna), debolezza muscolare, difficoltà respiratorie, ritmo cardiaco irregolare.

AVVERTENZE:
Non superare le dosi consigliate. Nella terza età e durante l'allattamento mantenersi al di sotto dei dosaggi massimi. Controindicato in gravidanza. Evitare l'uso nei soggetti con insufficienza renale o con dolori addominali, nonché in presenza di nausea.

In seguito alla mancanza di Magnesio, anche la muscolatura del cuore sviluppa uno spasmo o un crampo e puo' smettere di battere.
Questo accade perché il magnesio per rilassare il cuore e per renderlo pronto per la contrazione seguente è insufficiente. Il magnesio è così determinante che è necessario per ogni importante processo biochimico quale per esempio la digestione, la sintesi proteica, la produzione di energia cellulare e il metabolismo del glucosio.
Come già sappiamo, il magnesio è la chiave per il giusto utilizzo del calcio e del potassio e di molti altri nutrienti.

SALI DI MAGNESIO
I Sali di magnesio con una solubilità alta, come ad esempio il cloruro di magnesio, sembrano essere assorbiti meglio rispetto ai sali scarsamente solubili, come l'ossido di magnesio.
Composti formati dal minerale e da sali organici sono nettamente preferibili quando sia necessario far penetrare il magnesio all'interno delle cellule: orotati, pidolati, aminochelati, aspartati e citrati sono sali che fungono da ottimi trasportatori del magnesio ed il prodotto così composto si caratterizza per un'elevata biodisponibilità (ovvero un'alta possibilità di assorbimento da parte dell'organismo).

Al momento negli integratori alimentari non si possono più utilizzare gli aspartati.

Il
Magnesio ossido ha soprattutto un'azione lassativa e viene utilizzato per pulire la pancia in caso di candidosi o più in generale di una qualunque disbiosi intestinale. Viene utilizzato anche contro l'acidità di stomaco.
Il
solfato di magnesio (detto anche "sale amaro" o "sale inglese") ha proprietà lassative.
Il
Magnesio carbonato è una buona fonte di Magnesio ed è il migliore antiacido, alcalnizzante ed ha un'azione lassativa; se assunto in dose eccessive può dare problemi gastrici e di gas intestinali.
Il
Cloruro di Magnesio è una buona fonte di Magnesio, per contrastare lo stress ossidativo e per l'aumento dei globuli bianchi ed un generale aumento del tono immunitario. Indicato nell'ipotensione, soprattutto quella tipica della stagione calda.
Il
magnesio citrato presenta una buona biodisponibilità.
Il
Magnesio aminoacidochelato, essendo legato ad aminoacidi, viene assorbito molto facilmente a livello intestinale.
Il
Magnesio orotato, come contro anione, sembra essere la forma di magnesio maggiormente biodisponibile, ma questo non è ancora stato confermato da studi.
Il
Magnesio pidolato (o oxiprolinato) è uno dei sali più assorbili e viene utilizzato come integratore alimentare per aumentare l'assunzione di questo elemento in caso di carenze o squilibrato apporto e in tutte quelle situazioni in cui sia necessario riequilibrare e rafforzare le funzioni in cui il magnesio ricopre un ruolo essenziale.

Studi:
- Coudray C. et al. "Study of magnesium bioavailability from ten organic and inorganic Mg salts in Mg-depleted rats using a stable isotope approach". Magnes. Res. 18(4):215-23. 2005.
Studio su Magnesio ossido, carbonato, solfato, acetato, pidolato, citrato, gluconato, lattato, aspartato, cloruro. Il sale maggiormente assimilato nei ratti è stato il gluconato.

- Classen HG. "Magnesium orotate--experimental and clinical evidence".
Il Magnesio orotato è un sale poco solubile in acqua, non si attacca agli acidi dello stomaco e diversamente dagli altri Sali di magnesio non ha azione lassativa. Si è visto che aumenta l'energia del miocardio dopo condizioni di ipossia; indicato dopo attacco coronarico e dopo intervento di bypass aortocoronarico.


APPROFONDIMENTI (clicca QUI)


AxiMagnesio®
C’è un altro modo di assumere Aximagnesio: nella nuova forma solubile in bustine.

20 bustine monodose da 300 mg
Prezzo: € 18,00

Integratore alimentare composto da un mix di 8 diversi sali di magnesio ad elevata biodisponibilità e vitamina B6 utile in caso di affaticamento, stanchezza e per il metabolismo energetico.
Disponibile nella nuova forma solubile in bustina, dal sapore gradevole di limone (aroma naturale)
dolcificato con Stevia rebaudiana, il nuovo edulcorante di origine naturale, senza calorie e senza zuccheri.
Senza lattosio né glutine Aximagnesio è
adatto anche ai celiaci (inserito nel Prontuario A.I.C).


AxiMagnesio

  • è altamente digeribile e facilmente tollerato anche dalle persone “più sensibili”
  • è efficace già dopo breve periodo di assunzione
  • può essere assunto anche da anziani e da donne in gravidanza
  • adatto ai vegetariani, celiaci e intolleranti al lattosio


È utile per

  • L’integrazione di magnesio può risultare utile nell’attività sportiva, per la donna e per le ossa per:
  • Ridurre la comparsa di crampi, da attività fisica o da tensione nervosa, anche in gravidanza
  • Aumentare la resistenza a fattori stressanti, fisici, mentali
  • facilitare il rilassamento
  • migliorare il normale processo di rimineralizzazione dell’osso
  • ridurre l’ipereccitabilità nervosa
  • attività fisica intensa, sudorazione profusa


Componenti maltodestrine da mais, magnesio malato, magnesio gluconato, acidificante: acido citrico; magnesio pidolato, edulcoranti: eritritolo, glucosidi steviolici da stevia rebaudiana; aroma naturale limone, magnesio piruvato, magnesio cloruro, magnesio bisglicinato, antiagglomerante: biossido di silicio; magnesio citrato, magnesio succinato, piridossina cloridrato (vitamina B6).

Modo d'uso 1 bustina al giorno. Versare il contenuto in un bicchiere d’acqua, o nella borraccia. Ogni bustina fornisce 300 mg di magnesio. Trattamento ripetibile a cicli.

QUANDO PUÒ SERVIRE
Molti disturbi e malattie di oggi sono legati ai ritmi frenetici che conduciamo, allo stress indotto da traffico, sovraffollamento, impegni lavorativi, familiari, preoccupazioni per il futuro incerto… Sarebbero indubbiamente utili tecniche di rilassamento associate a regolare attività fisica, ma ben pochi riescono veramente a prendere e mantenere questi impegni verso se stessi. In questi casi tra gli elementi nutritivi più utili, il magnesio occupa probabilmente il primo posto. Le sue funzioni sono talmente tante e la sua implicazione è talmente ampia da poterlo considerare un minerale adatto a combattere il logorio della vita moderna. La sua presenza è necessaria per il corretto funzionamento di circa 300 enzimi, per i quali risulta veramente indispensabile. È fondamentale per la corretta contrazione muscolare, agendo in sinergia/antagonismo col calcio, così come per la formazione delle ossa. Numerosi studi scientifici dimostrano come sia utile anche nei meccanismi di controllo della pressione, della circolazione sanguigna in generale, mantenendo il corretto tono dei vasi; risulta utile anche nel mantenere sotto controllo l’ipereccitabilità delle fibre nervose, che viene accentuata da una carenza di magnesio, e nella cosidetta sindrome premestruale.




RegoBasic® 250 gr di polvere in barattolo

La soluzione basica per mantenere l’equilibrio del ph nelle diete iperproteiche

Prezzo: € 18,00


Integratore alimentare a base di minerali quali calcio, magnesio, potassio, sodio, manganese e zinco. Contiene: Sodio citrato, Maltodestrine, Calcio citrato, Magnesio citrato, Potassio citrato, Manganese citrato, Zinco citrato, aroma naturale di limone.

Il calcio, il magnesio ed il potassio favoriscono le funzioni muscolari; lo zinco il mantenimento dell'equilibrio acido-base dell'organismo.

RegoBasic regola e mantiene in equilibrio il pH dell'organismo attraverso un effetto di neutralizzazione dell'acidità organica. Ripristinando i valori ottimali di pH (verso la neutralità) viene favorito il benessere dell'intero organismo.

Modo d'uso: 1 misurino (pari a 4 gr) in un bicchiere di acqua tiepida, 2 volte al giorno preferibilmente a stomaco vuoto.

Quando è utile integrare l'alimentazione con RegoBasic:

Diete iperproteiche, chetogeniche (tisanoreica, Dukan ecc): queste diete permettono un rapido dimagrimento ma producono un’elevata quantità di scorie acide.

Regobasic tampona l’eccesso di acidi e riequilibra fisiologicamente il pH tissutale.




Alimentazione squilibrata: consumo eccessivo di carne e alimenti di origine animale e scarso apporto di verdura e frutta.

Attività sportiva: combatte la produzione di acido lattico conseguente all’allenamento e facilita il recupero muscolare.

Risveglio con sensazione di stanchezza e affaticamento, testa pesante:
i sistemi non riescono ad eliminare efficentemente nella fase di riposo notturno le scorie acide prodotte nella giornata.

Crampi o rigidità muscolare: l'eccesso di scorie acide si deposita nelle articolazioni.



Osteoporosi: i sistemi di regolazione corporea possono prelevare i minerali necessari allo svolgimento delle reazioni metaboliche dalle ossa (in particolare il calcio), impoverendole.





NIKE- M ® Cloruro di Magnesio
Scatola da 50 dosi Euro 16,50

Il magnesio rappresenta, dopo il Potassio, il secondo catione in ordine di presenza ( e di importanza ) a livello intracellulare. L'azione del magnesio è molto importante nelle funzioni metaboliche regolate dal Potassio, in cui partecipa come "mediatore", ma svolge anche un controllo diretto su circa trecento enzimi.

Nella corretta combinazione con gli altri elettrofili fisiologici è Indispensabile all'equilibrio biologico del corpo umano ed una sua carenza può essere la causa di numerosi disturbi (dai dolori muscolari ai disturbi respiratori fino presumibilmente alla stanchezza cronica ). Sembra anche implicato, insieme al potassio, nel rallentare i processi di invecchiamento cellulare.

Il cloruro di magnesio in forma cristallizzata è iscritto nella Farmacopea Ufficiale ed è un sale Incolore altamente solubile in acqua e molto sensibile all' umidità . Viene estratto principalmente dall'acqua di mare, a cui dà il caratteristico sapore amaro.


Posologia
Una dose giornaliera in bustine da 1 gr. somministrata a metà mattina oppure dopo cena può essere sufficiente ad integrare il quantitativo di magnesio assunto con l'alimentazione, soprattutto in abbinamento con ascorbato di potassio (anche nella formulazione con Ribosio ). In questultimo caso sono consigliati cicli di cloruro di magnesio di 10-15 giorni al mese.

Tipologia di prodotto
Integratore notificato al Ministero della Sanità ai sensi del D. Lgs del 27/01/92 n.111.

Composizione
Cloruro di Magnesio gr 1.


I processi omeostatici dell’organismo hanno luogo solo se il pH è leggermente alcalino


Nel connettivo, le più piccole variazioni dell’omeostasi possono portare a modificazioni strutturali nella sostanza fondamentale (proteine e percentuali di acqua in stato cristallino).

Molte di queste variazioni sono da correlare al deposito di residui acidi, provenienti dal catabolismo cellulare o da reazioni di tipo infiammatorio.

In questi casi, viene modificato lo stato colloidale del distretto. Di conseguenza si altera la capacità di trasporto e di trasferimento di messaggi fisici e chimici tra il tessuto ed il resto dell’organismo, in particolare verso le strutture del SNC deputate alla regolazione dell’omeostasi (centri bulbari ed ipotalamici).

L’ambiente extra-cellulare, sensibile alle quantità di valenze acide immagazzinate durante i processi biologici, trasferisce a livello renale ed urinario queste informazioni, influenzando i valori del pH urinario.


La
Matrice Extra-cellulare, costituisce un sistema di transito nel quale avvengono gli scambi fra le cellule metabolicamente attive ed il circolo. Come nei sistemi tampone respiratorio ed ematico, anche in questa sede, lo smaltimento dei cataboliti acidi è condizionato da un’adeguata presenza di bicarbonati. La nutrizione non sempre riesce a compensare il depauperamento delle riserve alcaline (sodio, potassio, magnesio e calcio). In questi casi si determina un’acidosi rilevabile dalle variazioni del pH dei liquidi organici (urine).La misurazione del pH urinario si effettua con strisce di pH-test (range 5,0 e 7,4) e costituisce un sistema di valutazione semplice e pratico.

Per avere un quadro dinamico, le misurazioni del pH devono essere ripetute per alcuni giorni annotando l’ora e il dato. In questa maniera si ottiene una curva personale, veramente utile all’indagine diagnostica.



Un biochimico tedesco, il Dott. Otto Warburg, scoprì la “causa” del cancro e nel 1931 ricevette il premio nobel per questo. Egli dimostrò che la causa primaria del cancro era la sostituzione dell’ossigeno, nella chimica respiratoria delle cellule normali, con la fermentazione dello zucchero. La crescita delle cellule cancerose è dunque un processo di fermentazione, che può svilupparsi solo in condizioni di carenza d’ossigeno. Da tale scoperta, i ricercatori hanno tentato di arrestare il processo di fermentazione attraverso i farmaci, le radiazioni e la chirurgia.

Nel suo libro “Acid & Alcaline”, Herman Aihara afferma che:

Se la condizione dei fluidi extracellulari, specialmente nel sangue, diventa acida, la nostra condizione fisica sperimenterà in primo luogo spossatezza, predisposizione a prendere raffreddori, ecc.

Quando questi fluidi si fanno più acidi, si avvertiranno dolori e malesseri come emicrania, dolori al torace, allo stomaco, ecc. Secondo Keiichi Morishita, nel suo “Hidden truth of Cancer” (“La verità nascosta sul cancro”), se il sangue sviluppa una condizione di maggiore acidità, allora il nostro corpo depositerà queste sostanze acide in eccesso in una qualsiasi area del corpo al fine di mantenere il sangue in una condizione alcalina.
Se persiste questa tendenza, in quelle aree aumenta l’acidità e alcune cellule muoiono; in seguito, queste cellule morte si convertono, a loro volta, in rifiuti acidi. Altre cellule, tuttavia, non muoiono e sono in grado di adattarsi a questo tipo di ambiente. In altre parole, invece di morire, come succede normalmente in un ambiente acido, queste cellule sopravvivono, convertendosi in cellule anormali, conosciute come cellule maligne.

Esse non sono connesse con il cervello, né con la memoria del codice genetico del nostro DNA. Pertanto le cellule maligne crescono in maniera indefinita e senza ordine. Questo è il cancro.

La causa di qualsiasi cancro è una
mancanza di ossigeno provocata dall’acidificazione. Integrare la dieta aiuta a prevenire il cancro, e si pensa che possa essere d’aiuto nei primi stadi del cancro, sebbene probabilmente ci sia un punto di non ritorno. Tuttavia, poiché le cellule sane sono alcaline e quelle maligne acide, il consumo di alcalinizzanti non apporta alcun danno alle prime, mentre può distruggere le seconde. Vale la pensa provarci.


Alcuni minerali sono indispensabili per mantenerci in buona salute. Calcio, magnesio, boro e fosforo svolgono un ruolo importante nella calcificazione delle ossa e dei denti.

Il
magnesio scioglie e rimuove un accumulo eccessivo di calcio nelle cartilagini e nei tessuti molli. Sodio, magnesio, potassio e cloruro sono elettroliti necessari per mantenere il corretto equilibrio acido/basico.

Ogni fluido e tessuto del nostro corpo ha un suo
pH ottimale, e questi minerali aiutano a mantenerlo oppure a ristabilirne l’equilibrio. Calcio, magnesio, potassio e sodio sono necessari per mantenere la funzionalità di nervi e muscoli.


Ormoni ed enzimi contengono minerali: così come la fosfotranferasi necessita di magnesio, la xantina ossidasi non può formarsi se non in presenza di molibdeno. Il ferro è utile all’emoglobina come trasportatore di ossigeno e la vitamina B12 contiene cobalto, chiamata per questo anche cobalamina. Lo zinco aiuta a rimarginare le ferite ed è il minerale degli uomini, necessario per la salute della prostata.

Quando siamo carenti anche di uno solo di questi minerali, possiamo andare incontro a seri problemi di salute.

Per la maggior parte dei minerali, il reale fabbisogno dell’organismo è individuale. La quantità assunta con gli alimenti varia in funzione dei minerali presenti nei terreni agricoli. Alcuni minerali, cosiddetti elementi in traccia o oligoelementi, sono necessari soltanto in dosi minime.

Alkavital è una polvere di sali minerali naturali. La sua composizione si rifà all’acqua di mare del periodo precambriano con una salinità di circa il 10 per mille. La salinità, in questo caso, non si riferisce solamente al sodio ma anche agli altri minerali presenti nella miscela, cosa importante per far si che la giusta pressione osmotica si avvicini a quella dei fluidi del corpo umano.

Alkavital contiene minerali quali potassio, magnesio e sodio, gli elettroliti appunto, che sono importanti per il buon funzionamento dell’organismo a livello biochimico e bioenergetico.

Va da sè che oltre all’assunzione dell’Alkavital, è necessario mangiare sano e condurre una vita sana.

Verdura (non avvelenata), proteine di buona qualità, un pasto leggero prima di coricarsi e naturalmente esercizio fisico, Il caffè, lo zucchero bianco e il sale da tavola vengono considerati veleni per la circolazione se consumati in eccesso.






Alkavital sali minerali di Claudi 250 gr
Prezzo: € 18,00



Alkavital va preso dopo i pasti. Secondo
Claudi, il naturopata danese che ha ideato la formula, la dose giornaliera è da due a quattro volte al giorno. Infatti più frequentemente si prende, migliore e più veloce sarà l’effetto.

Si prende un cucchiaino raso sciolto in un bicchiere d’acqua cominciando per la prima settimana con una volta al giorno; la settimana seguente si passa a due volte al giorno, poi a tre e a quattro, fino a quando si avverte benessere, per poi tornare a due volte al giorno per il mantenimento.

Non c’è da sorprendersi se, appena si inizia a prendere l'Alkavital le feci possono avere un cattivo odore; ciò è dovuto all’eliminazione delle scorie dell’intestmo e cesserà dopo poco tempo.

Ingredienti: solfato di magnesio, bicarbonato di sodio, acido malico, cloruro di sodio, tartrato di sodio-potassio, solfato di zinco, lattato di ferro, solfato di manganese, e molibdato di sodio.




Magnesio Potassio
INTEGRATORE ALIMENTARE DI MAGNESIO E POTASSIO
Prezzo: € 6,00


per ridurre stanchezza ed affaticamento
con vitamina C
alto dosaggio di magnesio citrato e potassio citrato
per ridurre stanchezza ed affaticamento
alta solubilità

Prodotto secondo certificazione ISO 9001-2008

Per ogni busta:

500 mg di Magnesio citrato
266 mg di Magnesio ossido
500 mg di Potassio citrato
308 mg di Potassio bicarbonato

100g (in 10 buste)
10 porzioni

Disponibile nei gusti: Agrumi (W053)


EQUIBASIC 200 GR
Vitalis Dr. Joseph
EQUILIBRIO ACIDO-BASICO

Prezzo: € 19,50


Ideale per trattamenti d'urto per il ripristino del corretto equilibrio acido-basico

Favorisce
il naturale equilibrio acido-base svolgendo un'efficace azione alcalinizzante

Favorisce
il benessere e la salute perché: contrasta gli acidi presenti nell’organismo, contiene sostanze antiossidanti utili per ridurre gli effetti negativi provocati dai radicali liberi, ha ottima tollerabilità anche per i soggetti più sensibili perché è senza aggiunta di lattosio, saccarosio, malto destrine, conservanti, glutine…. Possiede un'ottima tollerabilità anche per i soggetti più sensibili perché è senza aggiunta di lattosio, saccarosio, maltodestrine e conservanti. Adatto a persone di ogni età ma in particolare a persone molto attive e sportivi, ad anziani o persone sottoposte a diete ipocaloriche o soggette ad inestetismi cutanei come cellulite, smagliature e invecchiamento precoce.

Aiuta a costruire i presupposti per un benessere psico-fisico completo.


Equibasic è un prodotto adatto a persone di ogni età, ma è particolarmente indicato per:
i giovani, gli anziani, le persone iperattive, gli sportivi
le persone sottoposte a diete ipocaloriche
le donne in gravidanza
le persone soggette a inestetismi cutanei come cellulite, smagliature, invecchiamento precoce, …
Svolge un'importante azione antiossidante contribuendo a
contrastare i radicali liberi

Ingredienti:
Sodio bicarbonato, Calcio carbonato, Magnesio carbonato, Tartrato di sodio e potassio, Biossido di silicio, Potassio citrato, Rosa canina (Rosa canina L) frutti estratto secco titolato al 70% in vitamina C, Sodio fosfato, Aroma arancio, Cranberry (Vaccinium macrocarpon) frutti estratto secco titolato al 0,8% -1,5% in proantocianidine.

Senza aggiunte di:
Lattosio, saccarosio, maltodestrine, coloranti, conservanti, glutine.

Consigli per l'uso: completare il normale regime alimentare con l'assunzione di 1 - 2 cucchiaini da caffè rasi, sciolti in un bicchiere d'acqua al mattino a digiuno e 1 - 2 cucchiaini al pomeriggio lontano dai pasti.

Approfondimento




Alkaflor 200 gr
Prezzo: € 15,00



Posologia e Modalità d'uso
4 cucchiaini al giorno.


Grazie all'associazione di minerali e anioni, Alka flor svolge
un'azione alcalinizzante sul tratto digerente. Favorisce il mantenimento delle condizioni di pH fisiologico della struttura dello stomaco svolgendo un'azione favorevole in caso di gastrite, dispepsia e aerofagia. Può inoltre risultare utile nelle acidosi e chetosi dei bambini, in caso di diarrea, ipotensione, crampi e attività sportive.

Componenti
Fruttosio; sorbitolo; sodio citrato; FOS (frutto oligosaccaridi); sodio bicarbonato; acido citrico stabilizzato; acido tartarico; potassio citrato; acido malico; magnesio citrato; betacarotene; aroma arancio.


Alkaflor Capsule
Flacone da 60 capsule vegetali da 800 mg
(senza betacarotene)
Prezzo: € 15,00


Integratore alimentare a base di sali minerali e fibre, utile per svolgere una naturale azione antiacida e alcalinizzante del tratto digerente.
L’associazione di minerali e anioni presente in Alka flor capsule è in grado di modificare uno stato di acidosi riportando il pH intestinale a livello fisiologico. Grazie alla totale assenza di dolcificanti è indicato anche per coloro che hanno problemi di glicemia.

Modalità d'uso
Per favorire la digestione: 2 capsule due volte al giorno dopo i pasti principali.
Come alcalinizzante: 2 capsule alla sera prima di coricarsi.

Avvertenze
Per donne in gravidanza o in allattamento e bambini si raccomanda di sentire il parere del medico.
Non superare la dose giornaliera raccomandata.
Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età.
Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata.


RBC Life Sciences è un'azienda che opera a livello globale nel campo della salute e del dolore. La sua linea di integratori alimentari è tra le più annoverate, come la qualità dei materiali utilizzati per la cura delle ferite e prodotti per la gestione del dolore, utilizzando le più recenti scoperte scientifiche e tecnologiche. La società ha inoltre una linea di prodotti medici gestita dalla MPM Medical, Inc. MPM offre in specifico soluzioni per la cura delle ferite e prodotti per la gestione del dolore che stanno ricevendo l'acclamazione della critica di tutto il mondo. In Italia è la Royal Coral Club srl l'Importatore ufficiale della linea di integratori per la salute e lo sport, della RBC Life Sciences, e tutti i prodotti venduti sono stati certificati dal ministero della salute italiano.





HYDRACEL® (6CL)
Prezzo: € 25,00


La qualità dell'acqua ha un profondo effetto sulla salute e sul benessere. È di vitale importanza bere acqua della più alta qualità . È il trasporto di tutti i nutrienti ed è il veicolo per l'eliminazione delle tossine.

HydraCel aumenta la qualità dell'acqua e fornisce alla salute i seguenti benefici :

  • Riduce la tensione superficiale dell'acqua
  • Aumenta l'idratazione



Potenzia l'Assorbimento
Questo prodotto unico è il risultato di decenni di ricerca sulla dinamica dei fluidi ed un lungo studio per scoprire i segreti su come vivere più a lungo in salute.
HydraCel è la soluzione liquida. Riduce la tensione superficiale dell' acqua potabile, rendendola più efficiente. Rende realmente l'acqua più bagnata. La capacità dell'acqua di idratare gli alimenti determina la capacità ad aiutare l'assimilazione delle sostanze nutrienti.

I NanoClusters riducono la tensione superficiale della vostra acqua potabile. L'acqua del rubinetto ha tipicamente una tensione superficiale di 73 dine. L'acqua che circonda le nostre cellule è di circa 45 dine; quindi, il corpo deve lavorare per abbassare la tensione superficiale della nostra acqua potabile al fine che le sostanze nutrienti possano passare attraverso le pareti cellulari. HydraCel accellera questo processo abbassando la tensione superficiale dell' acqua potabile a circa 59 dine, generando una soluzione e un agente umettante più efficiente. In un organismo vivente è la natura solvente dei liquidi che gli permette di assolvere le sue funzioni.

Aumenta la vostra Idratazione Cellulare
Gli esperti stimano che il 75% degli Americani siano cronicamente disidratati. Anche una leggera disidratazione può rallentare il metabolismo, causare affaticamento, ridurre la memoria di breve termine e contribuire a molte sfide alla salute.
Bere più acqua è importante, ma bere l'acqua giusta è ancor più importante. Aggiungendo HydraCel alla vostra acqua, gli infinitamente piccoli colloidi di NanoCluster ristruttureranno l'acqua, permettendogli di idratare le cellule ed effettuare le sue numerose funzioni vitali con più effecacia.

Rimanere idratati è una delle misure più importanti che potete prendere per migliorare la vostra salute.




H-500 (60 caps)

L' antiossidante nato dall'evoluzione di Microhydrin
A base di boro
1,8 mg per capsula
Utilissimo per chi pratica sport, anche a livello amatoriale


Prezzo: € 32,00


H-500 si aggiunge alla nostra linea di prodotti dalle proprietà antiossidanti.
Fornisce una ancor più esclusiva protezione dai radicali liberi, aiutando a ripristinare le normali prestazioni del corpo.
Aumenta la resistenza, accelera il recupero muscolare, migliora il metabolismo, favorisce l’impiego dei grassi, svolge un’azione antiossidante.

Ingredienti: boro, potasiso citrato, magnesio citrato, potassio ascorbato, biossido di silicio.



H-500 è:

  • Energia vitale
  • Resistenza e recupero immediato
  • Capacità fisica e mentale
  • H-500 aumenta la resistenza durante qualsiasi attività fisica, sportiva o dove sia richiesto un forte sforzo fisico. Riduce il livello dell’acido lattico e stimola l’immediato recupero muscolare accelerandone le tempistiche.
  • utilissimo integratore per chi pratica sport, anche a livello amatoriale


Questo effetto benefico può essere raccomandato a tutte quelle persone che sono sottoposte ad una forte attività mentale e fisica, come pure ad atleti professionisti o amatoriali.

Il suo dosaggio standard - 1-2 capsule al giorno. Tuttavia, in casi urgenti che necessitano di aiuto serio, la dose può essere aumentata previa valutazione.

H-500 è infatti un semplice trasformatore del sovraccarico fisico; aumentando la flessibilità e il tono muscolare, agisce abbattendo l'affaticamento.


Questo prodotto aumenta il potenziale energetico del corpo, stimolandone la produzione dell’energia cellulare. L’energia cellulare è costituita dalla scissione di proteine e carboidrati, molto importanti per la nostra salute globale e per un adeguato apporto energetico fisico e mentale. Anche il metabolismo ne sarà beneficiato, rendendolo più resistente a svariati fattori debilitanti.

H-500
impedisce nel nostro corpo l'ossidazione delle cellule sane e ripristina un ambiente favorevole di natura alcalina. Contribuisce quindi anche al miglioramento della nutrizione e del metabolismo cellulare.

Per beneficiarne maggiormente delle sue caratteristiche si consiglia di versarne il contenuto della capsula in un bicchiere di acqua naturale.

Il boro è un elemento chimico (simbolo B), numero atomico 5, peso atomico 10,811, punto di fusione 2.076 °C. Il boro appartiene alla serie dei metalloidi.

Come anione borato influenza il metabolismo di calcio (ne migliora l'assorbimento) e di magnesio (ne riduce la perdita); intervenendo su questi due metabolismi, il boro innalza i livelli di estrogeni e di vitamina D; resta da capire come funzioni tale meccanismo.
In linea teorica il boro potrebbe essere un integratore interessante per la prevenzione dell'osteoporosi e per la correzione degli squilibri elettrolitici;

  • interviene nello sviluppo e nel mantenimento di una normale strutture delle ossa e dei denti, influenzando il metabolismo del calcio, del magnesio, del fosforo e della vitamina D ;
  • è fondamentale nel prevenire l’osteoporosi legata alla menopausa;
  • riduce il rischio di ammalarsi di artrite;
  • modula la produzione degli ormoni, in particolare aumentando la produzione degli estrogeni e del testosterone.
  • l’assunzione di boro può risultare particolarmente utile agli atleti in quanto, grazie alla capacità di questo minerale di aumentare la produzione di testosterone, è in grado di mantenere efficiente il trofismo muscolare.


Nel corpo umano il boro è presente nella milza, nelle ossa e nella tiroide.

Il boro non viene sintetizzato dall'organismo umano e deve quindi essere assunto tramite la dieta; gli alimenti più ricchi di boro sono i cavolfiori, i datteri, i fagioli, i funghi, i legumi verdi, le mandorle, le pere, le prugne e l'uva.
Una dieta equilibrata dovrebbe contenere da
1,5 a 3 mg di boro al giorno.

ASCORBATO DI POTASSIO con RIBOSIO: straordinaria scoperta!!


Nell'organismo umano, i processi metabolici di base a livello cellulare sono di tipo bio-chimico-fisico. Il corretto funzionamento cellulare è regolato da quattro cationi: SODIO, CALCIO, POTASSIO e MAGNESIO, attraverso i processi di legami reversibili che influenzano le reazioni di ossidoriduzione.


In particolare il Potassio è considerato il catione guida
(cofattore) dei processi metabolici intracellulari. L'organismo sano si contraddistingue per il corretto funzionamento della pompa Sodio-Potassio. L'acido ascorbico, che è un fortissimo antiossidante, si comporta come "veicolo trasportatore" per il Potassio, mantenendo o riportando la sua concentrazione intracellulare ai valori corretti.

L'importanza del potassio per il metabolismo cellulare e la sua carenza nelle patologie degenerative è nota in letteratura fin dagli anni '30. Durante la degenerazione, c'è una perdita di potassio intracellulare avantaggio del sodio (alterazione della pompa sodio/potassio), con conseguente sbilanciamento elettrolitico.

Questo evento, che completa una catena di processi bio-chimico-fisici complessi, ha un peso decisivo nella proliferazione incontrollata delle cellule degenerate perchè il potassio è un elemento che gioca un ruolo decisivo nella regolazione dell'attività metabolica di enzimi e proteine.

La perdita di potassio è legata ad una degradazione di particolari strutture proteiche ed enzimatiche conosciute con il nome di anelli pirrolici
e l'unico modo per reintegrare questa perdita è attraverso la somministrazione di ascorbato di potassio. L'acido ascorbico, oltre all'effetto antiossidante, si comporta da veicolo di trasferimento intracellulare per il potassio ed è in grado di sostituire le strutture pirroliche degradate.


Nell'esperienza del biochimico
Dott. Gianfranco Valsè Pantellini questi fatti producono un arresto nel processo di proliferazione incontrollata, un riequilibrio degli elettroliti con ripristino del corretto metabolismo cellulare ed un ripristino del corretto funzionamento cellulare.
L'ascorbato di potassio non è una metodica alternativa perchè agisce sui meccanismi cellulari fondamentali e può essere considerata come una metodica biochimica di base. L'interesse per l'agente antiossidante ascorbato di potassio è legato appunto agli straordinari effetti contro le patologie degenerative, ed i tumori in particolare, perchè agisce per ripristinare il corretto equilibrio di potassio intracellulare, alterato dalla patologia intra cellulare.


ll
ribosio svolge un ruolo importantissimo nel metabolismo cellulare ed è lo zucchero che è implicato più direttamente nella sintesi dei nucleotidi. E' il precursore fondamentale nella biosintesi del RNA e dell'adenosina (elemento essenziale nella produzione di ATP e nell'ATP-asi sodio-potassio, la cosiddetta pompa Na/K) e, nella forma deossiribosio, nella sintesi del DNA. Il nostro corpo è in grado di produrre o, come si dice più precisamente, sintetizzare il ribosio (cosa che invece non è possibile per l'acido ascorbico, che deve quindi essere assimilato con la dieta alimentare o con integratori di vario tipo) ma in determinate condizioni questo processo di sintesi può essere limitato o, peggio, danneggiato (questo forse era già stato messo in evidenza in lavori scientifici pubblicati negli Stati Uniti negli anni '50).



Si tratta di una novità anche in campo internazionale. Con l'assunzione per via orale, viene metabolizzato e non interferisce (almeno ai dosaggi che la Fondazione utilizza) con la glicolisi.
Si tratta di una novità assoluta in campo internazionale, poiché questa sostanza non è mai stata impiegata a livello terapeutico né preventivo verso patologie oncologiche e/o degenerative.

L'impiego del 2% di ribosio rispetto all'acido ascorbico, è legato alla sua potenziale attività catalitica per velocizzare il processo di assorbimento di potassio nel citoplasma cellulare, anche perché non segue il destino della vitamina C (dopo pochissime ore dall'assunzione si trasforma in acido ossalico e se ne va dall'organismo per via renale), ma si "consuma" in modo diverso.


La pompa Sodio/Potassio
Grazie ad un meccanismo fisiologico detto "Pompa Na/K" (o pompa cationica), nel momento in cui intraprendiamo un'attività, l'intervento di un enzima attiva un processo osmotico, grazie al quale fuoriescono ioni (in realtà si tratta di cationi) K attraversando la membrana cellulare, mentre ioni Na vi entrano. Una volta terminata l'azione, K ritorna all'interno della cellula e Na fuoriesce.

Il Potassio determina quindi lo status, la nostra struttura, la costituzione biologica, mentre dal Sodio dipende l'attività fisica, il manifestarsi, il nostro divenire. Il Potassio ha proprietà espansive: disperde, raffredda, rilassa.

Il Sodio ha invece, proprietà contrattive: concentra, tonifica, riscalda.

Nutrendosi di alimenti ricchi in Potassio, si diventa più freddi, s'avrà un carattere più mansueto, saremo più rilassati, più lenti nel pensiero come nell'azione e nella reazione agli stimoli, risentiremo maggiormente della fatica e si allungheranno i nostri tempi di recupero: avremo bisogno di dormire di più e di un intervallo più lungo tra il risveglio e la piena efficienza.
Se, al contrario, scegliamo alimenti più ricchi in Sodio, saremo più caldi, attivi, dotati di maggiore forza, avremo una personalità più rude, movimenti più rapidi e capacità di recupero migliori, quindi, meno bisogno di sonno.
L'eccesso di Potassio porta all'inerzia, sia fisica che mentale; quello del Sodio, all'irrigidimento, alla mancanza di flessibilità e di capacità d'adattarsi.
I prodotti provenienti dal mondo animale sono più ricchi in Na, mentre il mondo vegetale è dominato da K.

La velocità e la scioltezza dell'azione, ma anche la resistenza e l'adattabilità, dipendono dalla funzione Sodio/Potassio.

"Sodio e Potassio sono necessari per rendere le terminazioni nervose sensibili agli stimoli e permettere agli impulsi nervosi di propagarsi ai muscoli per farli contrarre. Tutti i tipi di muscoli, compreso quello cardiaco, sono influenzati dal Sodio e dal Potassio." "Il Sodio e il Potassio lavorano pure di concerto con le proteine, i fosfati e i carbonati, per mantenere un equilibrio appropriato fra gli acidi e gli alcali nel sangue" (The Yearbook of Agricolture 1959).

Questa ed altre ragioni, legate al metabolismo e alla sintesi di elementi vitali, fanno dunque del Sodio e del Potassio, due elementi fondamentali per la vita, delle nostre cellule e nostra.


L'Ascorbato di potassio è un sale ottenuto dall'acido ascorbico, facilmente solubile in acqua, che si ottiene mettendo insieme acido L-ascorbico (Vitamina C) e bicarbonato di potassio in forma cristallizzata purissima.
I due componenti, già dosati, devono essere mantenuti separati e protetti dall'umidità e dalla luce, essendo igroscopici e fotosensibili (particolarmente l'acido ascorbico). L'Ascorbato di Potassio si ottiene sciogliendo i due componenti in 20 cc diacqua in un bicchiere di vetro. Per evitare possibili fenomeni di tipo ossidativo, si consiglia di
NON UTILIZZARE CUCCHIAINI METALLICI permiscelare la soluzione.In linea di principio, l'assunzione in senso preventivo deve essere fatta tutti i giorni la mattina a digiuno (15 minuti prima di una colazione leggera o 45 minuti prima di una colazione abbondante).
Il dosaggio medio di ascorbato di potassio consigliato a livello di prevenzione dipende dalla valutazione dei dati ematochimici, dell'anamnesi remota e dei fattoridi rischio di ciascun soggetto.










La Fondazione Internazionale Valsé Pantellini per la Ricerca e lo Studio delle Malattie Degenerative
(Valsé Pantellini International Foundation for research and Studies on Degenerative Diseases) è nata nel 1998 per onorare e continuare gli studi e le ricerche sull'ascorbato di potassio (sale derivato dall'acido ascorbico) iniziati alla fine degli anni '40 dal biochimico fiorentino Gianfrancesco Valsé Pantellini, deceduto a Vicchio del Mugello (Fi) il 19/12/99. La Fondazione Internazionale Valsé Pantellini è senza scopo di lucro (non-profit), ed i principali obiettivi definiti nello Statuto sono:

- Sviluppare lo studio dei meccanismi biochimici, biologici ed immunologici della patologia della malattia.
- Promuovere, coordinare e curare direttamente o indirettamente ricerche sperimentali e cliniche.
- Favorire rapporti di studio e ricerche coordinate a livello nazionale ed internazionale. ì
- Applicare a livello preventivo e terapeutico le indicazioni scientifiche.
- Approfondire e sviluppare le problematiche di primaria importanza salute-uomo-natura, con particolare attenzione agli aspetti medici, ecologici, sociali e culturali.
- Divulgare, direttamente o indirettamente, la pubblicazione dei risultati delle proprie ricerche nonché l'edizione di libri ed opere non editi o non rinvenibili nei circuiti librari- Operare con ogni mezzo per la tutela e la difesa della salute dell'uomo.












L'Ascorbato di Potassio
distribuito dal laboratorio chimico New Mercury di Firenze è testato dalla Fondazione per quanto riguarda il grado di purezza dei componenti, la conformità della formulazione rispetto al protocollo del Dott. Pantellini, la preparazione, e le procedure di confezionamento. Il prodotto è denominato NIKE R.C.K "Ascorbato di potassio con (o senza) D-ribosio" (integratore di acido ascorbico (vitamina C), potassio (K) e ribosio (D). Brevetto europeo N.EP-945.075

Ogni confezione contiene 100 dosi suddivise in: 100 bustine da 300 mg. di bicarbonato di potassio e 100 bustine da 150 mg. d'acido ascorbico e 3mg. di D - L - Ribosio.

NIKE RCK ® Ascorbato di Potassio con D-Ribosio


Brevetto europeo N.EP-945.075

Scatola da 100 dosi
Prezzo: € 49,50


Spedizione gratuita con pagamento anticipato





Per ulteriori approfondimenti visita la pagina:
FITOTERAPICI SPECIALI



Nike di Samotracia.. la vittoria trionfante!!
Si tratta di una scultura risalente al II secolo a.C, ritrovata a Samotracia, un'isola del Mare Egeo nel 1863 priva delle braccia e della testa (solo una mano venne ritrovata nel 1950). La statua rappresenta Nike, la giovane dea alata figlia di Zeus che porta l'annuncio delle vittorie militari, mentre si posa sulla prua di una nave di battaglia. l fascino di questa Nike è dato dalla sua leggerissima veste, il chitone, che un vento impetuoso sembra incollare, quasi dissolvendolo, al bellissimo corpo, lasciando intravedere i suoi seni prorompenti, le curve morbide del ventre, il leggero infossamento dell'ombelico.

Il potassio è un minerale essenziale che si trova principalmente nel fluido intracellulare (98%) dove costituisce la più importante forza ionica positiva. Se ne trovano piccole quantità anche nel fluido extracellulare. Il potassio costituisce il 5% del contenuto totale di minerali nell'organismo. Il sangue contiene dai 16 ai 22 mg di potassio e gli elettroliti ne contengono 420 mg. Il potassio e il sodio aiutano a regolare l'equilibrio idrico all'interno dell'organismo (il potassio passa più facilmente), ossia la distribuzione dei fluidi all'esterno e l'interno delle cellule, e conservano una giusta alcalinità dei fluidi corporei. Il potassio regola anche il passaggio delle sostanze nutritive alle cellule. Ha una funzione nell'attività chimica delle cellule e nella trasmissione degli impulsi elettrochimici.



Il potassio aiuta le reazioni enzimatiche necessarie per una crescita normale. Si unisce al fosforo per mandare ossigeno al cervello e agisce insieme al calcio nella regolazione dell'attività neuromuscolare. Il potassio è necessario per la sintesi delle proteine muscolari e delle proteine degli aminoacidi nel sangue, come pure per la sintesi degli acidi nucleici. Contribuisce a mantenere la pelle sana e a mantenere stabile la pressione sanguigna. Aiuta la trasformazione del glucosio in glicogeno, forma in cui il glucosio può essere immagazzinato nel fegato e poi usato dal corpo per il suo funzionamento. Il metabolismo dei carboidrati e delle proteine dipende dal potassio. Stimola nei reni l'eliminazione dei residui tossici. Il potassio agisce insieme al sodio per normalizzare il battito cardiaco.


Assimilazione ed immagazzinamento
Il potassio viene rapidamente assorbito dall'intestino tenue e il corpo ne utilizza quasi il 90%. Viene eliminato principalmente attraverso le urine. Dato che i reni sono in grado di mantenere i livelli sierici normali, la fluttuazione dei livelli nell'organismo è scarsa indipendentemente dalle quantità assunte con la dieta. Viene eliminato anche attraverso il sudore (meno della metà del sodio eliminato) e in piccolissime quantità con le feci. I reni sono in grado di mantenere livelli sierici normali, grazie alla loro capacità di filtrare, secernere ed eliminare il potassio. L'aldosterone, un ormone surrenale, stimola l'eliminazione del potassio.

Un eccessivo accumulo di potassio può essere causato da insufficienza renale o da grave mancanza di liquidi.
Poiché il sodio e il potassio devono equilibrarsi, un eccessivo uso di sale impoverisce l'organismo delle sue spesso scarse risorse di potassio. Inoltre il potassio può venire ridotto da forme prolungate di diarrea, da eccessiva sudorazione, da vomito o dall'uso di diuretici.

L'alcool e il caffè aumentano l'eliminazione del potassio attraverso le vie urinarie. L'alcool è un doppio antagonista poiché impoverisce anche le riserve di magnesio. Anche un eccessivo consumo di zuccheri va a detrimento delle riserve di potassio.
Se il tasso di zuccheri nel sangue è basso, le ghiandole surrenali vengono messe sotto sforzo, ciò causa un'ulteriore perdita di potassio attraverso le urine, mentre l'acqua e il sale vengono trattenuti nei tessuti. Un'adeguata dose di magnesio è necessaria per mantenere la riserva di potassio nelle cellule.

Dosaggio e tossicità
La dose dietetica consigliata per il potassio è di 2000 milligrammi al giorno per gli adulti e per i bambini tra i 10 e i 18 anni di età. Per i bambini da 1 a 2 anni la dose consigliata è di 1000 mg al giorno. Per i bambini dai 2 ai 5 anni è di 1400 mg al giorno mentre per quelli dai 6 ai 9 anni è di 1600 mg al giorno. Per i neonati sino a 6 mesi, la dose è di 500 mg, e dai 6 mesi a 1 anno 700 mg. La quantità di potassio nella dieta media americana è stata calcolata dai 2000 ai 6000 milligrammi al giorno, perché questo minerale si trova in molti cibi diversi.
Tra gli alimenti ricchi di potassio troviamo tutte le verdure, in particolare le verdure a foglia verde, il succo d'arancia, i cereali integrali, i semi di girasole e le foglie di menta. Notevoli quantità di potassio si trovano nelle patate, specialmente nelle bucce, nell'aglio, nel lievito di birra, nel riso integrale, nelle melasse, nei datteri, nei fichi, nella frutta secca, nell'uva passa, nelle albicocche e nelle banane. Le carni contengono da 0,3 ai 0,5 g di potassio per porzione.

Effetti da carenza e sintomi

Le persone con problemi ai reni che ostacolano lo svolgimento della funzione e di bilanciamento del potassio sono a grave rischio di carenza, come pure chi fa uso eccessivo di diuretici e lassativi. Questa situazione può essere realmente pericolosa e per farvi fronte è stata consigliata l'assunzione di 1,5 g di potassio al giorno. La diarrea diminuisce i livelli di potassio. Le riserve di potassio diminuiscono con l'età, quindi
gli anziani sono più esposti alla carenza. Un'eccessiva eliminazione di urina dovuta ad un aumentato consumo di sale ha reso comuni le carenze di potassio. L'esercizio fisico praticato in modo intensivo per tre ore al giorno può disperdere dai 700 agli 800 mg di potassio, eliminati con la sudorazione.

I prodotti a base di ormoni come il cortisone e l'aldosterone possono causare una carenza. La carenza di potassio può essere causata da un'alimentazione povera di frutta e verdure. Lo zucchero raffinato può rendere le urine alcaline, ciò impedisce ai minerali di essere trattenuti in soluzione.

La carenza può essere causata anche da una prolungata somministrazione endovenosa di soluzione salina, che favorisce l'eliminazione del potassio. Il vomito, la diarrea, l'uso cronico di diuretici e lassativi, il digiuno, la malnutrizione grave, lo stress, sia mentale che fisico, l'acidosi diabetica e le malattie renali croniche possono portare ad una carenza di potassio.
Tale carenza può causare disturbi nervosi, insonnia, stitichezza, battito cardiaco lento e irregolare e danni muscolari. Quando una carenza di potassio deteriora il metabolismo del glucosio, l'energia non è più disponibile per i muscoli e questi diventano semi-paralizzati. In caso di disidratazione grave, il potassio viene tolto dalle cellule e il tessuto proteico inizia a disintegrarsi.

Quando l'organismo è carente di potassio, aumenta il livello di sodio nel cuore e nei muscoli. I neonati affetti da diarrea possono presentare una carenza di potassio poiché il passaggio del contenuto intestinale è così rapido da diminuire l'assorbimento del minerale. I diabetici presentano spesso una carenza di potassio. La poliuria, causata da un diabete non curato, aumenta le perdite di potassio e sodio. Grandi dosi di potassio vengono perse anche in caso di acidosi diabetica. Si è riscontrata di frequente una carenza di potassio in persone affette da malattie del tratto digerente.

Tra i primi sintomi di una carenza di potassio troviamo
debolezza e deterioramento delle funzioni neuromuscolari, del sistema nervoso centrale, fragilità ossea, sterilità, riflessi scarsi, crescita stentata, muscoli flosci e senza tono, ipertrofia renale, battito cardiaco rallentato e nei casi più gravi, la morte. Negli adolescenti può manifestarsi l'acne, mentre le persone più anziane possono avere problemi di disidratazione della pelle.


Metodo Pantellini: l'ascorbato di potassio in oncologia




ASKORBATO K- HdT 90 compresse

Askorbato di Potassio Powered d’estratti d’Ulivo titolato in oleuropeina e Vite titolata in polifenoli e OPC
Prezzo: € 22,00


Ingredienti per 1cpr 400mg:
Acido ascorbico 180mg
Potassio bicarbonato 102mg
Olea europaea L. folia (Ulivo) tit 6% oleuropeina 55mg
Vitis vinifera L. (Semi d'acini d'Uva) estratto secco purificato tit 80% polifenoli e 55% OPC 40mg
Eccipienti: stearato di magnesio, gommalacca, glicerina e talco.
Produzione e lavorazione spagnola

L’ascorbato di potassio è il sale potassico dell’acido ascorbico, meglio conosciuto come Vitamina C. L’acido ascorbico, che deve essere giornalmente assunto con la dieta, in quanto il nostro organismo non è in grado di produrlo, è un importante antiossidante ed è indispensabile per la sintesi del collagene e dei tessuti connettivi.

Aumenta l’assorbimento del ferro, contribuisce all’accrescimento delle ossa, migliora la resistenza alle infezioni e potenzia il sistema immunitario.
La sua carenza provoca lo scorbuto.

Il potassio funziona da normalizzatore cardiaco, e come regolatore del bilanciamento delle scorie del corpo, esercita azione alcalinizzante dei fluidi corporei e aiuta a ridurre la pressione sanguigna. Esso è considerato il
catione guida dei processi metabolici intracellulari.

Un organismo sano si contraddistingue, tra le altre cose, anche per il corretto funzionamento della pompa di membrana sodio-potassio. La perdita di potassio intracellulare determina uno sbilanciamento elettrolitico a causa dell’alterato funzionamento della pompa sodiopotassio, con elevati livelli di sodio e ridotti livelli di potassio intracellulare; questa situazione è spesso riscontrabile nei processi degenerativi cellulari. Questo evento, che completa una catena di processi biochimico-fisici complessi, ha infatti un peso importante nel controllo della proliferazione cellulare. In questo contesto l’acido ascorbico si comporta come “veicolo trasportatore” per il potassio, e contribuisce a riportare la sua concentrazione intracellulare ai valori corretti.


L’ascorbato di potassio, grazie alla sua struttura molecolare ciclica, è in grado di ripristinare le corrette concentrazioni intracellulari di sodio e potassio e quindi un corretto funzionamento cellulare
.

Già nel 1932 Moravel e Kishi misero in evidenza l’alta concentrazione di potassio nella cellula sana a differenza della cellula neoplastica, nella quale notarono valori drasticamente inferiori a seconda del livello di malignità
(cellula sana 290 mg/100ml; tessuto neoplastico in via di sviluppo 50mg/100ml; tessuto neoplastico sviluppato 25mg/100ml; tessuto neoplastico in fase terminale 5mg/100ml).


Nel 1969 Dean Burk del National Cancer Institute (NCI) affermò: “il grande vantaggio che gli ascorbati possiedono come potenziali agenti antitumorali è che essi sono particolarmente non tossici per i normali tessuti del corpo e possono essere somministrati senza effetti collaterali degni di nota anche a dosi estremamente alte (fino a 5g/kg o più)”.

Il biochimico Gianfranco Valsè Pantellini della New York Academy of Science notò già negli anni ottanta l’attività dell’ascorbato di potassio nelle malattie degenerative.

L’Askorbato di Potassio Powered nasce dall’esigenza di creare un potente antiossidante da usare da solo o in sinergia con i funghi medicinali per aumentare la loro biodisponibilità.

E’ il primo prodotto della linea Mico-Complement, sigla che indicherà tutta una serie di composti studiati per divenire, tra le altre loro funzioni, anche complementari alla Micoterapia.

L’Askorbato di Potassio Powered, particolarmente ricco di Vitamina C e antiossidanti grazie agli OPC di Vitis vinifera ed all’oleuropeina, è essenziale con i funghi terapici in quanto la Vitamina C crea un processo di osmosi inversa nell’intestino liberando liquidi a livello intestinale ed aumentando così la viscosità dei beta-glucani (polisaccaridi idrosolubili) e il loro assorbimento. La sinergia tra Vitamina C, Potassio, OPC ed oleuropeina rende questo prodotto un importante antiossidante, anche a dosaggi minimi che assicura una elevata biodisponibilità dei polisaccaridi dei funghi.


Dosaggio consigliato

1-6 cps/die suddivise nella giornata corrispondente a 300-1800 mg di ascorbato di potassio
Controindicazioni
L’alto dosaggio di ascorbato di potassio può portare ad iperkaliemia, se si raggiungono i 18.000 mg al giorno.
Nota: l’utilizzo di questo prodotto non è da considerarsi una alternativa ai protocolli terapeutici convenzionali. Questo composto interviene sui meccanismi metabolici di base a livello cellulare, e pertanto non interagisce negativamente con i programmi terapeutici convenzionali.

ASKORBATO K- HdT è indicato in tutti i casi in cui vi sia un elevato stress ossidativo dell’organismo, come ad esempio in presenza di:

  • vita o lavoro in ambienti inquinati
  • alimentazione non equilibrata e ricca di cibi raffinati
  • elevato consumo di alcool e caffè
  • abitudine al fumo
  • eccessiva esposizione a radiazioni solari
  • intensa pratica sportiva
  • intensa attività mentale
  • condizioni di stress psico-fisico


E’ inoltre indicato in tutti i casi in cui l’organismo presenti una diminuita capacità di inattivazione dei radicali liberi come, ad esempio, in corso di terapie farmacologiche o di situazioni infiammatorie croniche, oppure in caso di invecchiamento precoce.

L’Askorbato di Potassio Powered nasce dall’esigenza di creare un potente antiossidante da usare da solo o in sinergia con i funghi medicinali per aumentare la loro biodisponibilità. E’ il primo prodotto della linea Micocomplex, sigla che indicherà tutta una serie di composti studiati per divenire, tra le altre loro funzioni, anche complementari alla Micoterapia.

La sinergia tra Vitamina C, Potassio, OPC ed Oleuropeina rende questo prodotto un importante antiossidante, anche a dosaggi minimi che assicura una elevata biodisponibilità dei polisaccaridi dei funghi.


L’estratto di Vitis vinifera (acini d’uva) è uno dei più potenti antiossidanti conosciuti grazie alla presenza di polifenoli e proantocianidine (OPC) tra cui il resveratrolo. L’attività antiossidante di queste molecole è notevolmente superiore a quella della vitamina C e della vitamina E; esse agiscono sull’inibizione dei radicali liberi dell’ossigeno e della perossidazione lipidica.

La sua azione è particolarmente importante a livello circolatorio:
le OPC esercitano una potente azione vasoprotettiva attraverso la stabilizzazione della struttura (collagene ed elastina) dei vasi capillari ed una conseguente riduzione della permeabilità vasale. Studi scientifici hanno dimostrato, per questi composti, un’attività di protezione cardiovascolare ed effetti benefici nei confronti di insufficienza venosa periferica, retinopatia diabetica e degenerazione maculare della retina.

Le proantocianidine hanno mostrato in vitro di essere in grado di inibire la perossidazione lipidica e l’aggregazione piastrinica, e di influenzare vari sistemi enzimatici come la fosfolipasi A2, la cicloossigenasi e la lipossigenasi.

Grazie alla loro affinità con le proteine, i polifenoli e le proantocianidine si legano a molti enzimi, inibendoli.

L’inibizione della ciclossigenasi (COX) e della lipossigenasi (LOX) potrebbe essere alla base della loro
attività antinfiammatoria. Altri enzimi per i quali è stata notata inibizione sono: la xantina ossidasi, la GMP ciclico fosfodiesterasi, I’AMP ciclico fosfodiesterasi e l’aromatasi.

La loro struttura li rende capaci di penetrare la membrana cellulare.



L’impiego tradizionale dell’
Ulivo risale all’antichità d’Egitto e della Grecia ed è documentato nella Bibbia e nelle scritture sacre diffuse nell’area mediterranea. A differenza dei frutti dell’Ulivo, i quali offrono acidi grassi monoinsaturi e vitamine conosciute per il valore nutrizionale, le foglie d’Ulivo sono ricche di gommaresina e offrono sostanze antiossidanti che svolgono la funzione vitale di proteggere l’albero dagli attacchi fungini, batterici, parassitici e di molti insetti.

Le foglie d’Ulivo essiccate contengono
oleuropeina, idrossitirosolo, tirosolo, tocoferolo, acido elenolico (circa 5%), acido caffeico, flavonoidi (apigenina, luteolina, diosmetina, rutina). Il principio attivo maggiore è l’oleuropeina, una sostanza amara di struttura b-glucosidica.


L’estratto di foglie d’Ulivo essiccate contenuto nell’Askorbato K è titolato al 6% (equivalente a 60mg/g) di oleuropeina. La sinergia delle componenti fitochimiche dell’estratto è più antiossidante e antimicrobico della vitamina E e della vitamina C.

In vitro e in vivo, l’estratto è s tato dimostrato efficace contro infezioni fungine, batteriche, virali e il micoplasma (Knipping et al 2012; Omar 2010; Nash 1997).

Nell’estratto di foglie d’Ulivo, le azioni antinfettive e antiossidanti sono sinergistiche con quelle dell’ascorbato di potassio e dell’estratto di semi d’acini d’uva nel proteggere le mucose gastrointestinali da lesioni microbiche, incluse quelle causate da candidosi trascurate che colpiscono la maggioranza.

L’attività dell’estratto di foglie d’Ulivo è, dunque, antimicotica, antispasmodica, ipotensiva, ipoglicemica, ipouricemica e ipolipidemica e la letteratura scientifica è ricca di studi recenti in vitro e in vivo, i quali suggeriscono la sua utilità per abbassare la pressione sanguigna, il colesterolo totale e i glucidi, migliorando il funzionamento del metabolismo.

In vitro, il polifenolo principale, l’oleuropeina prolunga la sopravvivenza delle cellule beta pancreatiche, tramite il meccanismo che sopprime le caspasi 3-7, allungandone la capacità di secernere insulina e regolare la glicemia.

L’oleuropeina
riduce il danno dei radicali liberi, induce l’espressione dell’enzima ossido nitrico sintetasi, aumenta la disponibilità di ossido nitrico (NO), fattore di protezione cardiovascolare.
La diminuzione di prodotti di glicosilazione avanzata abbassa l’infiammazione dei tessuti vasali e connettivi e offre effetti ipotensivi, elasticizzanti, radioprotettivi dei raggi UVB e antitumorali dermatologici.

Il complesso degli estratti di foglie d’Ulivo, ascorbato di potassio e semi d’acini d’uva favorisce la formazione del collagene, migliora la funzione respiratoria mitocondriale all’interno della cellula con effetti di rallentamento della degenerazione dei tessuti vasali, neurologici e connettivi osteoarticolari, muscolari e tegumentari, i quali sono considerati anti-ageing su tutto l’organismo umano.








Le informazioni riportate in questa pagina sono solo a scopo informativo, tratte da un'ampia sitografia presente in internet. L'unica finalità è quella di mantenere il valore e la natura della rete:
la facile reperibilità di informazione.
Le informazioni sui principi attivi dei singoli componenti dei prodotti e sui prodotti stessi, desunte tutte da un'ampia sitografia presente in rete, e dai siti delle ditte fornitrici, non intendono trattare, curare alcuna malattia o patologia. Queste potrebbero, inoltre, riportare errori e/o omissioni. Pertanto ogni utilizzo improprio è a proprio rischio e pericolo. Si ricorda, altresì, che gli integratori alimentari non sono prodotti curativi e pertanto non possono vantare alcuna proprietà terapeutica. Le indicazioni, presenti sul sito, fanno riferimento all'impiego per il sostegno dell'organismo in periodi particolarmente difficili.


Home Page | INFORMATIVA | Condìzioni di VENDITA | Novità | PROMOZIONI | Idee REGALO | Curiosità | Contatti | Dove siamo | Dicono di noi | | | Acqua | Acqua e Sale | Acqua e Sapone | ACNE e Impurità | Alcalinizzanti | Alimentari | Alga KLAMATH | Alghe marine | Allergie | Aloe | Aminoacidi e Proteine | Animali | Antidolore | ANTIOSSIDANTI | Antinfluenza | Antizanzare | Ansia e Stress | AntiAge | Antirughe | Arcobaleno BIMBI | Argan olio | Argento Oro... Colloidi | Aromaterapia | Articolazioni | Attivatori energetici | Auricoloterapia | Ayurveda | Baobab | Biopan e Vitapan | BIOTTA succhi | CAISSE formula | Calcolosi renale | Canapa | Candida | Capelli CURA | Capelli Professional | CAPELLI RICRESCITA | CELLFOOD | Cellulite | Cerotti LIFEWAVE | Cistite | Colesterolo | Colostro | Cosmeceutica | Cura del corpo | Depurazione | Digest | Dieta ZERO | Dolcificanti naturali | Enzimi | Erbario | Essenze DONNA | Essenze UOMO | Estratti SPAGIRICI | Fibromialgia | Floriterapia | FitoDETERSIVI | Fosfatidilcolina | Gambe | Glicemia | GUAM Anticellulite | Gruppi sanguigni | Helix | Incensi | Infertilità | Infrared | Infiammazione | Integratori Salini | Karite' | Ipertensione | Lei Sex | Lei SPM | LUI e LEI | Lui | Make-Up | MELATONINA | Memoria | Menopausa | Meristemo-Terapia | Metabolomici | Micoplasmi | Micoterapia | MICROIDRINA | NONI | Oggettistica | OLI vegetali | Oligoelementi | Olivo | Omega 3-6-9 | PAPAYA | Prodotti DI LEO | Prodotti RE.NA.CO. | Propoli | Saponi Aleppocolors | Saponi Dr. Bronners | Semi di Pompelmo GSE | SOLARI | Sovrappeso e obesità | Stitichezza | Supporto oncologico | TEA TREE oil | Tè accessori | Tè e Infusi | Tè MACTHA | Tè TULSI | Termoterapia | Tiroide | Tisane TMG | Vitamine e Minerali | ZEOLITE | | | ACMOS | TAOPATCH | CLARK zapper | ENERGIA sottile | Tesla piastre | PIETRE e CRISTALLI | Diagnosi dal volto | Ritmi Circadiani | Intimo HITECH | Test della ballerina | Dr. Filippo Ongaro | Link Amici | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu