Erboristeria Arcobaleno

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


Chakra

Cristalloterapia

Ci sono delle cose che non vediamo e che non sentiamo, e che a volte facciamo fatica a percepire.
Sappiamo però che esistono nella materia sottile, che cioè non possiamo percepirle per mezzo dei sensi ordinari, ma che non per questo non esistono.
E' il caso, per esempio delle onde elettromagnetiche, le quali ci consentano di ascoltare la radio o vedere la televisione o parlare al telefono.
Oppure le onde termiche, anch'esse costituite da materia sottile, che ci consentono di valutare la temperatura di un ambiente, pur senza che il calore o il freddo in quanto tale possano cadere direttamente sotto i nostri comuni sensi.

Questo esempio serve a introdurre il discorso sui chakra i quali sono vortici di energia non tangibile, non visibile, che comunque non cade sotto i nostri comuni sensi, ma che talune persone particolarmente sensibili possono avvertire a livello tattile o visivo. Queste energie che non cadono sotto i nostri sensi sono comunque delle energie fondamentali per quanto riguarda non solo le manifestazioni della vita, ma anche il mantenimento della vita stessa nella sua essenza più vera.

La vita si definisce come un insieme di trasformazioni e di movimenti.



I Chakra sono i centri energetici basilari del nostro corpo e possiamo considerarli dei
vortici energetici in perpetuo moto rotatorio. La loro funzione è proteggere e stimolare lo scambio energetico tra corpo, spirito ed anima e favorire il collegamento alla madre terra e al padre cosmo. La maggior parte delle teorie stabilisce in numero di sette i chakra principali e localizza i loro punti d’ uscita lungo la colonna vertebrale.

Ogni Chakra vibra con una determinata frequenza energetica ed è responsabile di un proprio livello di consapevolezza.

I Chakra, così come l’ intero sistema energetico dell’ uomo, sono in sintonia tra di loro e in uno stato di assoluta armonia – ogni Chakra si trova in una fase di scambio energetico costante e regolare.

Perciò nel caso in cui singoli Chakra o parte di essi siano disturbati o siano completamente bloccati si creano
disarmonie interiori e in seguito anche disturbi fisici.

Il termine Cakra, solitamente translitterato in Chakra, proviene dal sanscrito e significa "ruota", ma ha molte accezioni tra le quali quella di "plesso" o vortice. È un termine utilizzato nella filosofia e nella fisiologia tradizionali indiane. Nella tradizione occidentale moderna tali chakra vengono talvolta identificati con il nome di Centri di Forza o Sensi Spirituali.




I chakra sono centri simbolici del corpo umano, a volte associati a gangli (granthi) o organi fisici, tra i quali si muoverebbe un'energia variamente definita (prana, o in casi particolari kundalini o avadhuti) e la loro conoscenza è trasmessa da molti sistemi di yoga, nelle diverse tradizioni induiste, buddhiste e jainiste con mappature diverse. Molte tradizioni concordano sul fatto che i chakra agiscano come valvole energetiche.

Uno squilibrio a livello di un chakra determinerebbe uno squilibrio d'energia nei determinati organi associati. Molte moderne terapie naturali, soprattutto la Cristalloterapia ed il Reiki, si basano sull'analisi dei chakra; la Riflessologia e l'Aromaterapia lavorano sugli stessi meridiani e la meditazione e visualizzazione basate sui colori, sarebbero strumenti importanti per bilanciare i chakra.




Ciascuno dei chakra ha il proprio centro in una delle sette ghiandole a secrezione interna del sistema endocrino corporeo e ha la funzione di stimolare la produzione ormonale della ghiandola
.

Secondo il Vedanta,
il corpo fisico e il corpo sottile (Sarira: le emozioni, pensieri, percezioni, stati di coscienza) formano un insieme. Questi due corpi sono collegati a livello dei chakra, quindi agendo sul corpo fisico si produrrà un effetto su quello sottile e viceversa.

I chakra vengono assimilati al Loto
, questo perché benché esso nasca da acque stagnanti e putrescenti, dà origine ad un fiore bellissimo e candido.

Proprio per tale peculiarità è considerato un simbolo di purezza: nato dal fango ma non macchiato da esso. Nella simbologia indiana le acque stagnanti rappresentano l'indistinzione primordiale del caos e il loto che da esse sorge rappresenta l'elevazione spirituale.

Ogni "loto", ha un numero particolare di petali, un particolare Yantra (mandala o forma geometrica), un mantra ed è associato ad un elemento (tattva), ad un senso e ad un colore.

Gli esseri umani, la maggior parte degli animali ed alcune piante avrebbero sette chakra principali o primari.




Secondo alcune tradizioni, ogni chakra assomiglierebbe ad un piccolo vortice con la parte più stretta dell'imbuto orientata verso il corpo ed ogni chakra (con l'eccezione di due) avrebbe due metà o poli, una rivolta verso la parte anteriore e l'altra verso la parte posteriore del corpo.

Il secondo gruppo per importanza è composto da
chakra minori che si troverebbero nei polpastrelli, al centro del palmo delle mani, in alcune aree dei piedi, nella lingua o altrove. Il terzo gruppo è composto da un numero praticamente incalcolabile di chakra di dimensioni piccole e minuscole; infatti, in ogni punto in cui si incontrano almeno due linee energetiche, anche infinitesimali, si troverebbe un chakra.

Il terzo gruppo è composto da un numero praticamente incalcolabile di chakra di dimensioni piccole e minuscole; infatti, in ogni punto in cui si incontrano almeno due linee energetiche, anche infinitesimali, si troverebbe un chakra.

Un ricercatore giapponese, Motoyama, nel corso di molti anni e di migliaia di casi esaminati con speciali apparecchiature, è riuscito a confermare appieno quanto descritto dalle antiche filosofie mediche indiane e cinesi circa l’attività energetica del corpi degli esseri viventi.

In particolare è riuscito ad evidenziare e misurare le energie dei chakra, e per mezzo di esami incrociati (tradizionali ed energetici) e anche riuscito a porre in relazione l’attività di ogni singolo chakra con gli organi, i sistemi e le funzioni del corpo fisico.


Innanzi tutto ha notato come
il sistema energetico dei chakra sia strettamente correlato con i sistemi Nervoso ed Endocrino, e come ogni chakra influenzi il funzionamento dei vari sistemi organici: il primo chakra regola e governa i plessi nervosi del coccige e del sacro; il secondo e terzo chakra regolano e governano le funzioni digestive e intestinali e gli organi correlati; il quarto chakra regola e governa le funzioni cardiocircolatorie e gli organi correlati; il quinto chakra regola e governa i polmoni ed i gangli cervicale e le funzioni correlate a questi organi: il sesto chakra regola e governa il sistema neuro-ormonale e le funzioni correlate; il settimo chakra regola e governa la corteccia cerebrale, il sistema nervoso centrale, i tessuti, gli organi ed i ritmi dell’intero organismo.


Si può dire che i chakra siano punti di intersezione tre i diversi livelli energetici della persona, in particolare tra i livelli fisico, mentale-emozionale e spirituale. In ognuno di questi livelli l’energia vitale si manifesta con un corpo specifico, uno dei quali, quello fisico, cade sotto la percezione sensoriale comune a tutti.

Il secondo corpo, quello mentale, è un corpo sottile, non fisico, che cade sotto la capacità non di senso ma di sensitività che alcune persone possiedono, e si manifesta sotto forma di "aura", cioè di un’estensione energetica esterna al corpo che può essere visualizzata con le fotocamere Kirlian; le persone che riescono a percepire questo corpo, lo descrivono come una sensazione tattile di "toccare un’energia" o se lo percepiscono visivamente, come una tenue luminescenza che circonda il corpo fisico.







Chakra Muladhara - Chakra della radice
Questo centro sottile dai 4 petali si chiama Muladhara e si situa tra l'ano ed i testicoli o la vagina, nel perineo.


Principio fondamentale:
la volontà di sopravvivere, l’ istinto di conservazione.
Da questo centro vengono influenzate tutte le parti integranti: il sistema scheletrico (ossa, articolazioni ma anche unghie e denti), elementi dell’apparato intestinale (prostata, tratto finale dell’intestino, intestino retto, intestino crasso, ano), la pelle, gli arti inferiori.

Ghiandole:
corrisponde alle ghiandole endocrine surrenali.

Elemento: TERRA
Colore: ROSSO
Organo dei sensi: APPARATO OLFATTIVO



Rientrano nella sfera dell’influenza del primo Chakra i bisogni primari dell’individuo, relativi alla sopravvivenza. Se c’è un funzionamento eccessivo di questo Chakra, sia i pensieri che le azioni saranno orientate alla soddisfazione ossessiva dei bisogni materiali e della sicurezza personale; si vorrà possedere tutto ciò che si desidera, mentre sarà difficile dare o donare qualcosa.

Qualora ostacolati, si reagisce con aggressività, collera, violenza, sentimenti o modalità che esprimono un atteggiamento difensivo, legato alla mancanza di fiducia nelle forze vitali ancestrali; in questo atteggiamento c’è sempre la paura di perdere ciò che dà sicurezza e senso di benessere.
Se invece vi fosse un’insufficiente funzionalità, si avrà debolezza e scarsa resistenza fisica ed emozionale. Molte cose verranno vissute con eccessiva preoccupazione, anche se molto banali. l’insicurezza esistenziale, nell’accezione più legata agli istinti primordiali, sarà il problema principale, ci si sentirà come se si fosse perso ogni punto d’appoggio.

Ogni fatto della vita diventerà insormontabile, perciò si sogneranno condizioni più facili, più piacevoli e meno faticose, generando fughe mentali dalla realtà contingente.

Se i Chakra superiori si sono sviluppati maggiormente rispetto agli inferiori, si avrà la sensazione d’essere fuori dal mondo, vivendo profondamente un senso di estraneità e di solitudine assoluta e senza speranza.
Se il blocco energetico interessasse anche il terzo Chakra, oltre al primo, ci si potrebbe trovare in presenza d’anoressia.


Disfunzioni legate al suo disarmonico funzionamento:
anoressia, obesità, emorroidi, stitichezza.

Può essere riequilibrato attraverso:
- la musicaterapia: i suoni dei bonghi e tamburi e con i suoni della natura;
- i cristalli: tormalina nera, l'ossidiana, onice, rubino, agata;
- la cromoterapia: il colore rosso;
- l'aromaterapia: calmanti: essenza di legno di cedro o il Patchouli; stimolanti: muschio, lavanda e giacinto;
- il Mantra Yoga con la pronuncia della parola "Hum";
- è legato alla nota musicale "Do".
-
massaggio plantare. Massaggiare con movimento circolare l’area del piede di seguito indicata, corrispondente alla proiezione energetica del Chakra.





Livello della stabilità, della forma, della materia
Questo chakra é il nostro vortice più denso, costituisce la materia. Rappresenta anche l’inizio, ciò che origina qualcosa. Il Primo Chakra é associato, nella coscienza, alla quantità di energia fisica e alla volontà di vivere nella realtà fisica. Riguarda le aree della sicurezza, della sopravvivenza, l’esistenza materiale e monetaria, il sentirsi salvi e al sicuro. Ci da senso di essere radicati e connessi al nostro corpo fisico. Posizionato alla base spina dorsale, governa il Plesso Sacrale e le ghiandole le surrenali, che secernono adrenalina, l’ormone che si attiva quando ci sentiamo minacciati.
A questo livello la coscienza afferma: io esisto.
È collegato alla vibrazione del colore rosso.

Linguaggio dei disagi: Primo Chakra
Quando guardiamo il mondo attraverso il Chakra Coccigeo, o Primo Chakra, le nostre motivazioni sono dirette a appagare bisogni materiali o di sopravvivenza. Se è in equilibrio, ci sentiamo sicuri e abbiamo fiducia in noi stessi. Abbiamo una presenza vigorosa e stiamo saldamente in piedi sulle nostre gambe, altrimenti abbiamo paura.

La paura
In diversi gradi di intensità, il blocco al Primo Chakra è sinonimo di paura (dall’insicurezza al panico). Poiché nella nostra società è disdicevole provarla ed esternarla impariamo a mascherarla con il controllo, facendo finta che non esista: e a muro si aggiunge muro. Ecco alcuni schemi di comportamento gravi in cui può manifestarsi la paura:
La sindrome della paura della paura: decido che quando avevo bisogno, mia madre non c’era per me; quindi: non ho il diritto di esistere. Risultato: mi rendo invisibile e mi separo dagli altri – alienazione e collera
La sindrome della paura di perdere: mi sento abbandonato – decisione: trattenere ciò che mi da sicurezza, quindi afferro dalla vita – Risultato: continuo a sollecitare amore con la convinzione che non mi sarà dato e creo dipendenza.

Linguaggio dei sintomi: Primo Chakra
Quando la paura non è ascoltata e risolta a livello emozionale, ecco che il messaggio deve assumere un tono più alto, a volte allarmante: questo dipende dalla gravità del sintomo. Ecco esempi di patologie che riguardano principalmente il Primo Chakra (ne trovate alcune descritte ne: “I sintomi parlano”): anosmia, ansia, attacchi di panico, artrite, artrosi, coxartrosi, osteoporosi, linfoma, c.a. rene, pielonefrite, cistite, fratture gambe e piedi, raffreddore, sinusite. Altre patologie, sempre deputate ad una tensione al Primo Chakra, sono analizzate nel mio saggio “Le emozioni parlano” e sono: adenocarcinoma della prostata, astenia, calcolosi renale, coxartrosi, emorroidi, periodontite, poliposi nasale,sciatalgia, sindrome di Cushing.

Fonte: rossellapanigatti.it





Chakra Svadhishthana - Chakra della sessualità
È situato sotto il ventre, circa 2 dita sotto l'ombelico, alla base del canale destro, Pingala Nadi.

Principio fondamentale:
la volontà fisica dell’essere. Da qui viene controllata l’economia dei fluidi del corpo: il sistema di riproduzione, gli organi sessuali, il sistema d’assimilazione (la vescica, il sangue, i reni, la linfa, la saliva, lo sperma, il succo gastrico, la depurazione).

Ghiandole:
corrisponde alle ghiandole endocrine gonadi (ovaie, testicoli, prostata).

Elemento:
ACQUA
Colore: ARANCIO
Organo dei sensi: ORGANI GUSTATIVI




Il Svadhishthana ha come simbolo geometrico la falce di luna racchiusa in un cerchio, emblema dell'elemento Acqua; i petali del loto sono sei. La divinità preposta è Varuna, la sua energia vitale o Shakti è Sarasvati.
Le ghiandole endocrine associate a questo chakra sono le ghiandole surrenali, adibite alla produzione di steroidei e adrenalina. È di colore arancione, è bipolare ed è orientato orizzontalmente.

Questo è il chakra che
presiede l'attività sessuale e corrisponde alla vitalità e vivacità.

Sovrintende il bisogno di socializzare, di aumentare il desiderio di procreare e tutte le questioni di carattere sessuale quali l'espressione della sessualità e dei problemi inerenti la libido. È collegato al piacere fisico, alla gioia di vivere, al desiderio. Come il chakra della radice, Svadhisthana è legato al mondo materiale. Un suo cattivo funzionamento deriva da conflitti nella sfera sessuale, come tradimenti, abusi, litigi. E' fondamentalmente associato alla creatività in tutte le sue forme e al raggiungimento dell'espressione di sè tramite la creazione.

E' collegato al piacere fisico, alla gioia di vivere, al desiderio, all'aggressività naturale. Come il chakra della Radice, Svadhisthana è legato al mondo materiale. Un suo cattivo funzionamento è causa di mancanza di voglia di fare e continuo bisogno di ricorrere ad eccitanti e stimolanti.


Disfunzioni:
impotenza e frigidità.

Può essere riequilibrato attraverso:
- la musicaterapia: il rumore dell'acqua;
- i cristalli: corniola, ambra, citrino, topazio, pietra di luna, diaspro;
- la cromoterapia: il colore arancio;
- l'aromaterapia: calmanti: ambra e sandalo; stimolanti: rosmarino, geranio;
- il Mantra Yoga con la pronuncia della parola "Svam";
- è legato alla nota musicale "Re".
-
Massaggio plantare. Stimolare in modo circolatorio l’area del piede indicata.






Livello della dualità, dell’emozione e dei desideri: il movimento
Nel Secondo Chakra l’immobilità si trasforma movimento. A livello emotivo la coscienza si esprime sotto forma di sensazioni e emozioni primarie (dolore o piacere fisico). E’ associato, nella coscienza, alla consapevolezza dell’altro. Sorgono così i desideri e con loro le emozioni e la sessualità. Questo chakra è responsabile della qualità dell’amore fisico e del permettersi di sentire le emozioni. Posizionato al centro dell’addome, il Secondo Chakra è collegato al Plesso Lombare e alle gonadi (ovaie e testicoli).
A questo livello la coscienza afferma: io sento.
E’ collegato alla vibrazione del colore arancione.

Linguaggio dei disagi: Secondo Chakra
La comunicazione a livello del Secondo Chakra è elementare, come le forze che lo muovono: nutrirsi e perpetuare la specie, provare piacere e emozioni. La nostra civiltà, invece, ci porta a negare un’energia semplice e vitale come quella che indica cosa realmente serve al nostro organismo o quello che accende la nostra fantasia sessuale. Il risultato: il non ascolto del nostro corpo.

Il non ascolto
Ascoltare la comunicazione energetica a livello del Secondo Chakra è qualcosa che da gioia e crea la vita. Ma ci insegnano a diffidarne: la sessualità, il cibarsi e emozionionarsi spesso sono frutto di idee, giudizi, pensieri di colpa o di peccato. Il risultato è che controlliamo i messaggi che riceviamo dal nostro corpo, considerandoli socialmente disdicevoli.

Ecco alcuni schemi di comportamento in cui può manifestarsi il non ascolto del nostro corpo:
Sindrome del non voglio che tu voglia questo: decido che il mio desiderio non è consono e lo controllo – Risultato: perdo l’informazione di ciò che serve o fa piacere al mio corpo e perciò avrò una sessualità asettica e insoddisfacente, oppure mangerò del cibo che non mi necessita.
Sindrome del noi uomini duri: decido che voglio essere invulnerabile e quindi mi impedisco di sentire le emozioni, poiché mi rendono debole – Risultato: perdo parte della mia comunicazione interna e la mia freddezza gela la mia radice emozionale.

Linguaggio dei sintomi: Secondo Chakra
Il non ascolto del nostro corpo può determinare un muro energetico che si manifesta in certe patologie (ne trovate alcune descritte ne: “I sintomi parlano”): afte, amenorrea, anoressia, candidosi, cisti ovariche, colite, colite ulcerosa, diverticolite, endometriosi, ernia inguinale, fibroma uterino, lombalgia, morbo di Crohn, orchite. Altre patologie, sempre deputate ad una tensione al Secondo Chakra, sono analizzate nel mio saggio “Le emozioni parlano” e sono: amenorrea, candidosi vaginale, colon irritabile, diverticolosi e diverticolite del colon, endometriosi, ernia inguinale, impotenza (deficit erettile).

Fonte: r ossellapanigatti.it




Chakra Manipura - Chakra del plesso solare
Si trova nel plesso solare, sotto lo sterno e sopra l’ombelico.

Principio fondamentale: la formazione dell’essere (emozioni basse).
Questo Chakra controlla ed energetizza l’economia termica del corpo, il sistema muscolare, il sistema digerente, il fegato, la cistifellea, lo stomaco, il sistema vegetativo dei nervi, la parte inferiore della schiena, la cavità addominale ed il centro del sistema nervoso (tensioni, stress ed emozioni negative gli tolgono l’equilibrio).

Ghiandole:
corrisponde alla ghiandola endocrina del pancreas.

Elemento:
FUOCO
Colore: GIALLO O GIALLO DORATO
Organo dei sensi: APPARATO VISIVO




Questo centro sottile dai 10 petali si chiama il Nabhi e si trova nella regione del plesso solare appena sotto il diaframma.

Il Nabhi è il centro del benessere individuale e collettivo. Grazie a questo centro godiamo del nostro prossimo accettandolo per come egli è, godiamo della società. La nostra attitudine verso il cibo e il modo in cui mangiamo, colpiscono le secrezioni digestive. Si blocca per grandi spaventi (con contrazione dello stomaco) o per cose non accettate della vita, situazioni o persone. L'elemento di questo chakra è il fuoco ed è chiamato così perché il fuoco (fuoco digestivo) che vi arde dentro lo fa risplendere come un gioiello.

Il chakra del plesso solare è collegato alle
ghiandole endocrine Isole di Langerhans nel Pancreas.

È di colore giallo, è bipolare ed orientato orizzontalmente. Questo è il
chakra della forza di volontà individuale, del carisma e dell'efficenza.

Un suo blocco con eccesso di tensione provoca incapacità di rimanere calmi, scoppi d'ira, iperattività, disturbi di origine nervosa. Presiede le emozioni, corrisponde al potere ed al controllo.
Attraverso questo punto si gestisce l'emotività, il desiderio di autoaffermarsi; è legato al potere e alla capacità decisionale. La sua energia facilita l’assimilazione delle esperienze, rivela gli obiettivi, permette l'uso positivo dell'energia personale, infonde capacità decisionale, sicurezza e autostima.

Il funzionamento carente invece causa scarsa energia, timidezza, bassa stima di sé, senso di inutilità, chiusura in sè stessi, paura del prossimo, fobìe, ipocondria.

Disfunzioni: sistema digerente.

Può essere riequilibrato attraverso:
- la musicaterapia: suono dei Gong e degli Ottoni;
- i cristalli: citrino giallo, topazio, apatite, calcite, occhio di tigre;
- la cromoterapia: il colore giallo;
- l'aromaterapia: calmanti: vetivert; stimolanti: bergamotto;
- il Mantra Yoga con la pronuncia della parola "Ram";
- è legato alla nota musicale "Mi".
- Massaggio plantare. Stimolare in modo circolatorio l’area del piede indicata.





Livello della sintesi della materia e del movimento: la trasformazione
Lo scopo di questo chakra è la trasformazione. Questo centro energetico riguarda la libertà di essere noi stessi e, se è in equilibrio, il riconoscimento che anche gli altri hanno lo stesso diritto. È il rapporto tra potere di essere ciò che siamo e, nella vita esterna, è il regno dell’azione. Si colloca nella parte del torace sotto il diaframma e governa il plesso solare e il pancreas. A questo livello la coscienza afferma: io penso.
È collegato alla vibrazione del colore giallo.

Linguaggio dei disagi: Terzo Chakra
Quando questo chakra è equilibrato sappiamo chi siamo, ci sentiamo liberi di essere noi stessi, in modo spontaneo e facile e accettiamo senza sforzo che anche gli altri facciano altrettanto. La nostra mente, gli aspetti razionali e logici del pensiero sono al nostro servizio, non diventano prevaricanti, non abbiamo idee ossessive di disistima perchè conosciamo il nostro valore. Se è teso, controlliamo troppo.
L’iper controllo, il fatto di non permetterci di essere noi stessi alla lunga genera sentimenti di rabbia verso gli altri, di colpa (che altro non è che rabbia verso noi stessi), di critica e di giudizio e di aspettative. Spesso dimentichiamo chi siamo, perchè non ascoltiamo la nostra comunicazione interiore, tesi solo a rapportarci a un modello ideale. Ecco alcuni schemi di comportamento gravi in cui può manifestarsi il controllo.

La Sindrome del Perfezionismo – decisione:
non sono perfetto per essere amato – mi rifaccio a un modello ideale – risultato: sono rigido fino a spezzarmi e la mia vita affettiva rimane in superficie.
La Sindrome della Gabbia – decisione: mia madre era invadente e manipolatoria – non faccio avvicinare nessuno altrimenti mi perdo – risultato: mi sento in gabbia se mi amano e scappo – non mi permetto di amare e pago il prezzo della mia libertà con una solitudine profonda.

Linguaggio dei sintomi: Terzo Chakra

Quando l’aspetto del controllo è troppo preponderante, andiamo fuori equilibrio. Se siamo tesi e controlliamo tutto diventiamo un sistema chiuso alle informazioni e, quindi, quando circoscriviamo la comunicazione per paura, perchè pensiamo di non essere accettati o di non valere abbastanza, questa modalità trasforma il controllo in prigione. Ecco
alcune patologie che riguardano principalmente il Terzo Chakra (ne trovate alcune descritte ne: ‘I sintomi parlano’) : acne volgare, astigmatismo, coliche biliari, cirrosi epatica, dermatite, diabete, distrofia muscolare, epatite, gastrite, lupus, miopia, presbiopia, ulcera gastrica e duodenale. Altre patologie, sempre deputate ad una tensione al Terzo Chakra, sono analizzate nel mio saggio “Le emozioni parlano” e sono: atassia, cheratocono,cisti epatiche, eritema solare,ernia iatale, infezione da Helicobacter Pylory, miastenia gravis, poliposi dastrica, malattia da reflusso gastroesofageo.


Fonte: rossellapanigatti.it






Chakra Anahata - Chakra del cuore
Si trova al centro del petto, allo stesso livello del cuore organico.

Principio fondamentale: la dedizione dell’essere (emozioni alte e sottili). Da questa zona vengono controllati il cuore, la ghiandola endocrina del timo, il sistema circolatorio costituito dal cuore e dai vasi sanguigni, la pelle, il sistema respiratorio, la parte superiore della schiena col torace e la cavità toracica.

Ghiandole:
è connesso alla ghiandola endocrina del timo.
Elemento: ARIA
Colore: VERDE
Organo dei sensi: APPARATO TATTILE





Questo centro dai 12 petali si chiama Anahata e si situa al livello del plesso cardiaco, dietro lo sterno, nell’asse del midollo spinale. È lì che, fino all’età di 12 anni, sono prodotti gli anticorpi e inviati nel nostro sistema sottile, aiutandoci a lottare contro gli attacchi esterni al nostro corpo e psiche, e proteggendoci da malattie e intrusioni nocive durante la nostra vita.

Quando il chakra del cuore non è sviluppato correttamente o è bloccato, si soffre d’un importante sentimento d’insicurezza.
Il cuore è il punto centrale della creazione e dunque tutti i chakra dipendono da lui. Potrebbe essere paragonato a una stazione centrale dalla quale parte un’energia verso le parti del corpo. Il cuore è la sede dello Spirito, la fonte della forza onnipotente, manifestata in Shiva. Dunque un chakra del cuore forte è la base di una personalità sana e dinamica, piena di amore e compassione.
Questo centro sottile
controlla la respirazione e il funzionamento del cuore e dei polmoni. Questo chakra permette di godere della famiglia, mamma, papà, sorelle fratelli, nonni, zii, grazie ad esso godiamo del loro amore e li accettiamo così come sono, diamo amore senza chiedere nulla in cambio quando è pienamente sviluppato. Si chiude invece in caso di conflitti in famiglia, abbandono, perdita di un caro, e tale chiusura si ripercuote a lungo andare a livello fisico appunto su cuore e polmoni (polmoniti, asma, malattie cardiache).

L' Anahata chakra. Ha come simbolo geometrico il doppio triangolo incrociato. I petali del loto sono dodici. Il Bija-Mantra è Vam, la divinità è Isana e la sua energia vitale è Bhuvanesvari. Produce emozioni, come amore incondizionato, sensibilità verso l'ambiente esterno, accettazione, pietà, bontà, il dare ed il ricevere ed in generale il prendersi cura della vita (umana, animale, vegetale).


Disfunzioni:
pressione alta e asma.

Può essere riequilibrato attraverso:
- la musicaterapia: ascolto della musica classica e della musica Sacra;
- i cristalli: smeraldo, calcite verde, avventurina, malachite, crisoberillio;
- la cromoterapia: il colore verde;
- l'aromaterapia: calmanti: legno di sandalo e rosa; stimolanti: pino, caprifoglio;
- il Mantra Yoga con la pronuncia della parola "Iam";
-
è legato alla nota musicale "Fa".
- Massaggio plantare. Stimolare l’area del piede indicata .







Integrazione di spirito e materia

L’energia cosmica e quella terrena si combinano nel cuore. Il Quarto Chakra è il centro dell’amore. La sua vibrazione centro genera l’amore incondizionato rivolto a tutto ciò che incontriamo. Il suo stato indica se ci sentiamo amati e la capacità che abbiamo di dare amore agli altri. Il Quarto Chakra è posizionato al centro del petto, governa il plesso cardiaco e il timo. A questo livello la coscienza afferma: io amo.
È collegato alla vibrazione del colore verde.

Linguaggio dei disagi: Quarto Chakra
L’amore trova in se stesso la sua giustificazione: non amiamo per ottenere qualcosa, amiamo e basta. Quando funziona correttamente, abbiamo relazioni appaganti e amiamo anche noi stessi. Se costruiamo dei muri a questo livello, invece di amare agiamo la paura e il controllo, il biasimo, il giudizio e le aspettative sia verso gli altri che verso noi stessi.

La mancanza d’amore (il disamore)
. La decisione che genera un muro a questo livello normalmente ha radici nell’infanzia, poichè i genitori rappresentano la nostra prima fonte d’amore. Il risultato per chi ha chiuso il Quarto Chakra è di avere difficoltà a dare amore senza aspettarsi nulla in cambio, e accettarsi per quello che è.
Sindrome del “Io non merito amore” – decisione: mi sono sentito abbandono o rifiuto da mamma o da papà – quindi devo essere colpevole e devo essere punito – risultato – ho paura di chiedere amore e controllo tutti i sentimenti.
Sindrome del bisogno del bisogno – decisione: poichè non sono degno d’amore, ho paura di essere abbandonato – cerco qualcuno da amare che abbia bisogno di me – risultato: devo continuare a dare, se no ho paura che mi lascino – dipendo dal bisogno di chi amo che mi fa sentire necessario e al sicuro.

Linguaggio dei sintomi: Quarto Chakra
Oltre a non sentirsi amati, il disagio di non meritare amore spesso si trasforma nella convinzione di non sapere amare. Quando non ascoltiamo il disamore, potrebbero manifestarsi le patologie collegate alla tensione del Quarto Chakra (ne trovate alcune descritte ne: “I sintomi parlano”): AIDS, aneurisma, arteriopatie, asma, bronchite, cardiopatie, infarto del miocardio, ipertensione arteriosa, malattie autoimmuni, polmonite, cancro seno. Altre patologie, sempre deputate ad una tensione al Quarto Chakra, sono analizzate nel mio saggio “Le emozioni parlano” e sono: anemia, dispnea,Favismo, insufficienza aortica,mastopatia fibrocistci, sindrome di Bechet, tachicardia sinusale, tosse, varici.

Fonte: rossellapanigatti.it


Chakra Vishuddha - Chakra del collo


Si trova alla base della gola, al centro del collo. Questo centro costituisce il ponte tra i quattro Chakra inferiori, che si riferiscono al corpo, e i due Chakra superiori, che canalizzano le vibrazioni cosmiche e spirituali.

Principio fondamentale:
la risonanza dell’essere. Sovrintende al metabolismo, al sistema linfatico, alla gola, alla voce, alla trachea, alla zona superiore dei polmoni, ai bronchi, all’esofago, alle spalle, alle braccia, alle mani.

Ghiandole: ghiandola endocrina della tiroide.

Elemento:
ETERE

Colore:
AZZURRO

Organo dei sensi: APPARATO UDITIVO




Questo centro dai 16 petali si chiama il Vishuddi; si situa a livello del pomo d'Adamo nell'uomo e nell'incavo della gola nella donna. Questo centro sottile è responsabile del funzionamento del collo, della lingua, della nuca, della bocca, delle orecchie, del naso, dei denti. Questi sono gli organi per mezzo dei quali comunichiamo con gli altri. È attraverso il Vishuddi che possiamo comunicare con tutte le Deità, poiché è la fonte dei mantras che si cantano. Equilibrando ed armonizzando questo chakra è possibile esprimere la gioia dello Spirito. Così, l’umanità ha composto della musica e della poesia alla gloria del Divino. Al livello fisiologico, controlla il funzionamento della ghiandola tiroide.

Quando è aperto
la persona comunica con voce chiara e ferma, si esprime al meglio quando attraverso di esso esprimiamo la nostra missione nella vita parliamo del nostro lavoro o dello studio con amore. Si chiude quando viene bloccata l'autoespressione e quando non si è contenti del proprio lavoro o studi o ci sono conflitti sul lavoro, tanto da manifestarsi a livello fisico come stridore, mancanza di voce, torcicollo, e malattie della gola e tiroidi.
Il Vishuddha chakra o della "purificazione". Ha come simbolo geometrico il triangolo equilatero nel quale è inscritto un cerchio, emblema dell'elemento Etere (Akasa). Il Mantra-seme è Ham. La divinità preposta è Sadasiva e la sua energia vitale è Sakini.
Il chakra della gola è collegato alle ghiandole endocrine tiroide paratiroidi. È di colore blu, è bipolare ed è orientato orizzontalmente. È il chakra della comunicazione inteso come manifestazione verso l'esterno. Questo chakra sovrintende la comunicazione, la capacità d'ascolto e di parola, la sincerità. Produce capacità espressive e chiare dell'intelletto, logiche ed espressioni personali, è un centro mentale (controllato interamente in maniera cosciente).
Il suo potere è particolarmente evidente per quello che riguarda la comunicazione, verbale, l'eloquenza e la capacità di trasmettere le proprie idee in modo chiaro, preciso e cristallino, sviluppato conferisce infatti il potere di esprimersi e parlare in modo estremamente persuasivo e convincente. Gli squilibri in questo chakra si manifesteranno come problemi quali incomunicabilità, incapacità di trasmettere chiaramente agli altri le proprie idee e sentimenti, incapacità di sfogare le proprie tensioni psicologiche, stress e introversione. È responsabile della comunicazione con il mondo Etereo (delle creature extracorporee).

Può essere riequilibrato attraverso:

- la musicaterapia: ascolto di musica corale o suono delle onde del mare;
- i cristalli: agata, amazzonite, acquamarina, turchese, sodalite;
- la cromoterapia: il colore blu;
- l'aromaterapia: calmanti: lavanda, giacinto; stimolanti: muschio bianco;
- il Mantra Yoga con la pronuncia della parola "Ham";
-
è legato alla nota musicale "Sol".
- Massaggio plantare. Stimolare sempre in modo circolare l’area del piede indicata.







Comunicazione, connessione

Il Chakra della Gola è associato agli aspetti dell’espressione e del potere della parola, alla capacità di portare le cose in essere dicendole, della capacità di ricevere, e a ciò che crediamo riguardo alla manifestazione dei nostri obiettivi. Posizionato alla base della gola, governa il plesso cervicale e la tiroide.
A questo livello la coscienza afferma: io dico.
È collegato alla vibrazione del colore azzurro.

Linguaggio dei disagi: Quinto Chakra
Esprimere la nostra verità è una manifestazione vitale di quello che siamo. Quando il Quinto Chakra è in equilibrio, lo facciamo, determinando le nostre mete e le manifestiamo concretamente nella realtà fisica. Quando ci impediamo di esprimere la nostra verità di solito è perchè abbiamo paura.
Sindrome del bavaglio – decisione: poichè non valgo, sarei più amato se non dicessi quello che penso – risultato: devo continuare a fingere e controllare; quando poi esprimo la mia verità, lo faccio con rabbia.
Sindrome del non dovevi disturbarti – decisione: non sono degno d’amore e, quindi, non merito nulla – risultato: ogni dono non è per me, devo fare qualcosa in cambio invece di ricevere incondizionatamente.

Linguaggio dei sintomi: Quinto Chakra
Quando interrompiamo la comunicazione, ci tagliamo fuori dalla intimità con un’altra persona. Questo snaturarsi ci porta a un grande stress che, se non risolto, crea un muro sempre più alto di isolamento e di solitudine. Ecco dove potrebbero manifestarsi patologia che indicano una tensione a livello del Quinto Chakra (ne trovate alcune descritte ne “I sintomi parlano”): afonia, dismetabolismi, cervicalgia, ipo e iper tiroidismo, iposcusia (sordità) tiroidite, tracheite,tunnel carpale. Altre patologie, sempre deputate ad una tensione al Quinto Chakra, sono analizzate nel mio saggio “Le emozioni parlano” e sono: cervicoartrosi, cisti sinoviali (cisti del polso), epicondilite (gomito del tennista), laringite, otite media, polipi e noduli alle corde vocali, tendinite e tenosinovite dei flessori delle dita (dito a scatto), tiroidite di Hashimoto, torcicollo spastico, sindrome del tunnel carpale.


Fonte: rossellapanigatti.it






Chakra Ajna - Chakra della fronte
Si trova al centro della fronte tra le sopracciglia. E’ il centro della volontà.

Principio fondamentale: la conoscenza dell’essere.

Da questo Chakra vengono influenzati l’ipofisi e il sistema endocrino; rifornisce di parte dell’energia necessaria anche cervello, sistema centrale dei nervi, cervelletto, occhi, orecchie, naso, tempie e viso.

Ghiandole: è connesso con la ghiandola endocrina dell’ipofisi.

Elemento: SINTESI, SUONO INTERIORE
Colore: INDACO, VIOLA; GIALLO

Funzionalità dei sensi:
TUTTI I SENSI INTERIORI - VISIONE – EXTRASENSORIALE






Questo centro sottile dai 2 petali è l’Agnya chakra che si situa al centro della fronte. Questo punto è conosciuto anche come il terzo occhio di Shiva. Nel corpo fisico è rappresentato dall’incrocio dei 2 nervi ottici nel nostro cervello (il chiasmo ottico).

Questo centro controlla il funzionamento della ghiandola pituitaria. Poiché questo centro sottile controlla i nostri occhi, un impegno visuale eccessivo (come il cinema, la televisione, il computer o la lettura) può rovinare questo chakra, così come tutti i cattivi pensieri.

Questo chakra permette la visualizzazione e la proiezione di noi stessi nel futuro, la creazione di progetti, la creatività, la capacità di sviluppare ESP (Extra Sensorial Perception) la capacità di vedere senza l'uso del senso "vista".
Si chiude in caso di delusione per la non realizzazione di un progetto di vita.
Ajna è gerarchicamente
uno fra i più elevati dei chakra; in questa ruota è anche contenuto il Manas; sui petali del loto vi sono le lettere Ham e Ksam; esso contiene la rappresentazione della sacra sillaba Om, sintesi di tutti i Mantra. La divinità preposta è Shambhu e la sua Shakti è Siddha-Kali.ì
È anche conosciuto in occidente come "
Terzo Occhio" ed è situato nello spazio tra le sopracciglia: la sua ghiandola a cui è associato è l'ipofisi. È di colore indaco, è bipolare ed è orientato orizzontalmente. Influenza il mesencefalo, dove vengono assorbiti tutti gli stimoli nervosi per potere essere inviati a tutte le altre parti del cervello (per cui il mesencefalo dà energia a tutta la regione del capo).

È il chakra che presiede la visione interiore o extrasensoriale. Esercita lo sviluppo della capacità di concentrazione; lo sviluppo mediante meditazione permette l'utilizzo del sesto senso e la capacità di manifestare le percezioni extrasensoriali, stati mistici, proiezione mentale, e di viaggiare nel Piano astrale.
Produce il controllo della coscienza e delle reazioni fisiche, purificazione e trasformazione dei pensieri in forme di giudizio più raccolto, con la graduale diminuzione delle percezioni sensoriali. Gli squilibri qui si manifesteranno attraverso incubi, fenomeni psichici incontrollati o sgradevoli, mancanza completa di sogni, confusione mentale. Fisicamente un blocco si manifesta con tutte le malattie collegate alla vista, mal di testa frontale.
È responsabile della percezione "visiva" dell' aura.

Può essere riequilibrato attraverso:
- la musicaterapia: ascolto di musica Indiana e Sacra;
- i cristalli: ametista, azzurrite, lapislazzuli, perla, calcite;
- la cromoterapia: il colore Indaco;
- l'aromaterapia: calmanti: muschio bianco, giacinto; stimolanti: violetta, geranio rosa;
- il Mantra Yoga con la pronuncia della parola "Om";
-
è legato alla nota musicale "La".
-
Massaggio plantare. Stimolare come al solito la zona del piede indicata.







Sistemi superiori di credenze, la spiritualità

Il Sesto Chakra è il centro della saggezza e della percezione diretta con la forma, che permette di vedere la vera natura degli eventi, senza usare la logica o la ragione. Il Sesto Chakra rappresenta la parte profonda dell’essere, lo Spirito, ciò che siamo realmente al di là di ciò che abbiamo imparato. A questo livello la coscienza è consapevole del processo con cui creiamo la nostra realtà. Posizionato in mezzo alla fonte, sopra gli occhi, governa il plesso carotideo e ipofisi.
A questo livello la coscienza afferma: io creo.
E' collegato alla vibrazione del colore indaco.

Linguaggio dei disagi: Sesto Chakra

Quando sperimentiamo questo livello in modo equilibrato, guardiamo al di là dei limiti che la personalità ci costruisce, siamo consapevoli che la realtà che viviamo altro non è che l’esteriorizzazione dei nostri desideri e paure. Se questo livello è teso, non vediamo la nostra grandezza.
Il vittimismo – Spesso la mente ci porta a dimenticare la nostra meraviglia, affossandoci con le sue paure, i suoi limiti e impedendoci di volare. Questo atteggiamento genera, in pratica, diverse manifestazioni.
Sindrome della vittima – decisione: nego la mia essenza infinitamente capace e scelgo di non essere in grado -risultato: non mi riconosco creatore, gli altri devono fare per me- mi sento intrappolato, sconfitto e umiliato – manipolo il prossimo e manifesto rabbia e rancore.
Sindrome della capinera ferita – decisione: non merito amore, ma se mi ammalo si accorgono di me – risultato: continuo a ammalarmi per sollecitare attenzione e amore – non riconosco la mia capacità di creatore.

Linguaggio dei sintomi: Sesto Chakra
Quando non riconosciamo la nostra grandezza, vuoi perchè ci limitiamo a considerarci come corpo fisico anzichè come spirito, oppure perchè ci fa paura la responsabilità della nostra vita, potremmo manifestare patologie che denotano tensione al Sesto Chakra (ne trovate alcune descritte ne “I sintomi parlano”): acromegalia, adenoma ipofisario, emicrania, emiparesi. Altre patologie, sempre deputate ad una tensione al Sesto Chakra, sono analizzate nel mio saggio “Le emozioni parlano” e sono: nevralgia del trigemino, paresi facciale (paresi di Bell), prolattinoma, sindrome di Morris, sonnambulismo.

Fonte: rossellapanigatti.it






Chakra Sahasrara - Chakra della corona

Si trova sulla sommità del capo, all’altezza della “fontanella“ dei bambini. E’ il centro della conoscenza spirituale.Il Sahashrara chakra o "dei mille petali".


Principio fondamentale: il puro essere. Da qui vengono influenzati la ghiandola pineale ed il cervello, inoltre questo Chakra ha influssi su tutto l’organismo.

Ghiandole: ghiandola pineale (epifisi)

Elemento: PENSIERO O PIANO DIVINO

Colore: VIOLA O BIANCO E ORO





Questo centro sottile dai 1000 petali, conosciuto con il nome di Sahasrara, è il chakra più importante di tutti. È situato nell’area limbica del nostro cervello. Il chakra del Sahasrara è costituito dalla riunione dei 6 chakras: si tratta di uno spazio incavo, sui bordi del quale si trovano i 1000 nervi. Si possono vedere tutti questi nervi lungo il lobo limbico: se si seziona il cervello trasversalmente, assomigliano a dei petali. Prima della realizzazione del Sé questo centro è chiuso dai 2 palloni del nostro ego e superego. Assomiglia ad un fiore di loto chiuso. Quando è illuminato dal risveglio della kundalini che lo raggiunge, si vede il Sahasrara che assomiglia a un fascio di fiamme dai 7 colori. Un loto aperto dai 1000 petali. Ma questi colori si integrano creando infine una fiamma di colore cristallo chiaro. Questa è l’attualizzazione dell’Unione (realizzazione del Sé) con il Potere Divino onnipervadente, che ci permette di sentire le vibrazioni fresche. È l’integrazione, la libertà assoluta, la gioia dello Spirito e la serenità.

Quando è aperto godiamo di Dio in tutte le sue forme e si sente costantemente nella vita, si chiude in caso di "quasi svenimento", dove il chakra si chiude per evitare la perdita di Coscienza, la fuoriuscita dell'anima. Fisicamente si manifesta come vitiligine (sbiancamento della pelle derivata dall'eccesso di secrezione di melatonina da parte dell'epifisi), vertigini, noia, isoddisfazione, odio verso Dio.

È anche chiamato chakra della corona, ha nel suo cuore un loto più piccolo a dodici petali in cui è inscritto il triangolo chiamato Kamakala, che simbolicamente raffigura la sede della Shakti Suprema, cioè la Forza Cosmica non individualizzata. Nei mille petali del loto sono contenute tutte le lettere dell'alfabeto sanscrito.

l chakra della corona trova posto nella ghiandola pineale, ed è collegato ad essa, ha solo un punto di entrata/uscita. È di colore viola ed è orientato verticalmente con il relativo imbuto che indica verso il cielo. È il chakra che presiede il contatto con il Divino, governa la corteccia cerebrale e la presa di coscienza. Esso determina l'apertura e la dilatazione della coscienza con lo sviluppo dell'intelletto. Le sue funzioni principali sono relative alla conoscenza superiore. Al Sahasrara chakra appartengono tutte le questioni relative alla "Illuminazione", vale a dire la relazione tra la coscienza dell'individuo e quella dell'universo. Lo sviluppo pieno del settimo chakra porta a uno stato di contatto e comunione con la forza creatrice dell'universo, uno stato di purificazione, appagamento spirituale, totale libertà dalle limitazioni dei nostri istinti bassi e grossolani: si tratta, è evidente, di stati dell'essere che sfuggono alle possibilità descrittive della razionalità e che possono essere compresi (nel senso di "presi all'interno di noi", vale a dire assimilati e non semplicemente capiti) soltanto attraverso l'esperienza diretta. L'apertura di questo chakra coincide con il Bodhi.

Disfunzioni: depressione, confusione mentale.

Può essere riequilibrato attraverso:

- la musicaterapia: ascolto del Suono Interiore;
- i cristalli: diamante, cristallo di rocca, tormalina bianca, giada bianca, celestite;
- la cromoterapia: i colori bianco o viola;
- l'aromaterapia: calmanti: rosmarino e bergamotto; stimolanti: violetta e ambra;
-il Mantra Yoga con la pronuncia allungata della consonante "M...";
-
è legato alla nota musicale "Si".
- Massaggio plantare. Massaggiare sempre in modo circolatorio l’area del piede sotto indicata.






Centro della coscienza cosmica, Anima
Il Chakra della Corona è il centro dell’unione divina, la sua funzione è la conoscenza, perchè attraverso questo centro si raggiunge il corpo infinito di tutte le informazioni. Rappresenta la parte della nostra coscienza deputata alle percezioni dell’unità o della separazione,dandoci il senso dell’unione con la nostra anima e con il tutto. Corrisponde anche alla relazione con il padre e con l’autorità in generale. Posizionato alla sommità della testa, governa tutto il sistema nervoso e la ghiandola pineale, per gli induisti il seme della consapevolezza o Perla Blu
A questo livello la coscienza afferma: io sono.
È collegato alla vibrazione del colore viola.

Linguaggio dei disagi: Settimo Chakra

Se questo livello è equilibrato, sappiamo di essere tutti Uno, ci sentiamo parte di una connessione amorevole e perfetta. Se siamo il Tutto, non ha più senso vivere la separazione. Mentre se questo centro è teso, il risultato è un senso disperante di solitudine, il non essere amati dal Padre.
Il vittimismo e il senso di isolamento e di esclusione – Erigendo dei muri, non abbiamo accesso a tutte le informazioni che riguardano questo aspetto della coscienza, nè a questa consapevolezza e ci sentiamo soli; questo chakra ci mostra anche la qualità del rapporto che abbiamo con la persona che, nell’infanzia, ci ha fornito il senso di direzione. Se siamo in equilibrio, accettiamo l’autorità senza sentirci prevaricati. Altrimenti, avremo difficoltà con ogni tipo di autorità.
Sindrome dell’escluso dal giardino dell’Eden – decisione: non mi sento amato da Dio perchè, per esempio, ho subito un lutto o un abbandono – devo essere colpevole e quindi punito – risultato: mi isolo e mi sento solo e rifiutato quindi, rifiuto gli altri.
Sindrome dell’anarchico - decisione: non mi sento amato da papà o dall’autorità, quindi tutto quello che viene dall’autorità è contro di me – provo un senso di ingiustizia e di rabbia – mi ribello sempre e comunque alle regole – risultato: creo conflitto con ogni autorità come richiamo d’amore, ho un atteggiamento anarchico.

Linguaggio dei sintomi: Settimo Chakra

Quando il Settimo Chakra è sofferente, noi proviamo un senso di esclusione e di solitudine disperante, senza futuro. E’ il senso di alienazione che ci fa sentire diversi, un’estraniazione che non ci permette di sentirci come gli altri, di avere le possibilità che hanno gli altri. A livello fisico si può manifestare nelle seguenti patologie (ne trovate alcune descritte ne “I sintomi parlano”): Alzheimer, cefalea, epilessia, ictus cerebrale, morbo di Parkinson, sclerosi multipla, tumore cerebrale. Altre patologie, sempre deputate ad una tensione al Settimo Chakra, sono analizzate nel mio saggio “Le emozioni parlano” e sono: alopecia (calvizie), cefalea di tipo tensivo, demenza, dolore neuropatico, malattie del motoneurone,malformazioni arterovenose cerebrali, meningite.


Fonte: rossellapanigatti.it



RELAZIONE FRA CHAKRA E GHIANDOLE ENDOCRINE


I° Chakra Muladhara

corrisponde nel corpo fisico plesso sacrale, all'apparato di assimilazione ed escrezione, retto, ossa, parte posteriore delle gambe e cosce.

II° Chakra Svadhishthana
corrisponde alle ghiandole surrenali, alle gonadi, apparato urogenitale, sistema linfatico e intestino crasso.

III° Chakra Manipura
corrisponde al pancreas, apparato digestivo, isole di Langerhans, plesso solare, diaframma, stomaco, fegato, cistifellea, duodeno, intestino tenue.

IV° Chakra Anahata
corrisponde al timo, apparato circolatorio, cuore e arterie, polmoni e braccia.

V° Chakra Vishuddha
corrisponde alla tiroide, apparato respiratorio, apice dei polmoni, corde vocali, lingua e nervi facciali.

VI° Chakra Ajna
è in corrispondenza con la ghiandola pituitaria (ipofisi), sistema nervoso centrale.

VII° Chakra Sahasrara
corrisponde alla glandola pineale (epifisi).




Da un punto di vista fisico è facile notare come questi centri di energia corrispondano in maniera abbastanza precisa a importanti ghiandole endocrine del Corpo Fisico; più interessante è notare come gli studi al riguardo abbiano indicato importanti corrispondenze tra le funzioni svolte da queste ghiandole e le funzioni che, tradizionalmente, i grandi Maestri di Yoga hanno attribuito ai Chakra.

Di fronte alle critiche che la "scienza ufficiale" spesso avanza nei confronti di queste teorie, il fatto che le funzioni di queste ghiandole corrispondano molto strettamente con le funzioni attribuite dallo Yoga ai Chakra ci porta invece a ritenere che il sistema di fisiologia "invisibile" dell'uomo sviluppato dalle culture orientali costituisca una vera e propria mappa di un sistema psico-fisiologico dell'essere umano, fino ad ora trascurato.


Un ricercatore giapponese, Motoyama, nel corso di molti anni e di migliaia di casi esaminati con speciali apparecchiature, è riuscito a confermare appieno quanto descritto dalle antiche filosofie mediche indiane e cinesi circa l’attività energetica del corpi degli esseri viventi.
In particolare è riuscito ad evidenziare e misurare le energie dei chakra, e per mezzo di esami incrociati (tradizionali ed energetici) e anche riuscito a porre in relazione l’attività di ogni singolo chakra con gli organi, i sistemi e le funzioni del corpo fisico.

Innanzi tutto ha notato come il sistema energetico dei chakra sia strettamente correlato con i sistemi Nervoso ed Endocrino, e come
ogni chakra influenzi il funzionamento dei vari sistemi organici:
il primo chakra regola e governa i plessi nervosi del coccige e del sacro;
il secondo e terzo chakra regolano e governano le funzioni digestive e intestinali e gli organi correlati;
il quarto chakra regola e governa le funzioni cardiocircolatorie e gli organi correlati;
il quinto chakra regola e governa i polmoni ed i gangli cervicale e le funzioni correlate a questi organi:
il sesto chakra regola e governa il sistema neuro-ormonale e le funzioni correlate;
il settimo chakra regola e governa la corteccia cerebrale, il sistema nervoso centrale, i tessuti, gli organi ed i ritmi dell’intero organismo.


I chakra permettono, in sintesi, il passaggio dei vari tipi di energia vitale tra le varie dimensioni che ci costituiscono nella nostra totalità: ad esempio consentono il passaggio delle emozioni tra il corpo emozionale ed il corpo fisico.

I chakra, vanno comunque intesi come centri energetici nei quali confluiscono molteplici canali energetici, specifici per ogni singolo chakra: i meridiani; è per questo motivo che operando sui e tramite i chakra si agisce sulla regolazione delle energie che scorrono nei meridiani, giungendo quindi al cuore della causa della malattia.







Effetto dei colori sui chakra

Colori e luci colorate hanno una grande influenza sulla vita di tutti gli esseri viventi.


Il colore è vibrazione energetica e influisce sul nostro corpo fisico, mentale ed emozionale.


ROSSO
- è associato al mesoderma, stimola fortemente la circolazione del sangue ed energetica, influisce in modo benefico sulla vitalità del corpo e della mente, ha un potere riscaldante, lavora in modo ottimale sui chakra inferiori, ma è dannoso per i centri energetici superiori - sconsigliato nei casi di tumore, di ipertensione e di malattie auto-immuni.
Utilizzare l’energia del Rosso quando si deve affrontare una giornata particolarmente impegnativa o faticosa, o quando ci si sente scarichi. Il colore rosso fornisce l’energia della terra e sostiene tutte le altre energie, offrendo il supporto necessario che ci permette di affrontare qualsiasi situazione. Ogni nuova impresa ha bisogno della vitalità del rosso.




ARANCIO - il suo maggior pregio è quello di favorire la pulizia dei chakras mettendo in moto una forza centrifuga che fa espellere le tossine energetiche accumulate, favorisce, come il rosso, la vitalità e la circolazione sia del sangue che energetica, è indicato per i chakra inferiori e non per quelli superiori, è un ottimo conduttore energetico, induce uno stato di entusiasmo e di pensieri gioiosi e positivi, altamente consigliato nella claustrofobia in quanto favorisce la respirazione profonda, ottimo coadiuvante nelle terapie di inappetenza ed eccessivo dimagrimento.
Utilizzare l’energia dell’Arancione per rallegrare la giornata e partire con il giusto entusiasmo. Aiuta ad assaporare la vita, risvegliando il proprio bambino interiore. Il colore arancione stimola le emozioni ed i sensi. Aiuta e rimuovere le inibizioni favorendo la capacità di socializzare. Rende indipendenti e favorisce le relazioni.



GIALLO - è associato all’endoderma, favorisce l’attenzione e la creatività e stimola l’intelligenza, aiuta la riproduzione cellulare, la sua azione si esplica in modo potente sul sistema nervoso, aiuta gli organi emuntori nella loro funzione, ottimo per promuovere un aspetto sano e giovanile della pelle, agisce sul sistema digestivo ed endocrino, importante: la sua irradiazione sugli organi non deve superare i 20 secondi in quanto potrebbe provocare senso di nausea, vomito e palpitazioni cardiache.
Utilizzare l’energia del Giallo quando si studia, quando si vuole trasformare i pensieri in azioni o quando si è stanchi mentalmente. Il colore Giallo dà chiarezza di pensiero e la sua energia è connessa alla capacità di percepire e comprendere. Favorisce quindi la concentrazione, l’apprendimento e la memoria, stimola l’interesse e la curiosità.



VERDE - come il colore arancio favorisce la pulizia dei chakra ma in modo più soft, ha una discreta azione antibatterica e antivirale, agisce sul sistema linfatico e sulle affezioni oculari, è un colore rinfrescante e favorisce il rilassamento mantenendo uno stato vigile - l’eccessivo assorbimento di questo colore ha un effetto dannoso sull’epifisi e sui tessuti muscolari.
Utilizzare l’energia del Verde quando ci si vuole rilassare, calmare i nervi ed i pensieri. Ma il verde è anche utile quando ci si vuole aprire, soprattutto nelle relazioni, o quando ci si vuole occupare degli altri. Il verde pulisce e bilancia le energie portando pace, armonia e rinnovamento. Il verde è il colore della prosperità e dell’Amore Incondizionato, sul piano terreno.



BLU - è associato all’ectoderma, ha un effetto inibente sui chakra e sui tessuti, può avere un effetto anestetico, blocca la circolazione energetica, possiamo definirlo un vero e proprio isolante energetico, è fortemente rilassante ed induce ad un sonno ristoratore, , agisce con efficacia sul sistema endocrino specialmente sull’ipofisi, ossigena i tessuti, sconsigliato nei casi di ipotensione o di patologie croniche.
Utilizzare l’energia del Blu quando si vuole supportare o favorire la comunicazione. Il blu è il colore della leadership e migliora le capacità organizzative. Favorisce il contatto con le proprie verità interiori e consente di esprimerle in modo chiaro, sincero e diretto. Il blu favorisce il sonno ed aiuta a calmare i bambini iperattivi.



INDACO: il colore Indaco stimola le funzioni del Terzo Occhio, l’intuizione, la connessione con l’inconscio, l’immaginazione e la chiaroveggenza. Rafforza la psiche, favorisce la meditazione e l’attività onirica.
Utilizzare l’energia dell’Indaco per favorire la meditazione. L’indaco favorisce la connessione con l’inconscio ed aiuta a sentirsi parte dell’intero Universo. Rafforza l’intuizione, l’immaginazione e le facoltà psichiche. Utilizzare questo colore quando ci si vuole astrarre dalla realtà materiale e vedere le cose da una prospettiva più elevata.



VIOLA
- è il colore per eccellenza dei chakra superiori, ottimo per la meditazione e per tutte le funzioni delle mente superiore, agisce prevalentemente sull’emisfero destro del cervello, sull’epifisi e sull’ipotalamo, è un ottimo riequilibrante del sistema energetico e della psiche, regola l’appetito incontrollato.
Utilizzare l’energia del Viola per favorire la connessione con la propria parte Spirituale, con il sè superiore. Il viola purifica i pensieri, favorisce l’ispirazione, sviluppa i talenti e la creatività. Utilizzare il viola quando si ha perso il senso della proprie esistenza, lo scopo per cui vivere.



TURCHESE: il colore Turchese stimola la capacità di esprimere se stessi e le proprie emozioni in maniera aperta e sincera. Rafforza il sistema immunitario.
Utilizzare l’energia del Turchese per stimolare la capacità di esprimere se stessi e le proprie emozioni in maniera aperta e sincera.



ROSA: il colore Rosa aiuta ad esprimere l’amore ad un livello Cosmico, Universale. Favorisce sentimenti quali la gentilezza, la grazia e l’altruismo.
Utilizzare l’energia del Rosa per esprimere l’amore ad un livello Cosmico, Universale, favorendo l’Amore Incondizionato per se stessi e per gli altri. Il rosa aiuta a comprendere il punto della vita in cui ci si trova. Aiuta a ricordare lo scopo per cui siamo qui e riconnette i propositi di vita con l’Amore e il supporto dell’Universo. Aiuta ad eliminare la sensazione di sentirsi indegni o di nessun valore. Aiuta a rilasciare sentimenti d’impazienza, irritabilità e rabbia.



RAGGI UV - le frequenze ultraviolette hanno un potente effetto stimolante sul DNA


I colori suscitano potenti associazioni simboliche.

La teoria dei colori dei chakra ha origini antichissime e allude a un simbolismo che trova riscontro in tutte le culture, compresa la nostra.

Il rosso (1° chakra) stimola l'azione, l'arancio (2° chakra) ha un effetto ricaricante che favorisce anche l'energia sessuale, il giallo (3° chakra) allerta la mente.

In quale stanza è meglio utilizzare uno di questi colori?

Il giallo, e in generale i colori caldi, come il rosso e l'arancione, hanno un'azione stimolante sul sistema nervoso e sull'attività digestive, quindi sono ottimi nelle aree della casa dedicate al nutrimento, alla socializzazione, alla sessualità, allo studio.

Quando si è tristi o costretti a letto, però, sarebbe bene non usare toni freddi del blu. Il questo caso, per esempio, andrebbe molto meglio il tono caldo dell'arancio. Come pure, una persona freddolosa o tendente alla depressione, può scaldare la propria casa utilizzando i toni dell'arancio, dell'albicocca o della pesca.

Il verde (4° chakra), che rappresenta l'equilibrio e l'armonia, così come i colori dei chakra superiori, che favoriscono l'introspezione, andrebbero utilizzati nelle aree della casa dedicate al riposo o alle attivitàmeditative.

Questi, però, non sono colori da usare dove ci sono bambini, più affini, come tipo di energia, ai colori del chakra di base. Curiosamente, sembra che il viola (7° chakra) sia preferito dai neonati e dalle donne incinta.

La luce stimola il sistema endocrino del corpo umano che è connesso ai chakra che servono organi, sistemi e funzioni relative.

Ogni chakra, infatti, trasmette all’organismo un preciso corpo di dati diretti a specifiche funzioni corporee e una specifica frequenza cromatica. Ogni giorno il corpo umano assorbe ed é nutrito dall’energia della luce.

Possiamo ricevere l’energia del colore anche attraverso il cibo che consumiamo, le erbe, le vitamine, gli oli essenziali, la musica, i cristalli, i vestiti e i bagni di colore.

L’influenza benefica dei colori è stata ampiamente documentata sin dai tempi degli antichi Egizi fino ai grandi pensatori quali Newton, Goethe e Steiner. Oggigiorno molti terapeuti e medici delle più svariate discipline, impiegano i colori nei loro trattamenti.
La scienza ha dimostrato che i colori hanno effetto non solo sugli aspetti psicologici, sulle sensazioni e sui comportamenti, ma hanno un reale impatto anche sulla fisiologia. Studi fatti hanno dimostrato che il colore rosso aumenta, per esempio, il battito cardiaco, la pressione sanguigna e la temperatura corporea. E’ stato scientificamente provato che il colore influenza l’umore, migliora lo stato d’animo e il benessere generale delle persone. A questo proposito è interessante vedere come, chi é affetto da certe malattie, eviti istintivamente alcuni colori.

Analizzando le diverse reazioni alla vista di differenti colori, possiamo prendere informazioni su noi stessi, che condizione energetica stiamo vivendo o che necessità manifesta il corpo. Questo concetto può sembrare di difficile comprensione, poiché il colore trasmette un’impressione sottile… nella musica ascoltiamo il suono e non vediamo le onde sonore… certe canzoni rendono felici… altre rattristano, danno energia o rilassano.
Così il colore sollecita le emozioni a cui siamo sensibili o che siamo pronti ad elaborare.

L’energia del colore

Le energie che compongono l’aura umana formano un corpo di diversi colori, in continuo cambiamento. Tale immagine riflette lo stato interno del corpo: la salute fisica, gli stati emotivi e mentali. Tutto ciò si può leggere attraverso i colori dell’aura.
Quando i chakra sono in equilibrio, mostrano tutti i colori dell’arcobaleno in maniera chiara e uniforme. Quando invece è presente qualche disturbo (fisico, mentale, emozionale o spirituale) lo si potrà vedere attraverso i chakra: l’energia non scorre regolarmente lungo la spina dorsale creando un disequilibrio. Ognuno di noi è soggetto a disequilibri di diversa natura che richiedono continui sforzi per essere bilanciati attraverso l’attività fisica o la pratica di discipline che permettono al corpo di ritrovare l’equilibrio fisico, mentale ed emozionale.

Il colore potrà essere utilizzato in due modi:

• per dare più energia al chakra, utilizzando il colore associato al chakra,
• per ridurre l’energia del chakra, utilizzando il colore complementare associato al chakra.



CROMO ON LINE


Amthu: i saponi che liberano i chakra

I saponi amthu sono prodotti selezionando gli ingredienti e sottoponendoli a speciali lavorazioni in modo da farne il perfetto strumento di terapie vibrazionali capaci di equilibrare il nostro sistema energetico fisico e emozionale, agendo sui chakra (punti energetici o vortici che attraversano il nostro corpo).


Acque energetiche la trasmissione del messaggio
Lavoriamo i saponi amthu facendoli nascere da acque provenienti da fonti energetiche vibrazionali, ciascuna corrispondente a un chakra, che favoriscono l'elaborazione emozionale e l'elevazione spirituale dell'esperienza.
L'acqua è il migliore “conduttore di informazione”, la sua intelligenza agisce, apportando il suo messaggio di armonia, là dove serve.

Suoni frequenziali sintonie che armonizzano
Durante la preparazione del sapone amthu, quando ancora è nella fase liquida, attraverso speciali apparecchiature lo sottoponiamo a suoni frequenziali che si sintonizzano con le vibrazioni del chakra armonizzandolo. Un procedimento che richiede molta cura e che avviene in un ambiente insonorizzato per escludere qualsiasi interferenza sonora, affinché i suoni riprodotti siano puri.

Cromoterapia colori che fanno vibrare
Scegliamo le note cromatiche di ogni sapone amthu con cura, rispondendo a precise finalità. Nel nostro caso sostanza ed esteriorità trovano la giusta armonia: infatti, la frequenza del colore corrispondente al chakra (cromoterapia) entra in risonanza con le sue vibrazioni e apporta la giusta sintonia per equilibrare il vortice energetico corrispondente.

Aromaterapia l'emozione dei profumi
Selezioniamo gli oli essenziali nella preparazione del sapone amthu, in sintonia con i meridiani energetici corrispondenti ai chakra. Ciascuno apporta la sua funzione attraverso il sistema olfattivo ed emozionale attivando il sistema neurovegetativo e armonizzando le sue funzioni (respiro, emozioni, memoria, sessualità) e attraverso l'applicazione sul corpo per le loro proprietà terapeutiche.

Massaggio il movimento che sblocca
Ti suggeriamo di utilizzare quotidianamente il sapone amthu per il lavaggio di tutto il corpo accompagnandolo, nella doccia o nella vasca, con un massaggio che prende il via dal punto del chakra corrispondente, portato con un movimento circolare, antiorario e poi orario, proseguendo poi, con lo stesso sapone, con il lavaggio normale del resto del corpo.

Terapie vibrazionali per liberare le energie
Le Terapie Vibrazionali considerano il nostro organismo permeato di energia, allo stesso modo di tutto ciò che esiste nell'universo. La malattia è il segno di un'irregolarità nella distribuzione di energia, e va curata riportando i livelli energetici a uno stato ottimale. I blocchi hanno un'origine emozionale e se non elaborati porteranno a una somatizzazione che indebolirà l'apparato e gli organi corrispondenti ai chakra.



Amthu è prezioso per la sua efficacia d’uso, ed è prezioso per il modo in cui è prodotto. La lavorazione artigianale, interamente made in Italy, segue una millenaria tecnica naturale di saponificazione. La scelta di ingredienti bio per l’olio vegetale che fa da base, l’accurata selezione di oli essenziali puri, la formula arricchita di burro di karité contribuiscono a dare a questo sapone una morbidezza quasi cremosa e spiccate funzionalità idratanti e delicatamente detergenti. Finiture a mano ne fanno un sapone gioiello, dalla forma piacevolmente arrotondata, intarsiata come un oggetto prezioso.

Il packaging, studiato da amthu, è egualmente 100% made in Italy sia per il design che per i materiali impiegati. La scelta del cartone riciclato esprime il nostro esplicito desiderio di favorire il riuso e la 'seconda vita' dei materiali. Le carte goffrate di pregio, la lavorazione artigiana delle confezioni le rendono uno scrigno da conservare come portaoggetti, scatola che dura nel tempo come custode dei nostri ricordi e che anche a livello simbolico si lega al riequilibrio energetico dei chakra.

L'utilizzo minimo consigliato è di 40 giorni a seconda delle esigenze di riequilibrio (blocchi, conflitti, traumi ecc…), e il sapone amthu finirà per diventare anche una piacevole abitudine quotidiana per la detergenza.

Per il trattamento riequilibrante può anche venire utilizzato posizionandolo direttamente sul chakra o tenendolo in mano.



Una gamma di saponi naturali
, in cui colore e purissimi oli essenziali alla base della formula si accordano declinati in sette differenti gamme cromaticlie ai chakra, i punti energetici del nostro corpo, con cui interagiscono ogni volta che rinnoviamo uno dei piu antichi rituali dell'umanità: un lavaggio che nella gestualità, nella materialità del gesto diventa anche massaggio, diventa prendersi cura di sè nel suo significato più pieno.




Cromoterapia: i colori dei saponi sono in risonanza con i 7 chakra: ogni colore ha una diversa frequenza che entra in vibrazione con il chakra, armonizzandolo.

Aromaterapia: gli oli essenziali agiscono sul sistema olfattivo ed emozionale attivando il sistema neurovegetativo ed armonizzando tutte le nostre funzioni (respiro, emozioni, memoria e sessualità). L'azione sinergica degli oli essenziali combinati in ogni sapone della gamma amthu, e il loro abbinamaento con i diversi colori, ha l'effetto di massimizzare queste prerogative.

Suoni frequenziali: tutta la gamma dei saponi amthu, durante la loro preparazione, attraverso speciali apparecchiature, sono stati "informati" dai suoni frequenziali corrispondenti ad ogni chakra. La metodologia scelta rende questi saponi un perfetto riequilibrante dei centri energetici, in accordo con le indicazioni della kinesiologia frequenziale.

Massaggio: una scelta non casuale è quella della taglia del prodotto e della forma arrotondata, a scrigno, della saponetta amthu, carezzevole nelal sua rotondità, lampada di Aladino cui affidare, con la sapienza delle mani attraverso movimenti circolari in corrispondenza dei chakra, o semplicemnete con il gesto armonico della quotidianità, il desiderio di armonia e benessere.

E in più: la formulazione dei saponi AMTHU privilegia sostanze delicatamente detergenti di origine vegetale e olii naturali di origine biologica di comprovata eudermicità; il packaging invita alla scoperta delle note cromatiche di ogni referenza, attraverso la naturale eleganza dell'esteriorità, e nella base del cartone grezzo esprime una chiara scelkta aziendale di impegno verso la second life e l'eco-sostenibilità del prodotto made in Italy.



SAPONE Amthu 200gr (arancio amaro-legno di cedro)
Prezzo: € 18,00


SAPONE Amthu 50 gr (arancio amaro-legno di cedro)
Prezzo: € 7,00



Radicamento e sicurezza, contrasta le paure, stimola l'energia.

Il
colore rosso è simbolo di "sangue" e "vita", integra l'opposizione fra maschile e femminile, rafforza la volontà e il coraggio, vince l'inerzia, rimette in circolo le energie bloccate, è il colore dal potere di difesa più forte.

La
terra è il più sacro tra gli elementi, la grande madre, fertile e creativa, solida e potente, rappresenta il radicamento.

Arancio amaro: svolge un'azione rilassante e contrasta le paure, anche di origine sconosciuta, che non sappiamo elaborare e che si ripercuotono sull'organismo con disturbi psicosomatici, è utile per vincere le dipendenze, debella le insicurezze.

Legno di Cedro: la maestosità di questo albero trasmette protezione, stabilità, saggezza, forza e tenacia. Il suo olio infonde coraggio, equilibrio, determinazione, porta alla calma, alla fiducia e alla dignità.

1 CHAKRA - TERRA

Situato al centro del perineo, è la sede del nostro equilibrio, rappresenta la libertà di movimento, lo stare sulle proprie gambe, in senso fisico, mentale ed economico. Sono i primi passi nella vita, l'età da 0 a 6 e mezzo per le bambine, e da 0 a 7 per i maschi, ma anche la vita prenatale.

Gli squilibri sono quindi spesso in relazione a traumi, come paure, insicurezze, la mancanza di protezione, vissute in quegli anni, la disarmonia avviene anche per delusioni, o ingiustizie che si sono sia subite o viste che commesse.

VERBO - C'è un verbo che – espresso con parole diverse - esprime la ritrovata armonia del primo chakra, è io sono vivo, io ho, io possiedo, io faccio parte, io appartengo.

FUNZIONAMENTO ECCESSIVO - Porta a un'esasperata tensione verso i beni materiali, il possedere, l'avidità, ma anche ad una aggressività che porta all'estremo l'istinto di sopravvivenza, un autoritarismo che sono figli di traumi legati all'infanzia e alla figure materne e ancestrali.

FUNZIONAMENTO INSUFFICIENTE - Porta una scarsa resistenza sia fisica che della sfera emotiva: con manifestazioni che vanno dalla paura alla debolezza, dall'ansia alle percezioni di fallimento, dall'anemia alla sensazione di sradicamento, con la latente propensione all'autodistruzione e al vittimismo.

SEGNALI DI ARMONIA - Difendere il proprio spazio in modo equilibrato, colmare le carenze materiali, avere una buona energia, sentirsi protetti e sicuri.

SUL PIANO FISICO - Il primo chakra è legato all'olfatto, il primo senso che il neonato usa attivamente, gli organi a cui è collegato sono le gambe, l'ano, i genitali esterni, le articolazioni. Ghiandole endocrine corrispondenti: surrenali.





SAPONE Amthu 200gr (ylang ylang-tolu)
Prezzo: € 18,00


SAPONE Amthu 50 gr (ylang ylang-tolu)
Prezzo: € 7,00


Vita emotiva e sentimenti armonizza le emozioni e la sessualità.

Arancione è il colore dell'allegria e della gioia, ha un'azione energetica ma non eccitante, favorisce la comprensione profonda delle cose e sviluppa la saggezza. Induce alla tolleranza e libera dalle limitazioni, trasmuta l'energia sessuale in creatività (musica, danza ecc.).

Acqua: l'elemento vitale, da cui tutto nasce, forza trasformatrice in constante cambiamento, ricettiva e purificante, inesorabile e imprevedibile, rappresenta il femminile per eccellenza, la fertilità e la creatività.

Ylan Ylang:
essenza che scioglie i blocchi emozionali e armonizza la sessualità, agisce sulla collera derivante da frustrazione, solleva l'umore, allontana il dubbio e agisce sui sentimenti bloccati.

Tolu: da questo balsamo si ricava un olio dal profumo sensuale, che ha un effetto avvolgente, aiuta a risolvere le tensioni e i problemi interiori, stimola i sensi e la fantasia.

2 CHAKRA - ACQUA

Posizionato nella zona che va dall'osso pubico al plesso solare, è la sede del nostro senso di libertà, e dello scambio tra te e me, al senso di colpa. Il trauma a cui è legato è la cosiddetta "castrazione". Si sviluppa nel secondo ciclo d'età, che va da 7 a 12 anni per la ragazza, da 8 a 14 per il ragazzo.

È legato all'elemento acqua e gli squilibri che lo riguardano hanno a che fare con i liquidi e la circolazione, eliminazione urinaria, sessualità e riproduzione, si collegano al desiderio, al piacere e alla capacità di provare emozioni.

VERBO
- Il verbo che rappresenta un riequilibrio del secondo chakra è, io voglio, io provo piacere, io gioisco.

FUNZIONAMENTO ECCESSIVO
- Si traduce in un'incapacità di stare soli e di gioire delle cose semplici, inseguendo con compulsività divertimento, piacere, soprattutto legati a cibo e sesso, in una spirale che lega ingordigia e insoddisfazione.

FUNZIONAMENTO INSUFFICIENTE
- Si manifesta con un attaccamento eccessivo al passato, alle persone e alle cose, con l'incapacità di provare gioia e piacere, con la chiusura alla sessualità.

SEGNALI DI ARMONIA
- Godere della vita, della compagnia, degli amici e della famiglia, del cibo sano, essere in contatto con il progetto della propria vita, con le proprie emozioni, lasciando andare il passato senza rimorsi e senza rimpianto.

SUL PIANO FISICO
- È legato al senso del gusto, che dovrebbe aiutarci a distinguere ciò che è buono da ciò che è nocivo per noi, orientarci nella ricerca della bellezza.
Gli organi relativi a questo chakra sono l'intestino, le vertebre lombari, utero, prostata, vescica. Ghiandole corrispondenti (gonadi-ovaie).






SAPONE Amthu 200gr (vetiver - zenzero)
Prezzo: € 18,00


SAPONE Amthu 50 gr (vetiver - zenzero)
Prezzo: € 7,00

Centro del potere personale, potenzia autostima e volontà.

Giallo: apre la vita allo spirito, indirizzando le proprie energie verso i centri superiori. Il giallo è un colore vitale che stimola l'attività cerebrale, ha un effetto benefico sull'umore, favorisce la concentrazione e la volontà di apprendimento, rende estroversi, rinforza i nervi e favorisce la digestione e l'eliminazione delle tossine attraverso fegato e intestino.

Fuoco:
quello che dà luce e riscalda, simbolo del potere solare, l'energia attiva che anima il mondo, che tutto trasforma e unisce.

Vetiver: questo olio essenziale infonde un senso di protezione e sicurezza, è conosciuto come "l'olio della tranquillità" protegge dagli influssi negativi esterni, aiuta a tornare alla nostra natura più profonda, ai nostri ideali, rende più tolleranti e più consapevoli. Aumenta la connessione e la comprensione della natura, equilibra i soggetti ipersensibili.

Zenzero: è un olio che scioglie le emozioni congelate delle persone che si sono isolate dopo traumi, ravviva il sacro fuoco digestivo, stimola, riscalda e dinamizza.


3 CHAKRA - FUOCO

Localizzato attorno al plesso solare e alla zona circostante, esprime la forza di sapersi unici, autonomi, realizzati. Con l'aiuto del plesso solare la forza fisica e la forza psichica confluiscono, si scoprono le proprie capacità e non si è più disposti ad essere sopraffatti dalle circostanze o dalle persone. L'età di sviluppo di questo plesso va dai 13-18 anni per l' adolescente femmina, e dai 15-21 anni per il maschio.
I blocchi localizzati su questo punto sono legati al fatto di non esprimere ciò che si vuole, per la paura di "rischiare" di non essere più amati. Gli squilibri hanno effetto sul metabolismo e su tutti i processi legati alla nutrizione, alla digestione, all'assimilazione.

VERBO
- Il verbo che ne armonizza la vibrazione si declina come io posso, io merito, io sono capace, io sono degno.

FUNZIONAMENTO ECCESSIVO - Genera comportamenti tendenzialmente di tipo aggressivo: intolleranza, violenza, tirannia, irascibilità, impazienza, dispotismo.

FUNZIONAMENTO INSUFFICIENTE - Porta ad atteggiamenti che si manifestano al contrario in forme depressive sotto forma di rinuncia, senso di inutilità, lamento, scontentezza, paura, depressione, fuga dalle responsabilità, bassa autostima, rancore, timidezza, tendenza a farsi prevaricare.

SEGNALI DI ARMONIA - Autorevolezza, lasciando gli altri liberi di esprimersi a loro volta. Potere personale individuale nel rispetto degli altri e dell'ambiente, dignità personale e di tutti gli esseri viventi, autoaffermazione, autoriconoscimento.

SUL PIANO FISICO - È legato al senso della vista, il potere che ci dà la facoltà di osservare il nostro spazio e di controllare il nostro territorio. Gli organi collegati al terzo chakra sono stomaco, fegato, vescica biliare e milza. Il pancreas è la ghiandola corrispondente a questo chakra.






SAPONE Amthu 200gr (rosa - gelsomino)
Prezzo: € 18,00



SAPONE Amthu 50 gr (rosa - gelsomino)
Prezzo: € 7,00


Aprirsi agli altri, dare e ricevere amore.

Verde: è il colore associato alla natura, sostiene il sistema nervoso, e aiuta il cuore con effetti calmanti e armonizzanti, aumenta la vitalità. Viene associato alla rigenerazione e al rinnovamento, svolge anche una funzione antibatterica, germicida e riequilibrante su tutti i tessuti; è l'equilibrio tra luce (giallo) e tenebre (blu).

Aria:
respiro della vita, rappresenta il collegamento del corpo con lo spirito, simbolo della saggezza, ciò che tutto permea e mette in comunicazione.

Rosa: apre il cuore, lo purifica dai sentimenti dannosi, fà emergere il lato spirituale delle relazioni sessuali, aiuta a elaborare il dolore per delusione o per una perdita affettiva.

Gelsomino: adatto contro paure e depressione, dissolve apatia e pessimismo, stimola l'ipotalamo a produrre encefalina, portatore di uno stato generale di benessere, favorisce l'apertura nei confronti dell' altro, aiuta a superare i traumi emotivi.



4 CHAKRA - ARIA


Raffigurato simbolicamente all'altezza del cuore, fisiologicamente risiede nella punta in basso dello sterno, e svolge la funzione di ponte fra i primi tre chakra, legati alla terra, di natura fisica ed emotiva, e i tre chakra superiori, più mentali e spirituali. Si può quindi considerare il centro dell'intero sistema energetico dei chakra, luogo in cui si integrano e conciliano gli opposti, si armonizzano lo spirito e la materia, sede dell' amore incondizionato ma anche del coraggio personale.

L'età di preminenza per le donne e dai 19 anni ai 24 anni, per gli uomini dai 22 ai 28 anni.

I traumi che danneggiano il quarto chakra sono gli abbandoni, i tradimenti sia subiti che attuati, e anche il tradimento verso se stessi, quando si sta con una persona che non si ama più. Le manifestazioni connesse al suo squilibrio prendono la forma di asma, ipertensione arteriosa, patologie del distretto cardiaco e di quello polmonare, un abbassamento delle difese immunitarie.

VERBO - Il verbo che traduce la ritrovata armonia della vibrazione è io amo, io sono, io esisto.

FUNZIONAMENTO ECCESSIVO - Si manifesta con sentimenti di avversione verso il prossimo, disprezzo, odio, crudeltà. I problemi fisici correlati sono: abbassamento difese immunitarie, ansia, tachicardia, asma, problemi respiratori e polmonari in generale, ipertensione arteriosa o bassa pressione; sul piano emozionale si registra la tendenza a essere duri, severi con gli altri e con se stessi, calcolatori, e ad agire per il proprio tornaconto, aspettandosi un riconoscimento dagli altri.

FUNZIONAMENTO INSUFFICIENTE - Si manifesta con la tendenza a lamentarsi, a essere timorosi, vili, insensibili, freddi, indifferenti, apatici, senza entusiasmo, porta alla perdita del contatto con il divino.

SEGNALI DI ARMONIA
- Diminuzione dell'io e accrescimento del sé, si producono emozioni di amore incondizionato di empatia con noi stessi e tutto il creato, si sviluppa la bontà, l' accettazione, la pietà, la sensibilità e il rispetto verso l'ambiente esterno, il dare e ricevere amore, profonda calma.

SUL PIANO FISICO
- Il senso è il tatto, e gli organi collegati a questo chakra sono: cuore pericardio, vasi sanguigni, polmoni. La ghiandola endocrina è il timo.







SAPONE Amthu 200gr (camomilla - salvia)
Prezzo: € 18,00


SAPONE Amthu 50 gr (camomilla - salvia)
Prezzo: € 7,00


Comunicazione e creatività, armonia fra sentimenti e pensieri.


Blu:
il colore dell'anima, è associato all'infinito, alla calma e alla serenità emotiva, all'armonia e al rilassamento, in cromoterapia ha una funzione antiinfiammatoria, rinfrescante, purificante. È definito anche il colore della saggezza, aiuta a trovare il centro di noi stessi.

Etere: vive nell'eterna circolazione delle forze cosmiche, è l'elemento non più materiale, ma che esiste come concetto: la quintessenza, il quinto elemento è la "forza di controllo della natura".

Camomilla: questo olio essenziale è adatto quando si ha necessità di comunicare, di dire la verità, senza astio nè amarezza, ma può aiutare ad esprimere le verità spirituali più alte. Permette di entrare in contatto con la propria guida interiore.

Salvia: la pianta della salvia è da sempre ritenuta in grado di favorire la saggezza, in latino il suo nome significa ‘salvezza' per le sue funzioni di protezione dalle malattie fisiche, purifica tutto ciò che non è armonico, aiuta a oltrepassare i propri limiti.


5 CHAKRA - ETERE

Il quinto chakra si trova all'altezza delle spalle e ha il suo punto centrale nella gola, comprende il collo con le corde vocali e una parte della mandibola inferiore, si espande dal petto fino agli zigomi, contatta direttamente le vertebre cervicali. È la sede della nostra attenzione, del guardare in faccia la realtà. L'età di sviluppo di questo chakra va dai 25 ai 30 anni per la donna, dai 29 ai 35 per l'uomo. È l'età dove si dovrebbe saper distinguere e scegliere liberamente, allontanando le discipline imposte; e l'inizio della ricerca della consapevolezza e della maggiore spontaneità.

I blocchi relativi a questo chakra sono connessi con il sentirsi esclusi e con l'autoescludersi, con il fingere, il mentire, non voler guardare qualcun altro, o dentro noi stressi. Si manifesta con il somatizzare disturbi quali tensioni alle vertebre cervicali, alle spalle, alle braccia, alle mani, ma anche con laringiti, faringiti, infiammazioni bronchiali croniche, tosse, raffreddori.

VERBO - Il verbo che ne armonizza la giusta vibrazione è: io parlo, esprimo, io creo, io canto, io danzo.

FUNZIONAMENTO ECCESSIVO - Si esprime con logorrea, arroganza, violenza verbale, con la tendenza al giudizio sommario e alla maldicenza, con mancanza di autenticità. Si esprime con disturbi quali tensioni alle vertebre cervicali, alle spalle, alle braccia, alle mani, ma anche laringiti, faringiti, infiammazioni bronchiali croniche, muco, tosse, raffreddori. La sensazione è quella di una stretta in gola, di non riuscire a comunicare e di non farsi capire.

FUNZIONAMENTO INSUFFICIENTE - Si palesa con scarsa sincerità, isolamento, solitudine, vuoto interiore, paura di esprimersi, all'estremo con l'autismo, per paura della disapprovazione degli altri, mancanza di creatività, chiusura perche ci si sente incompresi, diversi e sempre più tristi. La voce debole o stridula, ma anche la balbuzie, indicano poca energia vitale.

SEGNALI DI ARMONIA - Se si è in contatto con la propria verità interiore la si esprime verso l'esterno, con la parola, scritta, parlata o attraverso il canto, la musica, la danza. Anche pianto e riso, silenzio e grido possono indicare un buon equilibrio di questo chakra, quando esprimono e servono a liberare una verità interiore.

SUL PIANO FISICO - Il senso collegato è l'udito, dopo l'olfatto è il senso più importante per il neonato. Gli organi che gli corrispondono sono bocca, laringe, faringe, ghiandole paratiroide e tiroide.








SAPONE Amthu 200gr (basilico - arancio dolce)
Prezzo: € 18,00


SAPONE Amthu 50 gr (basilico - arancio dolce)
Prezzo: € 7,00


Intuizione e percezione, pensiero positivo e intuitivo.

Indaco: collegato al risveglio interiore, è il colore dell'intelletto puro. La conoscenza arriva ora dall'intuito, favorisce l'attività meditativa e la riflessione profonda, sviluppa la comprensione e la concentrazione mentale, in cromoterapia svolge una funzione rilassante, anestetica e purificante il sangue e la mente, tonifica la muscolatura i nervi e la pelle.

Centro della coscienza: la vibrazione del 'terzo occhio' è quella che governa la visione spirituale e fa risuonare le assonanze più profonde.

Basilico: questo olio essenziale guida la nostra mente verso l'apprendimento e la conoscenza, stimola la concentrazione, la chiarezza mentale e la precisione, apre alla devozione e alla compassione, capta e purifica le negatività dell'ambiente.

Arancio dolce:
olio armonizzante e rilassante adatto a temperamenti impulsivi, impazienti, iperattivi, eccitati, favorisce la determinazione, l'ottimismo e il pensiero positivo, scaccia la paura, la tristezza e la preoccupazione, stimola le persone annoiate, combatte la testardaggine e l'egoismo, aiuta a vincere le dipendenze.


6 CHAKRA - CENTRO DELLA COSCIENZA

Il sesto chakra si trova nel mezzo delle sopracciglia, nel centro del cosiddetto terzo occhio, quello che ha la facoltà di vedere oltre le forma e l'apparenza, di focalizzare, il suo nome sanscrito significa conoscere percepire e anche comandare.

Si vive questa condizione nell'età compresa fra i 31 e 36 per le donne è dai 36 ai 42 per gli uomini, tempo di chiedersi, se non lo si è fatto già, se si vuole mettere su famiglia.

Il sesto chakra è il punto dove si fa la somma delle esperienze, delle emozioni; produce il controllo della coscienza e delle reazioni fisiche, dell' equilibrio, dell'orientamento nello spazio nel tempo e in ogni situazione.

I traumi che causano il danneggiamento di questo chakra sono legati al non sentirsi all'altezza (dalle bocciature, alle separazioni), l'apertura del terzo occhio corrisponde alla prima fase del processo di illuminazione, la comprensione immediata del senso profondo dell'esistenza.

Gli squilibri possono manifestarsi attraverso incubi e insonnia, collera, rifiuto di perdonare, invidia, delirio di onnipotenza, controllo totale.

VERBO - Il verbo che ne armonizza la vibrazione è: io vedo oltre ciò che è visibile, io so, io comprendo i segni, io intuisco le relazioni tra gli oggetti del creato, io riconosco.

FUNZIONAMENTO ECCESSIVO - Può portare a eccessi nel controllo, nel razionalizzare le situazioni, fino ad arrivare a un blocco dell'emotività e della sensibilità. Si tende ad alterare la realtà e le percezioni fino ad arrivare a squilibri psichici gravi (nevrosi).

FUNZIONAMENTO INSUFFICIENTE - Si esprime con difficoltà logiche e cognitive, confusione, difficoltà di apprendimento di organizzazione e gestione della propria vita, assenza di progetti, perdita di memoria, problemi agli occhi, naso e orecchie, cervello e ipofisi.

SEGNALI DI ARMONIA - È il chakra che presiede alla visione interiore, la sua attivazione permette l'utilizzo del sesto senso e la capacità di manifestare le percezioni extrasensoriali, sviluppando il chakra si potrà canalizzare l'energia necessaria per realizzare i nostri desideri. Quando il chakra del cuore è aperto in congiunzione con il sesto chakra possiamo trasmettere le nostre energie benefiche anche a distanza.

SUL PIANO FISICO - È legato al senso dell'equilibrio. Gli organi: encefalo, emisferi cerebrali. La ghiandola endocrina collegata è l'ipofisi.







SAPONE Amthu 200gr (elemi - incenso)
Prezzo: € 18,00


SAPONE Amthu 50 gr (elemi - incenso)
Prezzo: € 7,00


Unione con il divino collegamento con la coscienza universale.

Porpora: è il colore dello spirito, della conoscenza del misticismo. Ha la maggiore frequenza e l'energia più alta dello spettro visibile. È collegato alla fantasia, alla creatività artistica, all'attrazione magica, favorisce la capacità di meditazione e dì contemplazione, calma l'eccitabilità nervosa, per l'insonnia, le nevrosi, i traumi, l'affaticamento mentale, per le cefalee da nevralgie, la caduta dei capelli, stress, reumatismi e neuralgie in genere.

Lemi: il suo nome in arabo significa "sopra e sotto"; agisce unendo i chakra superiori e inferiori, equilibra l'aspetto spirituale e pratico dell'esistenza, porta un messaggio di pace, concilia gli opposti, aiuta ad apprezzare le diversità nelle persone e a scegliere. Le sue proprietà unificanti ed equilibranti sono utili nelle meditazioni di gruppo, per favorire l'armonia delle energie dei partecipanti.

Incenso: aiuta a metterci in contatto con la nostra parte eterna e divina, favorisce il legame tra terra e cielo. È uno degli aromi più antichi, usato da oltre 3000 anni per le sue proprietà purificanti e protettive e per allontanare le vibrazioni negative e opprimenti oltre che per favorire la meditazione, l'ispirazione e l'elevazione spirituale. Aiuta a lasciare andare ogni legame con il passato che vincola e che ostacola.



7 CHAKRA - CENTRO DELLA SPIRITUALITA'

Il settimo chakra si trova nel luogo della fontanella, che nei neonati rimane aperta nei primi mesi quasi per facilitare la riunione con l'energia cosmica, dunque un canale per l'energia più sottile che permette l'unione con l'universo.

In sanscrito è sahasrara chakra (che significa mille volte tanto) quando si raggiunge l'unità al nostro interno, va donata a mille persone da cercare intorno a noi. Questo chakra espande la sua energia nella donna dai 37 ai 42 anni, mentre nell'uomo l' età è compresa tra i 43 ai 49 anni.

In questo periodo si possono vivere dubbi sulle scelte fatte, sul non essere all'altezza delle situazioni che si vivono. Se non si hanno ancora figli si deve decidere quanto prima. I blocchi ad esso collegati possono provenire da eventi traumatici che "dissestano" sia il proprio territorio (da traslochi in età infantile a catastrofi come un terremoto), ma anche eventi scioccanti come la morte improvvisa di una persona cara.

VERBO
- Il verbo che ne armonizza la vibrazione è: io mi affido, io mi abbandono al flusso della vita e al mio destino con fiducia.

FUNZIONAMENTO ECCESSIVO - Porta a perdita del senso della realtà, ossessione per la spiritualità, visioni, deliri, disturbi della personalità, perdita del senso del confine, senso di onnipotenza, dissociazione dal corpo, può riguardare anche casi di follia collettiva (gli efferati crimini contro l'umanità, gli stermini, le pulizie etniche, le persecuzioni razziali, le guerre…).

FUNZIONAMENTO INSUFFICIENTE
- Genera senso di separazione da stessi e dagli altri, disorientamento, squilibrio psico-fisico, perdita del senso della vita, influenzabilità, incapacità di discernimento tra il bene e il male, cinismo spirituale, rigidità di pensiero, apatia, eccesso di energia nei chakra inferiori. A livello fisico, emicranie e mal di testa in genere, amnesie.

SEGNALI DI ARMONIA - Unire il sé superiore con l'inferiore, completare la persona, (saggezza e comprensione su tutti i livelli) in assenza di paura o desiderio. C'è già la completezza nel possedere se stessi, apertura all'amore infinito, pace e libertà.

SUL PIANO FISICO
- Gli organi sono telencefalo e corteccia cerebrale, la ghiandola endocrina è l'epifisi o ghiandola pineale.







OLIO CORPO VIBRAZIONALE 100 ml
GOCCE DI PROTEZIONE
All'interno un quarzo ialino naturale
Prezzo: € 33,00


(olio di nocciole - lino - mandorle - pachouli - sandalo - legno di cedro)

Pongo me stesso, e quanto mi appartiene, sotto la mia vigile protezione.


Olio di antica tradizione (olio di nocciole, simbolo di protezione e fortuna; olio di mandorle, prosperità e sapienza; olio di lino, abbondanza e bellezza).

Aromaterapia da oli essenzali puri (patchouli, messaggero di forza e energia; sandalo, riequilibrante di aggressività, paure e tensioni nervose; cedro, portatore di stabilità e coraggio) per bilanciare le nostre emozioni con l'olfatto; l'olio viene poi sottoposto alle frequenze dei suoni che favoriscono l'armonia dei piani emozionale, mentale e fisico, e alle vibrazioni del rosso (in cromoterapia: protezione, energia, coraggio, difesa) ed energizzanti del cristallo di quarzo ialino naturale.

Un olio che si prende cura della nostra pelle e restituisce armonia, da utilizzare come dopo bagno e per il massaggio, non untuoso, di perfetta penetrabilità e rapido assorbimento, frutto di una miscela selezionata di ingredienti naturali.
Drenante, tonico e stimolante del microcircolo, nutriente e idratante della pelle.






OLIO CORPO VIBRAZIONALE 100 ml
GOCCE DI PERDONO
All'interno un quarzo ialino naturale
Prezzo: € 33,00

(olio di oliva - lino - girasole - camomilla - ylang ylang - lavanda)

La capacità di perdonare è uno dei maggiori poteri dati all'uomo.

Olio di antica tradizione (olio di oliva, simbolo di guarigione e potenza; olio di lino, abbondanza e bellezza; olio di girasole, risanamento e saggezza).

Aromaterapia da oli essenzali puri (camomilla, induttore di autentico perdono; ylang ylang, dissipante di collera e rancore; lavanda, ausiliario di pace e felicità) per bilanciare le nostre emozioni con l'olfatto; l'olio viene poi sottoposto alle frequenze dei suoni che favoriscono l'armonia dei piani emozionale, mentale e fisico, e alle vibrazioni del verde (in cromoterapia: rigenerazione e guarigione) ed energizzanti del cristallo di quarzo ialino naturale.

Un olio che si prende cura della nostra pelle e restituisce armonia, da utilizzare come dopo bagno e per il massaggio, non untuoso, di perfetta penetrabilità e rapido assorbimento, frutto di una miscela selezionata di ingredienti naturali.
Elasticizzante, emolliente, rilassante le tensioni muscolari, lenitivo delle irritazioni cutanee.



OLIO CORPO VIBRAZIONALE 100 ml
GOCCE DI LUCE
All'interno un quarzo ialino naturale
Prezzo: € 33,00


(olio di borragine - girasole - mandorle - neroli - limone - arancio dolce)

C'è in noi una scintilla grande, l'energia che dà corpo ai desideri.

Olio di antica tradizione (olio di borragine, simbolo di risolutezza ed energia psichica; olio di mandorle, prosperità e sapienza; olio di girasole, risanamento e saggezza).

Aromaterapia da oli essenzali puri (limone, portatore di luce ed energia; arancio dolce, tramite di unione divina; neroli, facilita il cammino spirituale) per bilanciare le nostreemozioni con l'olfatto; l'olio viene poi sottoposto alle frequenze dei suoni che favoriscono l'armonia dei piani emozionale, mentale e fisico, e alle vibrazioni del giallo oro (in cromoterapia: luce, sole, apertura alla via dello spirito e alla percezione) ed energizzanti del cristallo di quarzo ialino naturale.

Un olio che si prende cura della nostra pelle e restituisce armonia, da utilizzare come dopo bagno e per il massaggio, non untuoso, di perfetta penetrabilità e rapido assorbimento, frutto di una miscela selezionata di ingredienti naturali.
Drenante, tonico e stimolante del microcircolo, nutriente e idratante della pelle.




Incensi dei Chakra

È importante stare qualche ora al giorno in un ambiente che abbia una vibrazione controllata.

Gli incensi Fiore D’Oriente per i Chakra, sono stati realizzati seguendo gli antichissimi insegnamenti Vedici.

Gli Incensi dei Chakra sono studiati appositamente per la terapia energetica.

Ognuno di essi copre un preciso campo vibrazionale, in relazione a uno dei sette Chakra evolutivi. All’interno della busta c’è un segnalibro promemoria.

L’utilizzo costante di queste fragranze aiuta ad armonizzare il sistema energetico.


Si accendono (in condizioni di massima sicurezza) sempre lontano qualche metro dalle persone. Gli incensi servono per gli ambienti e per gli oggetti, quindi non è necessaria la vicinanza con le persone, anzi è sconsigliata.
Va molto bene accenderli prima di uscire, o in una stanza vicina a quella in cui siamo, oppure nella stessa stanza ma non vicino. Inserire sempre il bastoncino in uno specifico portaincensi, oppure in un vaso con sabbia sul fondo, lontano da tende o oggetti che potrebbero essere rovinati.



Ingredienti Masala
miele, polvere di legno pregiato, resine odorose, oli vegetali, erbe, spezie, oli essenziali, bamboo.

Lunghezza sticks:
cm 23
Peso di 1 stick: g 1,6 - 1,8
Durata combustione: 65-80 minuti




INCENSO AJNA CHAKRA
Produttore: Fiore D'Oriente
Prezzo: € 6,00


I chakra sono ponti tra la psiche e il soma, tra l'interno e l'esterno, tra il microcosmo e il macrocosmo. Attraverso il sistema dei chakra, corpo e mente sono in continua comunicazione. La prinicipale funzione dei sette chakra è quella di integrare energia e coscienza. Gli incensi vengono preparati seguendo scrupolosamente le ricette provenienti da antichissime della medicina tradizionale indiana.

Gli impasti sono composti da miele, polvere di legno pregiato, resine odorose, oli vegetali, erbe officinali, oli essenziali, bamboo.

La combustione dura circa 70 minuti, e lascia nell'aria un filo di profumo che rimane per diverse ore, donando pace, serenità e freschezza. Una confezione contiene 20 bastoncini.

Garantito senza sostanze tossiche.



INCENSO ANAHATA CHAKRA
Produttore: Fiore D'Oriente
Prezzo: € 6,00


I chakra sono ponti tra la psiche e il soma, tra l'interno e l'esterno, tra il microcosmo e il macrocosmo. Attraverso il sistema dei chakra, corpo e mente sono in continua comunicazione. La prinicipale funzione dei sette chakra è quella di integrare energia e coscienza. Gli incensi vengono preparati seguendo scrupolosamente le ricette provenienti da antichissime della medicina tradizionale indiana.

Gli impasti sono composti da miele, polvere di legno pregiato, resine odorose, oli vegetali, erbe officinali, oli essenziali, bamboo.

La combustione dura circa 70 minuti, e lascia nell'aria un filo di profumo che rimane per diverse ore, donando pace, serenità e freschezza. Una confezione contiene 20 bastoncini.

Garantito senza sostanze tossiche.



INCENSO MANIPURA CHAKRA
Produttore: Fiore D'Oriente
Prezzo: € 6,00


I chakra sono ponti tra la psiche e il soma, tra l'interno e l'esterno, tra il microcosmo e il macrocosmo. Attraverso il sistema dei chakra, corpo e mente sono in continua comunicazione. La prinicipale funzione dei sette chakra è quella di integrare energia e coscienza. Gli incensi vengono preparati seguendo scrupolosamente le ricette provenienti da antichissime della medicina tradizionale indiana.

Gli impasti sono composti da miele, polvere di legno pregiato, resine odorose, oli vegetali, erbe officinali, oli essenziali, bamboo.

La combustione dura circa 70 minuti, e lascia nell'aria un filo di profumo che rimane per diverse ore, donando pace, serenità e freschezza. Una confezione contiene 20 bastoncini.

Garantito senza sostanze tossiche.



INCENSO MULADHARA CHAKRA
Produttore: Fiore D'Oriente
Prezzo: € 6,00


I chakra sono ponti tra la psiche e il soma, tra l'interno e l'esterno, tra il microcosmo e il macrocosmo. Attraverso il sistema dei chakra, corpo e mente sono in continua comunicazione. La prinicipale funzione dei sette chakra è quella di integrare energia e coscienza. Gli incensi vengono preparati seguendo scrupolosamente le ricette provenienti da antichissime della medicina tradizionale indiana.

Gli impasti sono composti da miele, polvere di legno pregiato, resine odorose, oli vegetali, erbe officinali, oli essenziali, bamboo.

La combustione dura circa 70 minuti, e lascia nell'aria un filo di profumo che rimane per diverse ore, donando pace, serenità e freschezza. Una confezione contiene 20 bastoncini.

Garantito senza sostanze tossiche.



INCENSO SAHASRARA CHAKRA
Produttore: Fiore D'Oriente
Prezzo: € 6,00


I chakra sono ponti tra la psiche e il soma, tra l'interno e l'esterno, tra il microcosmo e il macrocosmo. Attraverso il sistema dei chakra, corpo e mente sono in continua comunicazione. La prinicipale funzione dei sette chakra è quella di integrare energia e coscienza. Gli incensi vengono preparati seguendo scrupolosamente le ricette provenienti da antichissime della medicina tradizionale indiana.

Gli impasti sono composti da miele, polvere di legno pregiato, resine odorose, oli vegetali, erbe officinali, oli essenziali, bamboo.

La combustione dura circa 70 minuti, e lascia nell'aria un filo di profumo che rimane per diverse ore, donando pace, serenità e freschezza. Una confezione contiene 20 bastoncini.

Garantito senza sostanze tossiche.



INCENSO SWADHISTANA CHAKRA
Produttore: Fiore D'Oriente
Prezzo: € 6,00


I chakra sono ponti tra la psiche e il soma, tra l'interno e l'esterno, tra il microcosmo e il macrocosmo. Attraverso il sistema dei chakra, corpo e mente sono in continua comunicazione. La prinicipale funzione dei sette chakra è quella di integrare energia e coscienza. Gli incensi vengono preparati seguendo scrupolosamente le ricette provenienti da antichissime della medicina tradizionale indiana.

Gli impasti sono composti da miele, polvere di legno pregiato, resine odorose, oli vegetali, erbe officinali, oli essenziali, bamboo.

La combustione dura circa 70 minuti, e lascia nell'aria un filo di profumo che rimane per diverse ore, donando pace, serenità e freschezza. Una confezione contiene 20 bastoncini.

Garantito senza sostanze tossiche.



INCENSO VISHUDDA CHAKRA
Produttore: Fiore D'Oriente
Prezzo: € 6,00


I chakra sono ponti tra la psiche e il soma, tra l'interno e l'esterno, tra il microcosmo e il macrocosmo. Attraverso il sistema dei chakra, corpo e mente sono in continua comunicazione. La prinicipale funzione dei sette chakra è quella di integrare energia e coscienza. Gli incensi vengono preparati seguendo scrupolosamente le ricette provenienti da antichissime della medicina tradizionale indiana.

Gli impasti sono composti da miele, polvere di legno pregiato, resine odorose, oli vegetali, erbe officinali, oli essenziali, bamboo.

La combustione dura circa 70 minuti, e lascia nell'aria un filo di profumo che rimane per diverse ore, donando pace, serenità e freschezza. Una confezione contiene 20 bastoncini.

Garantito senza sostanze tossiche.



Chakra Test - Metodo Diagnostico - CD
Prezzo: € 20,00

Una corretta diagnosi è alla base di qualsiasi buon risultato.

Il metodo più sicuro e completo è il Chakra Test, che è preciso ed unico nel suo genere.
Nasce da esperienze e studi molto approfonditi e da una sperimentazione durata anni.
È uno strumento prezioso ed economico per i terapeuti e per tutti coloro che desiderano un approccio sicuro, rigoroso e preciso alla medicina energetica e vibrazionale.
Il Chakra Test permette di misurare le energie dei sette Chakra evolutivi e di caratterizzarne i principali aspetti e squilibri, così da poterli correggere migliorando notevolmente la qualità della propria vita.

Il Chakra Test funziona su tutti i “pc” e può essere stampato in ogni sua parte.

Quanto si impiega a fare il Chakra Test? 30 minuti circa.
Cosa bisogna fare? Leggere a voce alta le domande che compariranno di volta in volta e muovere il mouse facendo un solo clic a risposta.
Quante volte si deve fare il Chakra Test? Una volta al mese.
Dopo la diagnosi, si passa all’applicazione dei vari rimedi (suggeriti dal materiale informativo) per 30 giorni; dopodiché si ripete il Chakra Test per verificare i risultati ottenuti.



Come si interpreta il Chakra Test?


Il programma di elaborazione è composto da due parti, una riguardante i “risultati” del Test e l’altra “informativa” composta da 35 pagine che spiegano in modo esauriente le varie problematiche dei Chakra, caso per caso.

A fianco è riportato un esempio di risultato del Chakra Test, dal quale si evidenziano in colore rosso i Chakra da riequilibrare e sui quali intervenire con i nostri rimedi.


Le informazioni riportate in questa pagina sono solo a scopo informativo, tratte da un'ampia sitografia presente in internet. L'unica finalità è quella di mantenere il valore e la natura della rete: la facile reperibilità di informazione.
Le informazioni sui principi attivi dei singoli componenti dei prodotti e sui prodotti stessi, desunte tutte da un'ampia sitografia presente in rete, e dai siti delle ditte fornitrici, non intendono trattare, curare alcuna malattia o patologia. Queste potrebbero, inoltre, riportare errori e/o omissioni. Pertanto ogni utilizzo improprio è a proprio rischio e pericolo. Si ricorda, altresì, che gli integratori alimentari non sono prodotti curativi e pertanto non possono vantare alcuna proprietà terapeutica. Le indicazioni, presenti sul sito, fanno riferimento all'impiego per il sostegno dell'organismo in periodi particolarmente difficili.


Home Page | INFORMATIVA | Condìzioni di VENDITA | Novità | PROMOZIONI | Idee REGALO | Curiosità | Contatti | Dove siamo | Dicono di noi | | | Acqua | Acqua e Sale | Acqua e Sapone | Alcalinizzanti | Alimentari | Alga KLAMATH | Alghe marine | Allergie | Aloe | Aminoacidi e Proteine | Animali | Antidolore | Antiossidanti | Antinfluenza | Antizanzare | Ansia e stress | AntiAge | Arcobaleno BIMBI | Argan olio | Argento Oro... Colloidi | Aromaterapia | Articolazioni | Attivatori energetici | Auricoloterapia | Ayurveda | Baobab | Biopan e Vitapan | BIOTTA succhi | CAISSE formula | Calcolosi renale | Canapa | Candida | Capelli CURA | Capelli Professional | CAPELLI RICRESCITA | CELLFOOD | Cerotti LIFEWAVE | Colesterolo | Colostro | Cosmeceutica | Cura del corpo | Cristalloterapia | Depurazione | Digest | DIETA ZERO | Dolcificanti naturali | Enzimi | Erbario | Essenze DONNA | Essenze UOMO | Estratti SPAGIRICI | Fibromialgia | Floriterapia | FitoDETERSIVI | Fitoterapici | Fosfatidilcolina | Glicemia | Guam | Gruppi sanguigni | Helix | Incensi | Infertilità | Infrared | Infiammazione | Integratori Salini | Ipertensione | Lei | Lei cellulite | Lei cistite | Lei cura della pelle | Lei gambe | Lei menopausa | Lei Sex | Lei SPM | Lui e Lei | Lui | MELATONINA | Memoria | Micoplasmi | Micoterapia | MICROIDRINA | NONI | Nutraceutica | Oggettisica | OLI vegetali | Oligoelementi | Olivo | Omega 3-6-9 | PAPAYA | Propoli | Saponi Aleppocolors | Saponi Dr. Bronners | Semi di Pompelmo GSE | Solari | Sovrappeso e obesità | Stitichezza | Supporto oncologico | TEA TREE oil | Tè accessori | Tè e Infusi | Tè MACTHA | Tè TULSI | Termoterapia | Tiroide | Tisane TMG | Vitamine e Minerali | Zeolite | | | DITTE E PRODOTTI | AVD | ALEPPO COLORS | BIOLOERBE | BIOS LINE | DERBE | ELICINA | EOS | ERBAVITA | ERBOLARIO | FREELAND | GUAM | JAMIESON | Laboratorio Di LEO | LEPO | MAGENTINA | MONTHERM | NATURAL POINT | NATURE'S | NEW MERCURY | NUTRIVA | PRODECO | RE.NA.CO. | SOLGAR | SOLIME' | VIVIDUS | ZUCCARI | | | ACMOS | TAOPATCH | CLARK zapper | ENERGIA sottile | Diagnosi dal volto | Ritmi Circadiani | Intimo HITECH | Test della ballerina | Dr. Filippo Ongaro | Link Amici | Mappa del sito

Privacy Policy

Torna ai contenuti | Torna al menu